Genova 18 aprile 2011 – Indagine del Senato sulle concessioni demaniali marittime ad uso turistico ricreativo

Postato il: 19 aprile, 2011 | Lascia un commento

Proseguono le audizioni della commissione 8° e 10° del Senato finalizzate all’indagine conoscitiva sul nostro settore. Ieri, 18 aprile, in Prefettura a Genova, una delegazione della commissione unificata ha ascoltato gli assessori regionali Marilyn Fusco (Vicepresidente e Assessore Pianificazione territoriale, urbanistica), Angelo Berlangieri (Assessore al Turismo, cultura, spettacolo) e gli altri soggetti invitati: sindaci e assessori al turismo dei comuni costieri, associazioni di categoria. Fuori, in Largo Lanfranco, quattro gatti: pochi da Genova, pochi dal resto della Liguria, una ventina da Celle e Varazze, avvisati personalmente da noi, che a nostra volta siamo stati informati da nostri corrispondenti della Toscana e della provincia di Genova. COMITATO BALNEARI LIGURIA è ancora in rodaggio e ha potuto fare poco per organizzare. Il SIB, che ovviamente sapeva ed era presente con dirigenti di prim’ordine, non ha ritenuto opportuno informare la base. Fa parte del suo Dna, quindi nessun commento. Esauriente la relazione del presidente Borgo. Tutti gli intervenuti all’audizione si sono dichiarati contrari alle gare ad evidenza pubblica e favorevoli alla richiesta di  esclusione del  nostro settore dalla direttiva Bolkestein. Un altro piccolo passo avanti.

Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE