RIFORMA DEMANIALE SPAGNOLA: COFFERATI SOLLECITA CHIARIMENTO UE

Postato il: 18 novembre, 2012 | Lascia un commento

da Antonio Smeragliuolo

Questo è il testo dell’interrogazione a risposta scritta recentemente presentata alla Commissione europea da Sergio Cofferati, ex sindaco di Bologna ed europarlamentare.
Da mesi l’iniziativa spagnola alla quale Cofferati si riferisce è conosciuta dalla Commissione. Esiste un comunicato stampa 3 agosto 2012 nel quale Viviane Reding – vicepresidente della Commissione e commissario europeo per la Giustizia – commenta l’iniziativa spagnola e se ne compiace.  Tuttavia manca una deliberazione ufficiale e senza il pronunciamento della Commissione difficilmente il Governo italiano accoglierà il contenuto, pressoché uniforme, degli emendamenti presentati in Senato. Basterà l’interrogazione Cofferati per convincere la potente burocrazia europea ad uscire dal suo evidente imbarazzo?



Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE