BOLKESTEIN: QUALCOSA PUÒ CAMBIARE DA LUNEDÌ 30 APRILE

Postato il: 29 aprile, 2012 | Lascia un commento

Roberta Angelilli, Vicepresidente del Parlamento europeo, venerdì 27 aprile 2012 alle ore 17.43 ha pubblicato su FB questo comunicato stampa:

“Il prossimo Consiglio dei Ministri previsto per lunedì 30 aprile presenta all’ordine del giorno l’esame preliminare per le modifiche e integrazioni del decreto di recepimento della Direttiva servizi, la cosiddetta Bolkestein. Questa deve essere l’occasione per adottare quelle disposizioni integrative e correttive, proprio come è previsto dalla legge comunitaria del 2008, volte a rispondere a tutti quei settori, che in questi mesi hanno espresso le proprie legittime preoccupazioni, come le imprese balneari e il commercio al dettaglio su aree pubbliche. Importante è che il Governo, pur nel rispetto dei principi della legislazione comunitaria, recepisca le indicazioni che vengono dal mondo produttivo italiano fatto di piccole e micro imprese che rischiano, se il testo non dovesse subire alcun modifica, di essere seriamente danneggiate.
Occorre invece tutelare la specificità dell’imprenditoria italiana, in particolare del turismo e del commercio, dando legittima voce oltre che agli imprenditori anche agli enti locali che in più occasioni hanno ribadito l’urgenza di stabilire norme chiare e non penalizzanti. Anche perché alcuni Stati membri hanno usufruito di deroghe nell’applicazione della direttiva Bolkestein. “





Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE