CNA BALNEATORI: INIZIATIVE DOPO LA SENTENZA

Postato il: 29 luglio, 2016 | Lascia un commento

TOMEI_11.07.2013Cristiano Tomei – coordinatore nazionale CNA Balneatori – è stato ammesso come uditore all’incontro del 27 luglio tra Governo e Regioni.
Gli chiediamo un commento:  «Purtroppo avevamo visto giusto, quando, in passato, abbiamo sostenuto che “indennizzo” e “professionalità” non erano elementi forti idonei a tutelare gli imprenditori balneari italiani. Attraverso le motivazioni della sentenza, abbiamo capito che si deve lavorare sul “legittimo affidamento” dei concessionari e sulla “scarsità” della risorsa spiaggia, declinata  in ambito nazionale e territoriale.  
Nell’ufficio di presidenza CNA Balneatori indetto per martedì 2 agosto, discuteremo due distinte relazioni: una sindacale e una giuridica, necessarie per  aprire nell’immediato un confronto diretto con Governo, Parlamento, Regioni e Comuni.
Riteniamo che esistano ampi margini per trovare soluzioni normative adeguate al fine di garantire la continuità aziendale delle attuali imprese balneari italiane.
Durante i lavori dell’Ufficio, esamineremo in dettaglio le due relazioni e ne faremo una sintesi utile per informare i balneari e per interloquire con i livelli istituzionali coinvolti nella soluzione della questione balneare italiana.
Considerando l’importanza dell’argomento in discussione, esortiamo i componenti l’ufficio di presidenza alla massima partecipazione possibile.»




Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE