REGIONE TOSCANA E CORTE DI GIUSTIZIA UE: MASSIMA ATTENZIONE ALL’UDIENZA DIBATTIMENTALE DEL 3 DICEMBRE

Postato il: 18 novembre, 2015 | 1 commento

MARRAS_1MARCHETTI_TOMEILeonardo Marras – consigliere della Regione Toscana e presidente del gruppo regionale PD – attraverso Cristiano Tomei, ci trasmette la mozione che il suo gruppo ha presentato a sostegno del comparto balneare marittimo italiano, alla vigilia dell’udienza dibattimentale che si terrà presso la Corte di giustizia europea il prossimo 3 dicembre. La mozione, che proponiamo integralmente, approvata dal Consiglio regionale il 17 novembre: riconosce l’importanza decisiva del procedimento giudiziale europeo nell’economia della questione balneare italiana; puntualizza gli argomenti che saranno discussi presso la Corte; cita le argomentazioni dei sindacati di categoria e in particolare di CNA Balneatori Toscana; esprime sostegno al comparto balneare e impegna la Regione alla massima attenzione circa gli sviluppi della vicenda.
E’ di tutta evidenza che questa importante iniziativa corrisponda all’appello di solidarietà che il presidente Tomei ha rivolto alla politica, dalle pagine di questo blog, lo scorso 9 novembre.
Tomei commenta: “La Regione Toscana, con questa mozione, ha inteso tutelare il diritto di esistere di 30 mila imprese costituenti l’attuale sistema turistico costiero italiano. Sono convinto che interventi analoghi seguiranno da parte delle altre Regioni costiere.”



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE