CNA BALNEATORI: PERTINENZIALI – APPELLO DI CRISTIANO TOMEI AL SENATO

Postato il: 29 luglio, 2013 | 1 commento

CRISTIANO_TOMEICristiano Tomei

All’Assemblea del Senato è rivolto il nostro appello per attuare immediatamente la temporanea sospensione del pagamento di canoni demaniali, eccessivamente onerosi e non più sostenibili per  250 piccole aziende balneari pertinenziali, che altrimenti rischierebbero la chiusura.
Per non perdere la propria azienda, per evitare la decadenza della concessione demaniale, queste imprese arrivano a pagare canoni annuali che si aggirano intorno ai centomila euro, a causa di un tortuoso meccanismo di calcolo introdotto dalla Finanziaria 2007.
Stiamo parlando di aziende sane, con strutture regolari. Di aziende che svolgono onestamente il proprio lavoro. Fino a quando  riusciranno ad andare avanti in questa difficilissima situazione? I documenti  in nostro possesso dimostrano la loro onesta volontà di attingere a tutte le risorse disponibili per continuare, come fanno dal 2007, ad  assolvere al loro compito di contribuenti e di concessionari.
Ora ci troviamo di fronte ad un bivio: queste piccole imprese hanno materialmente esaurito le proprie risorse economiche e finanziarie per  adempiere contestualmente a due doveri: se riescono a versare  un canone così oneroso non ce la fanno a pagare altri oneri  istituzionali ( tributi, tasse, ecc…). O viceversa. Quindi se salvaguardano la concessione mettono a serio rischio l’azienda. O viceversa.
Ci appelliamo al Senato, che a breve inizierà l’esame del « decreto del fare», perché approvi un provvedimento legato ad un riordino normativo in materia, da attuare in questo esercizio finanziario. Un provvedimento in grado, dunque, di superare le motivazioni della Ragioneria Generale dello Stato e di approvare prontamente una moratoria non più procrastinabile, che dia respiro a 250 aziende pertinenziali, in gravissime ed insostenibile difficoltà.



Commenti

1 commento a “CNA BALNEATORI: PERTINENZIALI – APPELLO DI CRISTIANO TOMEI AL SENATO”

  1. MASSIMO CANEPA
    luglio 30, 2013 @ 15:22

    SONO ASSOLUTAMENTE D’ACCORDO CON LA RICHIESTA AVANZATA AL SENATO, OCCORRE RIVEDERE E RIFORMULARE I MECCANISMI DI CALCOLO PER I CANONI DELLE CONCESSIONI BALNEARI.

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE