CNA BALNEATORI PROMUOVE IL PRESIDIO PERMANENTE

Postato il: 24 giugno, 2016 | Lascia un commento

TOMEI+LOCANDINACristiano Tomei – coordinatore nazionale CNA Balneatori – tiene alta l’attenzione e la tensione dei balneari, mentre, in piena stagione estiva, si attende la sentenza della Corte di Giustizia UE. Partecipazione a tutto campo ai convegni di categoria, contatti con i massimo organi regionali, sensibilizzazione degli operatori, attraverso dibattiti e nuove iniziative. Ultima in ordine di tempo la costituzione, presso gli stabilimenti balneari, di un presidio permanente a difesa dei diritti di categoria, finalizzato non solo al costante collegamento tra operatori del settore, ma anche all’informazione e al coinvolgimento di due componenti essenziali del comparto balneare: collaboratori e clientela. Entrambi, finora, sono stati interessati solo marginalmente alla questione, anche se ne sono componenti essenziali. Se lo scenario balneare dovesse mutare, per l’ingresso di nuovi soggetti, espressione di poteri economici forti e orientati al profitto, tutti – e non solo le attuali imprese balneari – ne farebbero pesantemente le spese.
Locandina e manifestino sono in distribuzione attraverso la rete operativa di CNA Balneatori.
Gli stabilimenti balneari sono invitati a dare la massima visibilità alle locandine, a diffondere capillarmente i volantini e a dare ogni possibile rilievo all’iniziativa, utilizzando i social network. Pubblicate le fotografie dell’affissione e di ogni altra iniziativa inerente!!



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE