MONTICELLI E TOMEI: NO AL DECRETO LEGISLATIVO AMMAZZABALNEARI

Postato il: 14 ottobre, 2012 | Lascia un commento

Il tempo di tirare il fiato e Luciano Monticelli, delegato nazionale ANCI al Demanio marittimo, e Cristiano Tomei, coordinatore nazionale Cna Balneatori, sono di nuovo in pista, con un’intervista a TG3 Abruzzo (intervallo 00:08:0600:10:04), alla quale Tomei aggiunge il comunicato stampa che riportiamo:

«Le Regioni devono stare al nostro  fianco. La richiesta contenuta nel documento del 26 giugno scorso – controfirmata dall’A.N.C.I.  e dall’U.P.I. – è chiara : “… invitiamo fortemente il Governo ad avviare un confronto con le regioni e gli altri livelli istituzionali sui contenuti di eventuali provvedimenti normativi, PRIMA che gli stessi vengano presentati formalmente per le intese richieste”. Nello stesso documento si chiede, sempre al Governo, di “… conoscere quale sia lo stato della situazione nel confronto con la Commissione Europea e nello  specifico se c’è stata interlocuzione, o se ha intenzione di avviarla, ai fini di valutare la possibilità della esclusione delle concessioni dalla applicazione della direttiva, e in caso negativo, quali siano i motivi ostativi in tal senso.”
Per noi la posizione ufficiale è questa. Questa è la posizione che sosteniamo unitariamente ai sindacati maggioritari e che va sostenuta. Saremo molto sorpresi nell’apprendere una posizione diversa. Con queste premesse il decreto deve essere ritirato.»



Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE