IPOTESI TASSA DI SCOPO REGIONE LIGURIA – LETTERA APERTA DI VACCAREZZA A CASCINO

Postato il: 25 settembre, 2013 | Lascia un commento

VACCAREZZA_3Angelo Vaccarezza – vice presidente UPI con delega al Demanio marittimo, esprime a Gabriele Cascino – assessore Pianificazione territoriale, urbanistica della Regione Liguria – le sue perplessità in merito alla proposta di aumentare l’imposta regionale, al fine di costituire un fondo da destinare ad opere di tutela della costa:

“Assessore Cascino,

con il tuo predecessore avevamo iniziato quel percorso che ci ha visto sostenere e difendere i diritti delle Associazioni Balneari dall’applicazione della Direttiva Bolkestein.
Un grande impegno comune che si è poi concretizzato da parte mia, convinto dell’efficacia di agire come squadra, nell’accettare la carica di Vice Presidente Upi e di creare ad hoc la delega al Demanio marittimo. Delega che ha permesso alle Province di poter intervenire in un ambito che non era di competenza diretta, dando loro la possibilità di poter partecipare a tutte le riunioni aventi come oggetto la direttiva Bolkestein e quindi agire a tutela di migliaia di aziende.
Le Province, grazie al mio impegno, sono state sempre in prima linea nella difesa dei balneari, sono andato di persona più volte a Bruxelles, Bologna, Roma, Viareggio, Fiumicino, Rimini, Genova, Cogoleto, Rapallo, Imperia ed in tutti i comuni costieri della provincia savonese, ovvero ovunque la causa dei balneari richiedesse la mia presenza.
Come avrai avuto modo di vedere, anche in questi ultimi giorni, l’azione del Governo risulta ancora confusa ed incerta e rischia di prendere provvedimenti ancora più restrittivi rispetto alla peggiore applicazione della Bolkestein. Ed è quindi proprio in questo momento che occorre più che mai unità fra di noi e forte opposizione contro chi, in Italia ed in Europa, sposa una direttiva la cui applicazione potrebbe generare l’esproprio delle nostre spiagge. Una unità dicevo che però, in considerazione dell’ennesima esclusione della Provincia e del sottoscritto agli incontri da Te promossi, è diventata ormai storia. Se in tempi non sospetti tutto questo poteva essere riconducibile ad una semplice dimenticanza oggi appare una scelta consapevole.
Prendo quindi tristemente atto di tale comportamento, la mia assenza alla riunione di oggi non mi impedirà comunque di esprimere profondo dissenso anche per la strategia che vuoi portare avanti, una strategia priva di soluzioni, senza risposte ma con balzelli che impatteranno su un settore già vessato e con conseguenze devastanti.
Mi chiedo: quando proponi ai nostri imprenditori balneari contributi per il mantenimento delle scogliere o per i ripascimenti delle spiagge sei consapevole che ti rivolgi a chi è in procinto di perdere la propria azienda?.
Meglio quindi non essere stato coinvolto in un incontro ove l’unica protagonista è una politica miope ed egocentrica. Dispiace per coloro che perdono tempo, riponendo speranze in chi, paradossalmente, ben poco conosce l’universo balneare.
Tuttavia ciò che deve prevalere non è l’amarezza o la delusione, ma il senso della responsabilità. 30 mila aziende hanno bisogno dell’impegno di tutti, in virtù dell’unico interesse che veramente conti: la sopravvivenza ed il futuro del mondo balneare. Mi auguro quindi che la Regione Liguria torni ad essere un aiuto, non un ostacolo, al raggiungimento di quello che deve essere il nostro comune obiettivo di tutela e difesa delle imprese balneari italiane.

Angelo Vaccarezza”



Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE