TOMEI – CNA BALNEATORI: ANDIAMO IN EUROPA PER VINCERE

Postato il: 28 novembre, 2015 | Lascia un commento

TOMEI_ROMA_26_11_2015_2ROMA_26_11_2015ROMA_26_11_2015_BISL’Ufficio di presidenza nazionale CNA Balneatori che si è tenuto a Roma il 26 novembre, presso la sede nazionale di CNA, ha confermato le linee strategiche del sindacato, delineate dall’Assemblea nazionale CNA Balneatori il 10 aprile 2015 a Ravenna e verificate il 9 ottobre 2015 a Rimini. Cristiano Tomei – coordinatore e presidente nazionale – ha svolto una attenta e puntuale relazione che vi proponiamo integralmente.
In questo importante documento Tomei, ricordando l’udienza dibattimentale del prossimo 3 dicembre presso la Corte di giustizia europea, evento cruciale per la questione balneare italiana:
– ha precisato i punti sui quali sarà articolato il giudizio della Corte ed ha enunciato le argomentazioni che, a tale riguardo, saranno sostenute, per conto di CNA Balneatori, dagli avvocati Righi e Nesi;
– ha accennato: alle decisioni assunte a Ravenna, il 10 aprile 2015, dall’Assemblea nazionale CNA Balneatori; alla mancata convergenza che si è determinata tra i principali sindacati di categoria dopo il summit straordinario richiesto dall’assemblea di Ravenna; alle deliberazioni assunte dall’Assemblea nazionale CNA Balneatori del 9 ottobre a Rimini, aperta all’universo imprenditoriale italiano;
– ha parlato degli emendamenti proposti da CNA Balneatori in sede di Legge di Stabilità 2016, inerenti sia alla questione balneare italiana, sia all’emergenza relativa ai concessionari pertinenziali. Emendamenti purtroppo non ammessi in Senato e riproposti invariati alla Camera dei deputati;
– ha puntualizzato l’interesse attuale e concreto della proposta governativa del doppio binario che, nelle proiezioni di CNA Balneatori: prevederebbe un periodo di attuazione stimabile in circa 30 anni; aprirebbe all’immediato inserimento di nuove imprese; non comprometterebbe lo sviluppo di quelle in attività e dell’intero comparto balneare; consentirebbe interessanti risvolti per le finanze dello Stato;
– ha sostenuto la piena legittimità della proroga al 2020, che sarà difesa da CNA Balneatori in Europa sulla base di un complesso articolato di argomenti di indiscussa valenza economica, sociale, giuridica e morale;
ha sollecitato il sostegno delle istituzioni – Governo, Parlamento, Regioni, Comuni – sottolineando gli interventi favorevoli già maturati in ambito regionale (Liguria e Toscana), tra i quali quello della Regione Toscana, che  riconosce esplicitamente l’importanza del contributo di CNA Balneatori;
– ha affermato il valore indiscusso di una rivisitata unitarietà sindacale, che può essere concretamente ipotizzata solo nel rispetto generalizzato di determinate condizioni, al vertice delle quali sta il definitivo allontanamento del rischio di aste ed evidenze pubbliche, per le imprese balneari in attività.
Nel corso del direttivo, Tomei, prendendo spunto da interventi dei convenuti, ha messo in guardia contro i rischi di un’iniziativa normativa finalizzata ad anticipare la sentenza della Corte di Giustizia, attraverso il ricorso a strumenti inadeguati e pericolosi, quali: sdemanializzazione; atti formali; ridefinizione della linea di costa. Tali strumenti, nelle loro attuali potenzialità, non risolvono la questione balneare, mentre comportano elevati margini di rischio, dal momento che è venuto meno il “diritto di insistenza” nei confronti del vecchio concessionario.
Al direttivo hanno partecipato, con contributi di notevole interesse, l’avvocato Nesi e la senatrice Granaiola, oltre ai componenti dell’Ufficio di Presidenza e del Consiglio nazionale e ai responsabili regionali e territoriali di CNA Balneatori presenti all’incontro.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE