NOTIZIE UE DA PAOLO BARTOLOZZI

Postato il: 11 novembre, 2012 | Lascia un commento

Antonio Smeragliuolo, responsabile di ITB Italia per la Toscana, ci ha cortesemente riferito il colloquio telefonico intercorso con l’on.le Paolo Bartolozzi (PPE) a proposito dell’incontro del 6 novembre a Bruxelles tra il ministro Moavero Milanesi e gli europarlamentari italiani.
La Commissione Europea non si è ancora espressa circa la compatibilità della proposta spagnola rispetto alla normativa europea. Se l’esito di questa ricognizione dovesse risultare favorevole, il Governo italiano sarebbe autorizzato a tutelare, in ambito nazionale, i diritti acquisiti dagli imprenditori balneari, in perfetta analogia con quanto è stato fatto in Spagna. Bartolozzi ritiene che anche la normativa europea sulle concessioni, ancora in elaborazione, possa costituire un elemento di salvaguardia per le aziende balneari italiane e informa di avere personalmente ricordato al ministro Moavero Milanesi le soluzioni che alcune fonti italiane, tra cui ITB Italia, hanno indicato, al fine di consentire una positiva conclusione alla questione balneare.
Bartolozzi auspica che, conosciuta la decisione della Commissione Europea, lo Stato italiano decida di tutelare gli attuali concessionari, salvaguardandone gli investimenti e consentendo loro la continuità aziendale, indispensabile per evolvere le aziende balneari attraverso una strategia di lungo periodo.



Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE