BERLANGIERI – REGIONE LIGURIA – SOSTIENE GLI IMPRENDITORI BALNEARI

Postato il: 31 ottobre, 2014 | Lascia un commento

ANGELO_ BERLANGIERISANREMONEWS.IT e IVG.IT informano che Angelo Berlangieri – assessore al Turismo della Regione Liguria – già impegnato nei confronti del ministro Dario Franceschini (Beni – Attività Culturali e Turismo) per ottenere l’avvio di nuove trattative finalizzate a risolvere la questione balneare, ha avuto dal ministro assicurazioni circa la ripresa a breve degli incontri Governo – sindacati di categoria.
Una ulteriore conferma degli esiti favorevoli dell’incontro 28 corrente tra i sindacati degli imprenditori balneari e i sottosegretari Barraciu e Gozi.





Commenti

TURISMO: BALNEARI, AVVIATO IL CONFRONTO CON IL GOVERNO

Postato il: 29 ottobre, 2014 | 1 commento

ansaSegnalazione di Alessandro Riccomini

Pubblichiamo il link all’Ansa 16:50 – 28 ottobre 2014 inerente l’incontro del sottosegretario Barraciu con le associazioni sindacali di categoria.

Continuiamo a tenere la guardia alta, ma – una volta per tutte – impariamo a valutare le situazioni con obiettività.



Commenti

QUESTIONE BALNEARE ITALIANA: SI RIAPRONO I GIOCHI

Postato il: 28 ottobre, 2014 | 2 Commenti

BARRACIU_GOZI_&_SINDACATI28 ottobre 2014. Appena due giorni dopo la burrascosa riunione plenaria del SUN di Rimini, i principali sindacati del comparto balneare: SIB Confcommercio, CNA Balneatori, FIBA Confesercenti, OASI Confartigianato, Assobalneari Confindustria, ai quali si è aggiunto Federbalneari Confimprese, incassano un importante risultato positivo. L’incontro con Francesca Barracciu – sottosegretario ai Beni culturali e Turismo – e Sandro Gozi – sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega agli Affari europei – di fatto riapre i giochi, in quando, dopo mesi di silenzio, registra la disponibilità del Governo a riprendere il dialogo e a trovare una soluzione condivisa.
Basti, per capire, lo scambio di battute che si è avuto tra Francesca Barraciu e Cristiano Tomei, al termine dell’incontro:
Tomei: Possiamo affermare che si è riaperto il tavolo con il Governo?
Barraciu: Assolutamente si!!




Commenti

SUN 2014: INIZIATIVE CNA BALNEATORI

Postato il: 27 ottobre, 2014 | 1 commento

SUN_2014_TOMEI_NESIVenerdì 24 ottobre, nel corso di due incontri distinti, il direttivo nazionale di CNA Balneatori, coordinato da Cristiano Tomei, che nell’occasione si è avvalso del supporto tecnico dell’avvocato Ettore Nesi di Firenze, concretizzando il lavoro svolto nel corso delle ultime settimane, preso atto:

 a.- della sentenza 26 settembre 2014, n. 2401, con la quale, facendo riferimento a questioni inerenti il demanio lacuale, il TAR Lombardia ha chiesto alla Corte di Giustizia UE un parere pregiudiziale in merito alla proroga al 2020 stabilita dal Dl 179/2012 (articolo 34-duodecies); 

b.- della posizione negativa espressa dal Governo Renzi, dal PD e da buona parte della classe politica italiana,  in merito ad una nuova regolamentazione del Demanio marittimo che risulti favorevole agli attuali concessionari e della conseguente mancanza di una qualsiasi prospettiva in ambito politico nazionale;

ha deliberato di dare corso a due specifiche azioni:

a.1.- produrre, in tempi strettissimi, nell’ambito del procedimento aperto presso la Corte di Giustizia europea, un intervento in opposizione alla tesi del TAR Lombardia (atto di resistenza giuridica), iniziativa che pone in forse la proroga al 2020 di tutte le concessioni demaniali, comprese quelle turistico-ricreative del Demanio marittimo. Considerando la valenza della sentenza della Corte di Giustizia, è indispensabile che i giudici europei, prima di esprimere un giudizio, conoscano su iniziativa di parte le ragioni del comparto balneare marittimo italiano ed ogni possibile obiezione. E’ indispensabile correre ai ripari nei confronti dell’iniziativa del TAR in quanto la eventuale procedura di infrazione che potrebbe scaturire da una sentenza negativa della Corte di Giustizia deriverebbe proprio da una mancata cooperazione giuridica;

a.2.- elaborare un libro bianco, inerente la questione balneare italiana in ogni suo possibile risvolto, monografia da gestire in ambito europeo (Parlamento, Commissione, uffici), con la collaborazione degli europarlamentari italiani. L’attuale interpretazione negativa della normativa europea, alla luce di un ormai consistente numero di elementi (sentenze, direttive e decisioni della stessa Comunità europea), non sembra essere inattaccabile. Esistono quindi fondate probabilità di successo e, in ogni caso, allo stato dei fatti, il rischio di buon fine dell’iniziativa e quello di suo fallimento  sono sostanzialmente equilibrati, mentre è chiaro che perseguire ostinatamente la via politica nazionale è pura utopia.

L’incarico CNA Balneatori è stato affidato agli avvocati Roberto Righi ed Ettore Nesi per la loro qualificazione specifica, che tutti i balneari attenti ed informati conoscono. Parliamo della loro conoscenza approfondita delle problematiche balneari. Parliamo della monografia IL DEMANIO MARITTIMO TRA STATO E AUTONOMIE LOCALI, di cui sono coautori. Parliamo dell’approfondimento della sentenza del Consiglio di Stato sez. VI – n. 3348, del 26 maggio 2010 – dalla quale risulta che l’art. 49 del Codice della Navigazione non prevede l’acquisizione del bene se non allo spirare della concessione, laddove  il concessionario abbia edificato l’immobile sul suolo demaniale in base a regolare permesso di costruire e la concessione sia stata rinnovata più volte con istanza e con pagamento del canone.

CNA Balneatori, curerà e realizzerà le iniziative che il suo direttivo ha deliberato il 24 ottobre. Cristiano Tomei, che abbiamo raggiunto telefonicamente, precisa: “A Rimini i sindacati hanno deciso lo stato di agitazione della categoria nei confronti di un Esecutivo che non li ascolta e non intende confrontarsi con loro. La manifestazione democratica sindacale ancora da decidere dovrà essere uno dei momenti per far capire le nostre ragioni. Analogamente, con il ricorso europeo, allo stato dei fatti inevitabile, tenteremo di far breccia per aprire un vero confronto su istanze incontestabili. Questa proposta può e deve diventare un progetto sindacale unitario senza primogeniture, perché qualunque iniziativa concretizzi un vantaggio per le imprese balneari costituisce un patrimonio a disposizione di tutti.”




Commenti

SUN 2014: ESITI E CONSIDERAZIONI

Postato il: 27 ottobre, 2014 | 1 commento

SUN_2014L’assemblea plenaria Sun 2014, gli umori, le proposte, le problematiche emersi in quella sede, hanno richiesto tempo per sedimentare le osservazioni e per riflettere. La sensazione è che, per il protrarsi negli anni, il livello di stress della categoria sia ormai fuori controllo. Da questo dipende la marginale, anche se rumorosa contestazione di un’attività sindacale che nel tempo si è obiettivamente rafforzata e che tutti, inclusi contestatori storici e movimenti, hanno ormai compreso essere l’unico possibile baluardo della categoria. Purtroppo chi contesta l’azione sindacale non capisce che la protesta sarà strumentalizzata dal Governo, assente, ostile, decisionista, determinato a tirar dritto come su tutto il resto.
Rifacciamo il punto. La situazione è difficile, ma non è disperata. Esiste la posizione, espressa in corso di assemblea generale, dai principali sindacati di categoria: SIB Confcommercio, CNA Balneatori, FIBA Confesercenti, OASI Confartigianato, Assobalneari Confindustria. Ed esistono altre iniziative sindacali valide e percorribili – diremmo obbligate – delle quali, per chiarezza, parliamo in un separato post. Queste azioni, promosse da CNA Balneatori nell’interesse della categoria e senza obiettivi di protagonismo, sono state comunicate agli altri sindacati e ci auguriamo che, nel momento in cui diverranno operative, siano condivise.
In ogni caso nessuno si illuda che il comparto balneare sia allo sbando. Forse mai come in questo momento, la categoria si muove compatta e con chiarezza di intenti.



Commenti

M5S CONTRO DIRETTIVA BOLKESTEIN

Postato il: 17 ottobre, 2014 | 3 Commenti

ALBERTO_PAPPERINIAlberto Papperini – consigliere di Cesenatico per il Movimento 5 Stelle – con articolo pubblicato oggi, 17 ottobre, sul blog di Beppe Grillo, informa che il Movimento è contrario alla Direttiva Bolkestein, favorevole alla tradizionale gestione familiare del turismo balneare nazionale, ostile alla speculazione internazionale che vorrebbe subentrarci.
Prevista una convention da tenere a Cesenatico – nota stazione balneare della Riviera romagnola – entro il 23 novembre, data delle prossime elezioni regionali in Emilia Romagna. Discuteranno del futuro del nostro turismo parlamentari, parlamentari europei e candidati regionali per il Movimento 5 Stelle.
Iniziativa di chiara matrice elettorale, che seguiremo comunque con attenzione.



Commenti

VALENTINA E’ TORNATA A CASA

Postato il: 14 ottobre, 2014 | Lascia un commento

NASTRO_NEROValentina – moglie di Cristiano Tomei – è mancata oggi dopo una lunga e crudele malattia.
Noi di Comitato la piangiamo, vicini a Cristiano e al loro giovane figlio.
Un forte, affettuoso abbraccio da amici sinceri.





















Commenti

SENATRICE ALBANO: MOZIONE A FAVORE DEL COMPARTO BALNEARE. IL COMMENTO DI CRISTIANO TOMEI

Postato il: 11 ottobre, 2014 | 1 commento

DONATELLA_ALBANORiviera24.it informa che la senatrice Donatella Albano – ligure di Bordighera, PD – ha presentato una mozione per chiedere al Governo che si consideri la difficile situazione in cui versa il settore turistico balneare, sia a causa del maltempo, nella stagione estiva appena trascorsa, sia per le note difficoltà strutturali.
In particolare la senatrice Albano ha chiesto che il Governo approvi rapidamente il nuovo Piano nazionale dei trasporti per il turismo e che proceda al riordino del quadro normativo in materia di concessioni demaniali marittime ad uso turistico-ricreativo, promuovendo in sede europea una risoluzione per le problematiche legate alla durata e al rinnovo delle concessioni demaniali marittime, al fine di assicurare, per il turismo balneare italiano, la coerenza della disciplina europea con le specificità nazionali e la salvaguardia dell’interesse pubblico generale, garantito dai servizi di salvamento in mare, tutela delle coste, primo soccorso e organizzazione dell’arenile.
La senatrice, inoltre, considerando il crollo delle presenze turistiche dovute all’eccezionale ondata di maltempo che ha caratterizzato l’estate 2014, ha chiesto di valutare la possibilità di ridurre al 50% i canoni demaniali marittimi e la TARI, e inoltre se sia possibile abbassare l’aliquota IVA dal 10% al 7% per i servizi alberghieri, adeguandola ai Paesi assimilabili all’Italia per l’offerta turistica.
Ringraziamo la senatrice Albano e le segnaliamo che gli stabilimenti balneari, per gli specifici servizi di spiaggia, scontano l’aliquota 22%, imposizione iniqua ed assurda, rispetto alla quale sarebbe opportuno chiedere quanto meno l’allineamento alle condizioni applicate a tutte le altre imprese del comparto turistico.

Riportiamo il commento di Cristiano Tomei – coordinatore nazionale CNA Balneatori – al quale abbiamo riferito l’iniziativa della senatrice Albano: “Per fortuna, in Parlamento, in tutti gli schieramenti, sono presenti rappresentanti istituzionali che propongono risoluzioni – come da ultimo quella della senatrice Albano – che rappresentano realisticamente le istanze di uno dei più importanti comparti economici italiani. Purtroppo, al momento, non vediamo ancora nulla di simile da parte del Governo. D’altronde la proroga al 2020 delle attuali imprese balneari fu votata unanimemente dal Senato il 4 dicembre 2012, contro il parere negativo dell’allora Governo Monti.”
Così va il mondo.



Commenti

QUESTIONE BALNEARE ITALIANA: PROSPETTIVE AUTUNNO 2014

Postato il: 11 ottobre, 2014 | Lascia un commento

CRISTIANO_TOMEIAlcune notizie diffuse da organi di stampa nel corso degli ultimi giorni lasciano perplessi e preoccupati. Ne parliamo con Cristiano Tomei, coordinatore nazionale CNA Balneatori:

D.: Circolano voci su una proposta di legge di matrice governativa. Ci sono indiscrezioni al riguardo?
R.: Non ne conosco adeguatamente, né tantomeno ufficialmente, il contenuto. Tutti i sindacati di categoria sono da tempo in attesa di essere convocati dal Governo per discutere il futuro delle concessioni demaniali marittime italiane. Pur non volendo anticipare i contenuti di un provvedimento che, al momento, non esiste formalmente e quindi non è stato possibile approfondire e allo stesso tempo per mantenere l’atteggiamento di confronto costruttivo che ci ha sempre contraddistinto, sono certo che i sindacati terranno fermo l’obiettivo primario che ha caratterizzato la storia sindacale dei balneari durante gli ultimi cinque anni: è essenziale dare certezza di continuità aziendale alle attuali 30 mila imprese italiane in attività.

D.: Le scadenze stabilite per concludere la riforma delle concessioni demaniali marittime – l’ultima delle quali prevista per il prossimo 15 ottobre, non sembrano realmente interessare i governi che si sono succeduti nell’ultimo triennio. L’ultimo tavolo governativo, che si è tenuto il 26 settembre 2013, non ha portato da nessuna parte e non ha aperto la concertazione. Quali possono essere le prospettive?
R.: Le recenti consultazioni regionali ed europee hanno evidenziato interessanti margini di apertura rispetto alla questione balneare italiana, come lasciano pensare le dichiarazioni della neo commissaria polacca al mercato interno, Elżbieta Bieńkowska. Tuttavia, anche se ci troviamo nel semestre europeo a presidenza italiana, non si intravvede nessuna azione incisiva nella politica del Governo.

D.: I sindacati come intendono rapportarsi a questa situazione?
R.: Non vogliamo mettere il carro davanti ai buoi prima di conoscere il disegno di legge e i suoi contenuti, ma non vogliamo tornare indietro rispetto a tre fatti, che consideriamo imprescindibili:
1.- la conferma della proroga delle concessioni, stabilita al 31 dicembre 2020;
2.- la garanzia e la tutela delle attuali imprese balneari prima e dopo questo termine;

3.- la ferma contrarietà alle aste pubbliche.

D.: Una valutazione circa la recente sentenza del TAR Lombardia che, sia pure riferendosi al Demanio lacustre, ha chiesto alla Corte di giustizia UE di pronunciarsi circa la compatibilità alla normativa europea (Bolkestein) della proroga al 31 dicembre 2020 concessa alle imprese balneari turistico-ricreative?
R.: Le sentenze si esprimono su quello che abbiamo in campo e sul campo manca l’elemento più importante, che attendiamo dal Governo: una riforma della normativa sulle concessioni che metta al riparo gli investimenti effettuati; confermi alle PMI il diritto al godimento della propria impresa, costruita con sudore e fatica, come sancito dalla Carta di Lisbona; dia alle imprese balneari esistenti piena garanzia di continuità, secondo quanto evidenziato dall’ultimo documento sindacale congiunto, siglato da SIB Confcommercio, Fiba Confesercenti, CNA Balneatori, OASI Confartigianato, Assobalneari Confindustria.

D.: Cosa dobbiamo aspettarci dal prossimo appuntamento di Rimini?
R.: Sono convinto che gli stati generali dei balneari rappresentati dai loro sindacati – la cui unitarietà è oramai condizione indissolubile e necessaria – anche questa volta, nel corso dei singoli direttivi nazionali e nell’ambito dell’assemblea generale, riusciranno a dimostrare compattezza e piena condivisione d’intenti. Se ci daranno modo di confrontarci con Governo ed istituzioni parlamentari, ci auguriamo che l’Esecutivo decida di aprire un confronto reale, per dare risposte positive alle imprese balneari, che non riescono più a sostenere il peso dell’incertezza. A Rimini scenderemo in campo con gli altri sindacati, per dare dimostrazione della insostituibile funzione propulsiva che i concessionari balneari marittimi in attività esercitano sull’intero sistema turistico italiano.



Commenti

COMI-BIEŃKOWSKA: APPROFONDIMENTI AUDIZIONE 2 OTTOBRE 2014

Postato il: 5 ottobre, 2014 | Lascia un commento

ELŻBIETA_BIEŃKOWSKAIl video di Lorenzo Liga – segnalato da Antonio Smeragliuolo, che ringraziamo – riprende parte dell’audizione di Elżbieta Bieńkowska da parte delle Commissioni Industria, Mercato interno, Ambiente e Giuridica riunite. Il filmato aggiunge significativi particolari al comunicato stampa Agenparl del 2 ottobre che abbiamo commentato nel post che precede.
La Bieńkowska – nuovo commissario al Mercato interno, industria, imprenditoria e PMI nella Commissione Juncker – PPE, già ministro polacco per lo sviluppo regionale, nel dichiararsi contraria al cambiamento di direttive europee che non abbiano ancora avuto attuazione, sostiene che si debba preliminarmente capire per quali motivi questa mancata applicazione si sia verificata rispetto alla Direttiva servizi e dichiara tolleranza zero nei confronti degli Stati che non l’abbiano ancora recepita. Sembra tuttavia disponibile a una possibile revisione della normativa quando si evidenzino motivi di mancata applicazione diversi dal mancato recepimento. Quello che sostanzialmente si sta verificando in Italia. Conclude informando che la Commissione sta già dialogando a proposito della Direttiva servizi con il Governo italiano. Può essere che quest’ultima notizia riguardi pure indicazioni di agenda, in ogni caso auguriamoci che l’Esecutivo Renzi, quando sarà il momento, non riproponga il copione autolesionista che portò agli infausti esiti della prima procedura d’infrazione.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE

  • Pagina 1 di 212