Comunitaria 2010, articolo 11: discussione in senato. Resoconto ufficiale della seduta n. 319 del 20/09/2011.

Postato il: 21 settembre, 2011 | 2 Commenti

Ecco il resoconto ufficiale della seduta 20 settembre 2011, nel corso della quale l’On.le Grillo, presidente della 8° commissione permanente del Senato, ha rinviato la discussione circa l’articolo 11 della Comunitaria 2010, subordinandola alla preventiva audizione di Annamaria Bernini, neoministro delle politiche comunitarie. Non è esattamente quello che volevamo (cioè lo stralcio dell’intero articolo 11), ma è già qualcosa, se pensiamo che l’On.le Grillo, nell’incontro avuto con il nostro comitato il 16 luglio scorso (cfr. post: DAL SENATORE GRILLO: LA BOLKESTEIN SI APPLICA!!), ci aveva prospettato unicamente: aste con paletti.



Commenti

2 Commenti a “Comunitaria 2010, articolo 11: discussione in senato. Resoconto ufficiale della seduta n. 319 del 20/09/2011.”

  1. Marco
    settembre 21, 2011 @ 22:01

    Aste con paletti E’ una proposta che non condivido ma ormai sono in troppi a prospettarle piu’ che con parole con i fatti in ambito governativo : Grillo e Bernini stessa

  2. admin
    settembre 22, 2011 @ 07:32

    No, Marco, non dobbiamo assolutamente accettare la proposta di aste con paletti, da chiunque ci venga. Oltre al rischio di perdere le concessioni, ci esporrebbe, nei casi a noi favorevoli, a una pericolosissima ipotesi di reato: turbativa d’asta. Pensa a quello che sta succedendo in Puglia.

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE