MONDO BALNEARE: GOVERNO E RIFORMA DEMANIO

Postato il: 28 gennaio, 2017 | Lascia un commento

BALNEARI_2017Per capire a fondo la criticità del momento che il comparto balneare italiano sta attraversando, suggeriamo la lettura dell’articolo di Alex Giuzio pubblicato ieri, 27 gennaio 2017, su mondobalneare.com, nell’aggiornamento delle ore 17:19. Potete farlo direttamente da questo blog, cliccando sul link che abbiamo predisposto alcune righe sopra.
Noterete che poche sono le voci critiche nei confronti di un disegno di legge che, per quanto sia generico nella sua originaria formulazione, lascia intendere la precisa intenzione di portare il comparto balneare alle aste e di non tenere in nessun conto il legittimo affidamento delle imprese in attività, questione che va ben oltre l’entità degli investimenti effettuati e che riguarda fondamentali scelte di vita, maturate da migliaia di nuclei familiari, nonché le sconvolgenti conseguenze economiche, patrimoniali e sociali che potranno discenderne.
Governare male non è reato, se non è possibile dimostrare dolo, così come non sembra costituire reato sostenere o approvare una decisione governativa devastante per i propri associati, se si è portatori di importanti responsabilità di categoria. Accettare lo scollamento sostanziale che esiste tra alcuni vertici sindacali e gli interessi vitali della base associativa senza battere ciglio, invece, è pura stupidità.



Commenti

Lascia un commento







  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE