REGIONE ABRUZZO: PASSA IN COMMISSIONE IL PROGETTO DI LEGGE SUL LEGITTIMO AFFIDAMENTO DELLE CONCESSIONI DEMANIALI

Postato il: 31 marzo, 2017 | Lascia un commento

MONTICELLI_PROGETTO_ LEGGE_REGIONALE_ABRUZZOlegge_regionale_abruzzo_429 marzo 2017: la III Commissione consiliare della Regione Abruzzo – responsabile per Agricoltura, Sviluppo Economico ed Attività Produttive – ha approvato il progetto di legge presentato nel novembre 2016 da Luciano Monticelli, consigliere delegato per l’applicazione della Direttiva servizi, d’intesa con il vicepresidente della Giunta regionale Giovanni Lolli. Il testo proposto, che verrà discusso i tempi brevi dal Consiglio regionale, interviene sull’applicazione della Direttiva servizi al Demanio marittimo, garantendo uniformità di applicazione della norma sull’intero territorio regionale e tutelando il legittimo affidamento dei concessionari che ne erano titolari prima del 2010.
Soddisfazione da parte di Monticelli, che sottolinea come il provvedimento sia stato condiviso anche da parte dell’opposizione, oltre che dalle associazioni di categoria (per il comunicato stampa clicca qui).
Cristiano Tomei, coordinatore nazionale CNA Balneatori, che ha saputo concretizzare la deliberazione assunta il 14 ottobre 2016 dall’assemblea nazionale aperta di CNA Balneatori in ambito SUN, appresa la notizia dell’approvazione consiliare, ha dichiarato: “un importante risultato e un deciso passo avanti per l’intero settore dei concessionari demaniali”.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE