COMI-BIEŃKOWSKA: APPROFONDIMENTI AUDIZIONE 2 OTTOBRE 2014

Postato il: 5 ottobre, 2014 | Lascia un commento

ELŻBIETA_BIEŃKOWSKAIl video di Lorenzo Liga – segnalato da Antonio Smeragliuolo, che ringraziamo – riprende parte dell’audizione di Elżbieta Bieńkowska da parte delle Commissioni Industria, Mercato interno, Ambiente e Giuridica riunite. Il filmato aggiunge significativi particolari al comunicato stampa Agenparl del 2 ottobre che abbiamo commentato nel post che precede.
La Bieńkowska – nuovo commissario al Mercato interno, industria, imprenditoria e PMI nella Commissione Juncker – PPE, già ministro polacco per lo sviluppo regionale, nel dichiararsi contraria al cambiamento di direttive europee che non abbiano ancora avuto attuazione, sostiene che si debba preliminarmente capire per quali motivi questa mancata applicazione si sia verificata rispetto alla Direttiva servizi e dichiara tolleranza zero nei confronti degli Stati che non l’abbiano ancora recepita. Sembra tuttavia disponibile a una possibile revisione della normativa quando si evidenzino motivi di mancata applicazione diversi dal mancato recepimento. Quello che sostanzialmente si sta verificando in Italia. Conclude informando che la Commissione sta già dialogando a proposito della Direttiva servizi con il Governo italiano. Può essere che quest’ultima notizia riguardi pure indicazioni di agenda, in ogni caso auguriamoci che l’Esecutivo Renzi, quando sarà il momento, non riproponga il copione autolesionista che portò agli infausti esiti della prima procedura d’infrazione.



Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE