PD ABRUZZO E QUESTIONE BALNEARE – SCERNE DI PINETO 12 FEBBRAIO 2013 – INTERVIENE RENZO DI SABATINO

Postato il: 16 febbraio, 2013 | 1 commento

Domenico Di Sabatino, detto Renzo – quarto in lista al Senato nella Circoscrizione Abruzzo, capogruppo in Provincia a Teramo – ha proposto alcune considerazioni, che riferiamo. Quando Tomei di CNA Balneatori gli propose uno schema di ordine del giorno nel quale si parlava di liberalizzazioni, Di Sabatino rifettè sul fatto che di liberalizzazioni appunto si trattava e che, liberalizzare un settore non significa eliminare chi già opera al suo interno. Così, ad esempio, non si operò quando si liberalizzarono le licenze dei tassisti. L’ordine del giorno proposto, pertanto, fu sostenuto e approvato all’unanimità, con piccole variazioni. E questo fu un primo segnale di vicinanza nei confronti di una categoria che aveva espresso le sue ragioni, le aveva messe per scritto, le aveva discusse, le aveva proposte alla politica, che le aveva fatte proprie. Di Sabatino assicura che, se sarà eletto, il suo impegno nei confronti dei balneari non verrà meno, come pure non mancherà quello del partito, e l’impegno sarà quello di provare a riaprire una trattativa in Europa, rispetto alla quale per ora il candidato non propone una soluzione, ma una piattaforma di discussione: i nuovi insediamenti potrebbero essere liberalizzati senza toccare quelli esistenti, i quali potrebbero essere assimilati ai nuovi per quanto riguarda i termini. Di Sabatino si impegna a dedicarci la massima attenzione e ad effettuare gli opportuni approfondimenti, metodo di lavoro che, a suo parere, ha recentemente portato il PD nazionale (con Fassina) a modificare le sue originarie impostazioni nei confronti del Turismo balneare, attraverso una maggiore consapevolezza dei dati del problema.
Una seconda considerazione riguarda il rapporto con chi è al governo o comunque amministra. Se chi ha un problema è costretto a chiedere aiuto all’opposizione, come fu costretto Tomei, quando presentò a suo tempo la bozza di ordine del giorno, significa che chi è in maggioranza non sa ascoltare. Questo, a giudizio di Di Sabatino, è esattamente quello che è successo.
Ciò premesso il candidato senatore chiede alla categoria dei balneari attenzione, interessamento e appoggio per i problemi che riguardano il territorio e per i quali la politica ha bisogno dell’imprenditoria locale. Condividiamo la proposta, con noi Di Sabatino sfonda una porta aperta.



Commenti

1 commento a “PD ABRUZZO E QUESTIONE BALNEARE – SCERNE DI PINETO 12 FEBBRAIO 2013 – INTERVIENE RENZO DI SABATINO”

  1. Paolo
    febbraio 17, 2013 @ 13:07

    Mi sembra una posizione concreta, molto vicina a quello che chiede la categoria e non è una promessa elettorale spot…bravo il candidato

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE