RICCOMINI – CNA BALNEATORI LIGURIA: ESTRANEI ALLA DIRETTIVA SERVIZI

Postato il: 4 luglio, 2016 | 1 commento

RICCOMINI_30_06_2016Intervista 30 giugno 2016 di TG Tigullio ad Alessandro Riccomini, presidente CNA Balneatori Liguria, balneare da generazioni e titolare dei Bagni Liguria di Sestri Levante. Vi invitiamo a prenderne visione attraverso il filmato Youtube che vi proponiamo, a partire dal minuto 27:45. Questi, in sintesi, i concetti sviluppati da Alessandro.
Il 14 luglio, la Corte di Giustizia europea depositerà la sentenza sulla questione balneare italiana, cioè deciderà se gli stabilimenti balneari italiani possono lavorare almeno fino al 2020 – cinque residui anni di vita – oppure se sono morti il 31 dicembre 2015.
In realtà l’UE non ha posto la questione in questi termini: la Bolkestein è una direttiva che riguarda le concessioni di servizi, mentre gli stabilimenti balneari italiani sono, con ogni evidenza, concessionari di un bene: la spiaggia. Quindi i balneari con la Bolkestein non c’entrano, anche se politica e burocrazia hanno voluto includerci, perché facciamo gola ai poteri forti e alla mafia, fatto, quest’ultimo, che ormai possiamo considerare assodato.
Le prospettive? In teoria le imprese familiari titolari di stabilimenti balneari dovrebbero andare a bando, ma noi siamo convinti che, se la questione dovesse porsi concretamente in questi termini, la reazione della categoria sarebbe così forte da portarci fuori da questa logica perversa. Noi balneari siamo perfettamente consapevoli di essere estranei alla Bolkestein e reclamiamo il nostro diritto di esistere e il nostro diritto di tutelare il valore di aziende familiari che ci appartengono e che sono state create dalla nostra iniziativa e dal nostro lavoro, applicati per generazioni su spiagge incolte. Investimenti di capitali e, soprattutto, di vita. Ci auguriamo che la Corte di Giustizia europea applichi la Direttiva in modo corretto – fatto che ci escluderebbe automaticamente dalle gare e ci consentirebbe di proseguire l’attività almeno fino al 2020 – e ci auguriamo che la politica sappia recuperare il ruolo fondamentale che le compete, che è quello di aiutarci a vivere, almeno decentemente, le nostre vite.



Commenti

1 commento a “RICCOMINI – CNA BALNEATORI LIGURIA: ESTRANEI ALLA DIRETTIVA SERVIZI”

  1. claudio gandolfo
    luglio 4, 2016 @ 14:30

    Le nostre Aziende,così come sono ora,lo sono diventate dopo innumerevoli sacrifici,lavori di adeguamento , migliorie di ogni genere , nell’arco di molti anni,ogni volta dopo domande Ufficiali,concessioni di ogni tipo, dopo il pagamento dei diritti dovuti e richiesti.Cosa si credono !…che le cose si creino con la bacchetta magica ?….illusi!..

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE