REFERENDUM TRIVELLE: LA POLITICA DETERIORE INQUINA LA DEMOCRAZIA

Postato il: 16 aprile, 2016 | Lascia un commento

RENZI_NAPOLITANOAbbiamo osservato le manovre governative mirate a indebolire la consultazione referendaria di domani – domenica 17 aprile 2016 – ascoltato e letto le dichiarazioni di Matteo Renzi – presidente del Consiglio – e di Giorgio Napolitano – ex presidente della Repubblica – finalizzate ad orientare l’astensione dal voto, necessaria per vanificare gli esiti del referendum, ampiamente scontati nelle previsioni della vigilia.
Tutto come da copione, fin dai tempi di Craxi. La comunicazione peraltro si è affinata: non suggerisce più di andare al mare, ma parla di legittimità dell’astensione, avviso comunque inopportuno e vietato dalla legge a chi ricopra un incarico pubblico.
Mentre il PD fa quadrato intorno a Renzi, Radicali, Rifondazione e Movimento 5 stelle hanno inoltrato esposti alla Procura della Repubblica. Vedremo come andrà a finire, in ogni caso andiamo tutti a votare.



Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE