Il governo Monti e il senso di responsabilità

Postato il: 14 febbraio, 2012 | 2 Commenti

Il Governo Monti, con apprezzabile senso di responsabilità, non firma l’impegno ufficiale richiesto per l’organizzazione delle olimpiadi 2020. Valutazione interessante, perché altrettanta attenzione, prudenza e responsabilità ci aspettiamo nei confronti della questione balneare italiana.







Commenti

BIT 2012: CONFERENZA STAMPA GNUDI-TAJANI

Postato il: 14 febbraio, 2012 | Lascia un commento

Giovedì 16 febbraio, alla Fiera di Milano (Rho) – giornata inaugurale di BIT 2012 – il ministro per gli Affari regionali, Turismo e Sport, Piero Gnudi e il Vice Presidente della Commissione europea, responsabile per industria e imprenditoria, on.le Antonio Tajani, incontreranno la stampa alle 12.30 presso lo stand del Ministero del Turismo, padiglione numero 1. Segnalazione di Gianni Bazzurro, confermata da Turismo e Finanza.it e altri.

Qualcuno dei presenti al BIT potrebbe chiedere al ministro come intende uscire dalla questione balneare italiana?



Commenti

Roma 23 febbraio 2012: il Governo non vuole confrontarsi con le le Regioni

Postato il: 14 febbraio, 2012 | 1 commento

Leggere tra le righe la convocazione del ministro Gnudi aiuta a capire: esclusi i comitati e le Regioni, i più strenui sostenitori del turismo balneare made in Italy. Ammesso il solo Vasco Errani, presidente della Conferenza delle regioni, per insuperabile correttezza formale. Così non va, l’intenzione di farci fuori è evidente. Abbiamo chiesto con forza che i comitati siano rappresentati, ora lo chiediamo con altrettanta determinazione per le Regioni, Marche (capofila Turismo) e Liguria (capofila Demanio) in testa. Errani non basta.
I balneari vogliono collaborare alla ripresa economica nazionale facendo la loro parte, ma non sono carne da macello. Anche per noi “liberalizzare” deve significare più concorrenza, cioè apertura a nuovi insediamenti balneari, non certo il cambio della guardia. Difendiamo le nostre aziende e la nostra vita!!



Commenti

Europarlamentari a difesa del turismo balneare

Postato il: 14 febbraio, 2012 | 1 commento

Venerdì 17, alle ore 15:00, in Genova, presso la locale ASCOM, via Cesarea 8/4, sala Bagnara, la Libera associazione degli stabilimenti balneari della provincia di Genova promuove l’incontro con gli europarlamentari Morganti e Salvini, alla presenza di Riccardo Borgo, presidente nazionale SIB.
Pubblichiamo di seguito una sintetica scheda di ciascuno dei due europarlamentari, che hanno dimostrato attenzione e interesse per la nostra causa. Da loro ci aspettiamo un incisivo sostegno in ambito europeo.

Claudio MORGANTI – LEGA NORD TOSCANA
E’ membro del Parlamento europeo, con mandato in scadenza al 2014. Si è occupato e si occupa attivamente della questione balneare, in relazione alla quale lo abbiamo conosciuto a fine settembre – primi ottobre 2011, quando fu resa nota la Risoluzione del Parlamento europeo del 27 settembre 2011: “Relazione sull’Europa quale prima destinazione turistica mondiale”.
Matteo SALVINI – LEGA NORD LOMBARDIA
E’ membro del Parlamento europeo, con scadenza mandato al 2014. Si è occupato e si occupa attivamente della questione balneare. Nello scorso gennaio, a seguito di un incontro pubblico in Recco, Comitato Balneari Liguria gli ha trasmesso copia del documento che le quattro maggiori sigle sindacali hanno consegnato ai ministri Moavero Milanesi e Gnudi.




Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE