La delega al sindacato non è una delega in bianco.

Postato il: 7 ottobre, 2011 | Lascia un commento

Al nostro rientro da San Benedetto del Tronto commentiamo le notizie che Movimento Balneare ha diramato al termine dell’incontro di lunedì 3 ottobre, notizie che riportiamo integralmente:

“Alle 15 e’ terminato l’incontro tra i Sindacati Sib/Fiba e il Comitato “No alle Aste”. Il confronto c’e’ stato… burrascoso, ma almeno dal Sib e dal Comitato sono usciti 2 comunicati stampa importanti.
Siamo soddisfatti, i sindacati hanno ascoltato noi e i balneari del Comitato. Adesso hanno visto nei nostri occhi la totale assenza di segni di resa. No alle Aste e basta!! Abbiamo parlato di deroga, manifestazioni, vendita dei terreni, fondi e multinazionali.

ECCO I COMUNICATI:

COMUNICATO DEL COMITATO SALVATAGGIO IMPRESE E TURISMO BALNEARE “NO ALLE ASTE”:

In relazione all’incontro, il Comitato prende atto che le organizzazioni sindacali incontrate sostengono come obiettivo primario il principio della continuità delle imprese balneari, raggiungibile con la deroga alla direttiva comunitaria Bolkestein per evitare cosí l’evidenza pubblica delle imprese balneari, riconoscendo la necessità di creare un percorso unitario attraverso convegni e prossime manifestazioni, compresa quella programmata alla fiera Sun di Rimini prevista nei giorni 20-22 Ottobre prossimi.
Il Comitato ha altresí sollecitato un impegno forte per un’iniziativa urgente presso le sedi competenti a Bruxelles.
Nel corso dell’incontro è stata sollevata ai vertici sindacali anche la problematica riguardante un balneare del Friuli Venezia Giulia che è in sciopero della fame da 27 giorni per il mancato rinnovo della sua concessione.
Presente inoltre Luca Marini presidente AFIB (Associazione Fornitori Italiani Balneari) il quale ha evidenziato con forza la grave situazione già in atto per le imprese dell’indotto a rischio fallimento.

In rappresentanza del Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano
Emiliano Favilla
Fabrizio Maggiorelli 

COMUNICATO SINDACATO SIB (Sindacato Italiano Balneari)

BALNEARI: SIB INCONTRA COMITATO SALVA IMPRESE
Al SUN di Rimini convegno nazionale unitario e manifestazione di protesta.

Il S.I.B. Sindacato Italiano Balneari aderente a Confcommercio, in occasione dell’incontro odierno con il Comitato Salva Imprese ha ribadito che la propria strategia, tendente ad assicurare certezza e continuità sul futuro delle imprese turistico-ricreative italiane, è quella già illustrata ai Ministri Raffaele Fitto e Anna Maria Bernini e cioè la necessità che il Governo si rechi al più presto a Bruxelles per chiedere la deroga alla normativa europea sulle concessioni demaniali marittime o qualsiasi altro strumento atto a far uscire le imprese balneari dal rischio dell’evidenza pubblica. Ha inoltre comunicato che in occasione della fiera di settore SUN – 29° Salone Internazionale dell’Esterno – il 22 ottobre a Rimini sarà organizzato da tutte le rappresentanze balneari un convegno nazionale unitario sul tema “Il futuro delle imprese balneari”, e, contemporaneamente, sarà indetta una manifestazione di protesta unitaria per sensibilizzare il Governo, il Parlamento e l’opinione pubblica in merito ai gravi problemi della categoria.

Roma, 3 ottobre 2011″



Sappiamo che i comunicati ufficiali in genere dicono poco, in questo caso dicono meno di niente, perché due degli interlocutori redigono documenti separati e il terzo, la FIBA, evita addirittura di esprimersi. Saranno i fatti a chiarire cosa il SIB intenda con le proprie dichiarazioni e cosa la FIBA nasconda sotto il proprio silenzio. Ma una cosa il SIB deve capire fin d’ora con chiarezza: la delega che gli è stata conferita dai singoli concessionari, attraverso l’adesione all’associazione, non è una delega in bianco. Finora il sindacato ha dimostrato:
1.- di non aver saputo valutare correttamente la situazione di pericolo, nel momento in cui la Direttiva Bolkestein veniva discussa e approvata;
2.- di non aver saputo dare autonomamente una svolta alle trattative con il governo, dopo la notifica della procedura di infrazione. Senza un deciso intervento della base, le trattative finora svolte si sarebbero concluse da tempo con un vero e proprio disastro per la categoria;
3.- di non sapersi rapportare con la base.

Abbiamo seri dubbi sul fatto che il SIB abbia realmente e lealmente recepito le istanze espresse dai suoi interlocutori il 3 ottobre. Sarà il caso di ribadire il tutto al SUN. E’ quindi essenziale che la partecipazione al convegno da parte dei concessionari sia ampia, attenta e agguerrita. Appuntamento al SUN.



Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE