BALNEARI: INIZIA LA RACCOLTA FIRME PER LA PETIZIONE AL PREMIER

Postato il: 9 novembre, 2014 | Lascia un commento

PETIZIONE_NOVEMBRE_DICEMBRE_2014Al via la sottoscrizione della petizione congiunta SIB Confcommercio, CNA Balneatori, FIBA Confesercenti, OASI Confartigianato, Assobalneari Confindustria, qui allegata insieme con il comunicato sindacale unitario e il modulo per raccolta firme. Cliccare sui rispettivi link per evidenziarli.
Entro metà dicembre petizione e firme saranno presentate al Presidente del Consiglio e, probabilmente, ai Presidenti di Camera e Senato.
Appena possibile comunicheremo le modalità di trasmissione dei moduli firmati.
E’ importante che le adesioni siano numerose. A tal fine accogliamo il suggerimento di Navio Salimbeni – CNA Balneatori: “Credo sia opportuno raccogliere anche le firme degli artigiani che abitualmente lavorano con i balneari, in modo da far comprendere bene quanto è a rischio il tessuto economico turistico legato, anche indirettamente, al turismo balneare”. Riteniamo utile estendere il target a dipendenti e  fornitori in genere, non ai clienti, perché, considerando la stagione, pochi sarebbero raggiungibili e il dato potrebbe essere strumentalizzato.
Il facsimile del modulo di raccolta firme parzialmente compilato si evidenzia con un clik.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE