CNA BALNEATORI: LAVORARE PER SBLOCCARE DAVVERO LA QUESTIONE BALNEARE ITALIANA

Postato il: 29 aprile, 2015 | Lascia un commento

CRISTIANO TOMEI - BOLOGNA 20.11.2012

CRISTIANO TOMEI – BOLOGNA 20.11.2012

Tomei, Cna Balneatori: “Chiediamo una proroga di almeno 30 anni, con decorrenza 2020, finalizzata al definitivo riassetto del settore, iniziativa formulata in modo da non precludere la possibilità di verificare il diritto delle imprese ad avvalersi di un periodo di attività non limitata. A tale riassetto è legata a doppio filo il riordino dei canoni demaniali, con revisione dei canoni cosiddetti pertinenziali, per i quali, in ogni caso, è urgente e imprescindibile una moratoria a favore delle imprese interessate, sulle quali incombe il pagamento di oneri insostenibili, con conseguente avvio delle procedure di decadenza delle inerenti concessioni”.
Questa dichiarazione essenziale, maturata nei giorni immediatamente successivi l’Assemblea nazionale CNA Balneatori di Ravenna, costituisce la chiave di volta della strategia CNA Balneatori a breve termine. Ad essa si ricollegano i documenti utilizzati nella comunicazione, inviata capillarmente a tutti i soggetti istituzionali interessati alla questione balneare italiana: sottosegretari di Stato, senatori, deputati, europarlamentari, presidenti e assessori delle Regioni costiere italiane, sindaci dei Comuni costieri d’Italia. Un volume di fuoco senza precedenti. Sei diversi gruppi di destinatari, oltre 750 mai inviate in contemporanea nella mattinata del 29 aprile, ciascuna delle quali corredata da tutti gli allegati necessari per approfondire e seguire compiutamente la questione.
Chi conosce questo genere di iniziative sa di quale complessità si parli, soprattutto se si opera in termini di ore e non di giorni, con un organico minimo, senza trascurare nessun altro aspetto dell’attività sindacale, convegni compresi. Ma è così che si lavora quando ci si crede davvero. Un forte abbraccio a Cristiano e a chi ha lavorato con lui e per noi!! Grazie!!
Nelle prossime ore pubblicheremo, tutti i documenti spediti.



Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE