LA RAGIONE DECISIVA PER VOTARE NO

Postato il: 18 novembre, 2016 | 4 Commenti

referendum_2016Evitiamo di impelagarci in una discussione tecnica e limitiamoci a riflessioni di buon senso. Se dovesse vincere il SI la riforma costituzionale Renzi – Boschi, così come la conosciamo, andrebbe automaticamente in porto e sarebbe operativa insieme all’Italicum, in vigore dal 1° luglio 2016, fotocopia del Porcellum, legge elettorale incostituzionale per anomalo premio di maggioranza.
Chi dovesse vincere piglierebbe tutto. Poi “tutto” sarebbe più veloce e più facile, come sostengono i comitati per il SI. E’ evidente, ma sarebbe a senso unico.
Esistono accordi politici che prevedono cambiamenti in meglio della legge elettorale? Ma per favore… ricordatevi di “Enrico stai sereno…” L’abbinamento SI + Italicum è semplicemente letale: non possiamo votare SI al referendum confidando nel fatto che l’Italicum sarà emendato in un momento successivo. Non succederà.
Durante il premierato Renzi, abbiamo visto  quale smisurato potere abbia il Governo avendo semplicemente in ostaggio un Parlamento bisognoso dell’anzianità indispensabile per riscuotere il vitalizio di Stato. Se, su queste basi, tutti sono disponibili a votare la fiducia, immaginiamoci il dopo, quando la segreteria del partito che avrà vinto le elezioni con legge truffa deciderà praticamente su tutto. Compresa l’informazione.
Discutiamo pure di riforme costituzionali, ma il 4 dicembre è indispensabile VOTARE NO.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE