ROMA 18 FEBBRAIO 2014: DURISSIMA PROTESTA CIVILE DI RETE IMPRESE ITALIA

Postato il: 19 febbraio, 2014 | 1 commento

CORRIERE_SERA_19.02.2014_3La prima storica manifestazione nazionale dei piccoli e medi imprenditori italiani – programmata da RETE Imprese Italia prima della crisi di Governo e puntuale richiamo al Governo che verrà – ha visto Piazza del Popolo gremita ai limiti della capienza e della sicurezza. Numeri impressionanti, probabilmente superiori alle 50 mila presenze stimate dalle forze dell’ordine, le quali, a nostro giudizio,  hanno sottovalutato l’afflusso e non hanno posto in essere misure adeguate. Auto e moto hanno continuato pericolosamente ad attraversare il gruppo dei manifestanti, sulla strada tangente la piazza a nord, fortunatamente senza incidenti.
I messaggi coerenti dei presidenti le confederazioni organizzatrici  – Casartigiani, CNA, Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti – hanno ricordato a politica ed istituzioni che la piccola e media impresa è la più importante forza economica del Paese e hanno chiesto che delle sue imprescindibili esigenze – che sono quelle di un’economia sana e “normale”, all’interno della quale il ruolo della finanza deve essere opportunamente ridimensionato e regolato – si tenga conto nel predisporre le misure indispensabili per assicurare la ripresa economica.
Consistente la presenza degli imprenditori balneari, confluiti da tutte le parti d’Italia. Magliette rosse e ombrelloni aperti li hanno resi visibili all’interno della manifestazione, alla destra del palco.



Commenti

1 commento a “ROMA 18 FEBBRAIO 2014: DURISSIMA PROTESTA CIVILE DI RETE IMPRESE ITALIA”

  1. gianni.baz
    febbraio 19, 2014 @ 11:46

    Grazie a chi c’era puntuale !(io sono arrivato in ritardo dopo 8 ore di pulman )
    Gli assenti/ignavi debbono vergognarsi, il campionissimo Fausto li chiamava ..succhiaruota !
    Ma i veri balneari ci sono sempre e ci saranno a difendere le imprese !

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE