MONTICELLI: CANONI PERTINENZIALI, PARTE DI UN PIU’ COMPLESSO PROBLEMA

Postato il: 25 luglio, 2013 | Lascia un commento

MONTICELLILuciano Monticelli – delegato ANCI al Demanio marittimo – intervistato in merito al problema dei canoni pertinenziali, ci ha rilasciato questa dichiarazione: “Siamo fiduciosi che questa emergenza sarà superata, perché la questione delle pertinenze demaniali marittime è stata discussa ad alto livello e ha raccolto autorevoli consensi politici. Tuttavia il problema balneare è molto più ampio e coinvolge circa 30 mila imprese, nei confronti delle quali il Governo deve assumere senza ritardi le responsabilità che gli competono. Passato il mese di agosto sarà indispensabile riaprire il tavolo di confronto, individuare l’interlocutore istituzionale con il quale l’ANCI e le associazioni di categoria dovranno confrontarsi ed estendere la discussione all’intera questione demaniale marittima. Troppo tempo è passato senza che questa sia stata affrontata con la dovuta determinazione. Il dramma dei piccoli imprenditori balneari riguarda l’intera economia costiera nazionale e il 2020 è alle porte.”



Commenti

GRANAIOLA: BLOCCATO AUMENTO URAS CANONI DEMANIALI

Postato il: 17 luglio, 2013 | Lascia un commento

PD_GRANAIOLA_17.07.2013Segnalazione di Cristina Baudoino

Quello a lato è il comunicato stampa della senatrice Manuela Granaiola, pubblicato oggi, mercoledì 17 luglio, nel sito ufficiale PD. L’aumento del 10 per cento dei canoni demaniali, proposto dall’on.le Luciano Uras (Sinistra Ecologia e Libertà, membro della 5ª Commissione permanente – Bilancio, segretario della 14ª Commissione permanente – Politiche UE) è quindi accantonato, almeno per il momento.
Restiamo in attesa che il tavolo tecnico Baretta, al quale si riferisce l’on.le Granaiola e del quale abbiamo parlato lo scorso 12 luglio, si concretizzi e prenda forma.



Commenti

FACILE E DIFFICILE RIMOZIONE REGOLAMENTATE IN TOSCANA

Postato il: 16 luglio, 2013 | Lascia un commento

TN_SCALETTI_15.07.2013segnalazione di Antonio Smeragliuolo

Cristina Scaletti – assessore al Turismo della Regione Toscana – con il comunicato stampa 15 luglio 2013, informa che, in ambito regionale, i criteri di facile e difficile rimozione sono stati normati secondo le attese degli operatori balneari.
Il passo più significativo del comunicato, tuttavia, è quello conclusivo: accertata la preminente importanza del comparto balneare nell’offerta turistica nazionale, il Governo si impegni in Europa per affermare e tutelare questa peculiarità.



Commenti

GASPARRI: NESSUN ACCORDO A RIBASSO SULLE IMPRESE BALNEARI

Postato il: 16 luglio, 2013 | Lascia un commento

ASCA_GASPARRI_15.07.2013segnalazione di Cristina Baudoino

Maurizio Gasparri, vicepresidente PDL al Senato della Repubblica, prende nuovamente posizione a favore dell’imprenditoria balneare in attività. Notizia ASCA, post del 15 luglio 2013 riportato a lato.





Commenti

TOMEI: IMPRESSIONI SUL PRIMO TAVOLO TECNICO BARETTA

Postato il: 12 luglio, 2013 | Lascia un commento

TOMEI_11.07.2013Abbiamo chiesto a Cristiano Tomei – coordinatore nazionale di CNA Balneatori – le sue impressioni sull’incontro che si è tenuto a Roma ieri, 11 luglio 2013. Ci ha risposto, com’è suo costume, con una sintetica dichiarazione: “La posizione unitaria dei tre maggiori sindacati del settore balneare – Sib Confcommercio, Fiba Confesercenti e Cna Balneatori – ha avuto una proficua conferma nelle dichiarazioni dell’Esecutivo e dei parlamentari presenti circa la necessità di riaprire il tavolo tecnico necessario per affrontare adeguatamente la questione balneare italiana.
Basti l’analogia con il caso spagnolo – che vede una proroga a 75 anni per le imprese turistiche e commerciali ora ubicate e operanti proprio su terreno demaniale marittimo di quel Paese – per indurci a trovare soluzioni politiche e giuridiche interne al nostro sistema istituzionale, idonee a tutelare in Europa le imprese esistenti, l’economia costiera e la peculiarità del sistema balneare italiano.”



Commenti

11 LUGLIO 2013 – LUCIANO MONTICELLI AL TAVOLO TECNICO BARETTA

Postato il: 12 luglio, 2013 | Lascia un commento

ANSA_11.07.2013segnalazione di Cristina Baudoino

Luciano Monticelli – delegato ANCI al Demanio marittimo – partecipa autorevolmente al primo tavolo tecnico indetto dal sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta. Nel comunicato ANSA, che pubblichiamo con le consuete modalità, Monticelli ci offre una relazione dettagliata dell’incontro, nei confronti del quale esprime una valutazione positiva.



Commenti

QUESTIONE BALNEARE ITALIANA: IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

Postato il: 7 luglio, 2013 | Lascia un commento

MONTESILVANO_06.07.2013Sabato 6 luglio, presso il Municipio del Comune di Montesilvano, in Abruzzo, Andrea Cozzolino – vice-capodelegazione PD presso il Parlamento europeo,  Luciano Monticelli – delegato ANCI al demanio marittimo, Fabio Petricca – consigliere ANCI e Cristiano Tomei – coordinatore nazionale CNA Balneatori, si sono incontrati per valutare la situazione dopo la missione congiunta del 18 giugno 2013 a Bruxelles. Gli intervenuti – gruppo compatto, affiatato, informato, punta di diamante dell’intesa di fatto che si è venuta a creare tra enti locali, europarlamentari e sindacati di categoria – hanno convenuto sulla necessità improcrastinabile di riaprire il tavolo di concertazione con il Governo italiano e sull’urgenza di  trovare in quella sede soluzioni condivise, idonee a tutelare le trentamila imprese balneari italiane in attività, elemento trainante dell’economia turistica di oltre 600 comuni costieri.
Al termine dell’incontro Cristiano Tomei ci ha dichiarato: “E’ arrivato il momento che il Governo indichi chi deve seguire la materia e  riapra il tavolo di concertazione. I Sindacati, i Comuni, le Regioni, i  nostri deputati – europei e nazionali – devono sapere con chi  confrontarsi per tutelare le imprese esistenti, per difendere l’economia costiera e per sostenere la peculiarità del sistema balneare italiano in Europa.”
Comitato Balneari Liguria concorda con le conclusioni tratte a Montesilvano e con la dichiarazione di Tomei. Sappiamo che il Governo affronta quotidianamente problematiche complesse che lo pongono di fatto in situazione di stallo. Ma queste difficoltà non esistono nei confronti del turismo balneare, se ricordiamo correttamente le posizioni assunte da PD e PDL –  principali componenti della attuale compagine governativa – nel corso della recente campagna elettorale. Entrambi i partiti si sono impegnati a risolvere la questione balneare italiana. Lo hanno forse dimenticato? Ricordiamo inoltre che Letta, nel suo intervento in sede di Conferenza nazionale sul Turismo PD, lo scorso 31 gennaio a Roma, parlando di Turismo in generale, prospettò per il Governo del dopo elezioni un’”agenda molto fitta di riflessioni, di impegni da prendere, di obiettivi da raggiungere” e parlò anche della “volontà di far crescere il PIL a partire dall’investimento sul tema del Turismo, sapendo che non c’è contraddizione tra fare  le cose per bene perché il Turismo funzioni e fare le cose per il Paese. Anzi c’è un  fortissimo legame tra le due cose.” All’epoca l’attuale presidente del Consiglio pensava a un Governo Bersani. Ora che gli eventi lo hanno portato personalmente alla guida dell’Esecutivo, ricordi e rispetti gli impegni assunti.



Commenti

INTERVISTA A SMERAGLIUOLO

Postato il: 4 luglio, 2013 | Lascia un commento

INTERVISTA_SMERAGLIUOLOLa Nazione incontra Antonio Smeragliuolo – delegato regionale ITB Italia – e pubblica l’intervista su pagina a diffusione nazionale. Rilievo che l’imprenditore grossetano sicuramente merita, per l’impegno che dedica alla questione balneare italiana.
Peccato che il giornalista si esprima con qualche approssimazione. La direttiva europea non ripercorre balordaggini altrui, anche se consente ai poteri forti di proporle ex novo. Quanto alla proposta ITB – una delle molte, in realtà – se non la conoscessimo a menadito avremmo stentato a riconoscerla. Troppo tecnica per essere liquidata in due parole.
Cliccare sull’immagine per ingrandire.



Commenti

RIPORTARE ALLA RIBALTA POLITICA LA QUESTIONE BALNEARE

Postato il: 21 giugno, 2013 | 1 commento

CRISTIANO_TOMEI_PESCARA_13.05.2013La missione ANCI – SINDACATI ha riproposto in Europa la questione balneare italiana. Ora è necessario inserirla tra i punti cruciali dell’agenda Letta. Com’è possibile farlo? Lo chiediamo a Cristiano Tomei. “Senza nulla togliere a chi nel Governo ha competenza in materia e sarebbe fin d’ora in grado di svolgere il proprio ruolo” – precisa il coordinatore nazionale CNA Balneatori – “in questo momento sembra necessario individuare una mansione politico-istituzionale aggiuntiva, che riassuma in sé tutte le funzioni, per collegare, armonizzare, dare sintesi ed immediata autorevolezza in Italia e in Europa alle istanze di tutti i soggetti interessati: Regioni, Comuni, imprese. Funzione innovativa, da affidare a una personalità autorevole, che conosca a fondo il problema e sia in grado di riportare efficacemente in primo piano le esigenze non più differibili di 30 mila piccoli imprenditori, che si svegliano ogni mattina per lavorare, per sopravvivere e per aiutare l’Italia a crescere, senza avere certezza del loro futuro. Un ruolo in grado di promuovere e coordinare senza ritardi il tavolo di lavoro e in grado di riferire in modo diretto con il capo del Governo. Solo così – a mio avviso – la questione balneare può ritornare in primo piano nell’agenda politica italiana ed europea.”



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE

  • Pagina 14 di 14« Prima...1011121314