BALNEARI: TROPPI SDEGNATI E DOLOROSI “PERCHE’?”

Postato il: 20 agosto, 2016 | Lascia un commento

Quanto segue condivide e rilancia il messaggio spedito via mail da Alessandro Riccomini – presidente regionale Liguria CNA Balneatori – al premier Renzi e a molti altri indirizzi governativi, nella tarda mattinata di oggi, 20 agosto 2016:



_________________________________________________________________


FORZA BALNEARI! NO ALLE ASTE!


_________________________________________________________________

NO ALLA VERGOGNOSA E VILE
APPLICAZIONE DELLA BOLKESTEIN
ALLE SOLE FAMIGLIE DEI BALNEARI ITALIANI!

PERCHE’ TUTTO IL RESTO D’EUROPA
NON SOFFRE DI BOLK?

PERCHE’ SOLO L’ITALIA
E’ STATA MESSA IN INFRAZIONE?

PERCHE’ SOLO I TAR ITALIANI
HANNO CHIESTO IL GIUDIZIO DELLA CGE?

PRODI, BERLUSCONI, MONTI, LETTA, RENZI:
PERCHE’ SOLO CHIACCHIERE
MENTRE IL RESTO D’EUPOPA
RIDE DI NOI? 

PERCHE’? PERCHE’? PERCHE’?!?!

E INFINE, MATTEO RENZI, 
NON PENSI CHE LE NOSTRE FAMIGLIE 
ABBIANO DIRITTO AL TUO INTERESSAMENTO? 
A UNA TUA RISPOSTA? 

E VOI MINISTRI LIGURI? 
NON AVETE NIENTE DA DIRE ALLE NOSTRE FAMIGLIE?

_______________________________________________________________________


IL VOSTRO SILENZIO MI (CI) INDIGNA.


_______________________________________________________________________




Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE