ALTRA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE A MOAVERO MILANESI E GNUDI

Postato il: 17 giugno, 2012 | Lascia un commento

da Cristina Baudoino

basilicatanet.it informa che il senatore PD Carlo CHIURAZZI, con altri parlamentari dei quali non ci è nota l’identità, ha sottoscritto un’interrogazione rivolta ai ministri Moavero Milanesi e Gnudi. Posizione coraggiosa, in un importante partito politico nel quale non tutti sono favorevoli ai balneari e nel quale lo stesso responsabile per il Turismo, Armando Cirillo, che evidentemente esprime posizioni ufficiali, parla di orientamento verso una soluzione che preveda aste con paletti.

Cliccare sull’icona per ingrandire.



Commenti

BRUXELLES, MARCELLO E IL MINISTRO MILANESI

Postato il: 17 giugno, 2012 | 1 commento

da Marcello Di Finizio

Oggi, domenica 17 giugno, Marcello Di Finizio ha spedito la lettera a lato, come allegato di posta elettronica, al ministro Moavero Milanesi. Copia della lettera è stata inviata, per conoscenza, anche al ministro Piero Gnudi.

Cliccare sull’immagine per ingrandire

















Commenti

BRUXELLES, AUDIZIONE TARDA PRIMAVERA 2012

Postato il: 16 giugno, 2012 | Lascia un commento

Martedì 19 giugno 2012,  alle ore 10:00, a Bruxelles, una delegazione italiana composta da rappresentanti di comuni, province e regioni, da personalità politiche e da esponenti dei principali sindacati di categoria, incontrerà funzionari della Commissione europea per il mercato interno e i servizi. Obiettivo deroga dalla Direttiva Bolkestein per gli stabilimenti balneari. Notizie e nomi dei probabili partecipanti, conosciuti solo nelle grandi linee, sono pubblicati su:

http://www.assobalneariitalia.it/news.php?nid=172
http://www.federbalneatori.it/index.php?option=com_content&view=article&id=479:bruxelles-balneari-audizione-in-commissione-ue-&catid=53:articoli-comunicati-stampa&Itemid=2
http://www.mondobalneare.com/news/655/bruxelles-balneari-audizione-in-commissione-ue.html
http://www.sindacatobalneari.it/comunicati/2012/nota-su-audizione-in-commissione-ue-prevista-per-il-19-giugno-2012

Evitiamo di ripeterli, notizie e nomi, riservandoci di pubblicarli nel momento in cui saranno resi noti ad incontro avvenuto, ci auguriamo attraverso un comunicato unitario. Ci limitiamo qui a sottolineare alcuni aspetti significativi di questa iniziativa:

la sua importanza nell’esperienza diretta degli intervenuti, che potranno finalmente ascoltare di persona concetti che altri, prima di loro, hanno ascoltato e riferito, probabilmente suscitando perplessità e scetticismo;
il fatto che i sindacati di categoria, promotori di questa iniziativa, non abbiano ritenuto opportuno coinvolgere i comitati spontanei, l’azione dei quali costituisce ormai elemento imprescindibile nel contesto della questione balneare italiana;
l’assenza del Governo italiano, che forse non è neppure stato informato.



Commenti

MARCELLO: OGGI HO PARLATO CON TUFARELLI E CARPINO

Postato il: 15 giugno, 2012 | Lascia un commento

Post pubblicato su Facebook da La Voce della Luna il giorno venerdì 15 giugno 2012 alle ore 1.11

Oggi ho parlato al telefono con il capo di gabinetto del ministro Milanesi, il prof. Tufarelli, il quale, devo ammetterlo, é sempre molto gentile, anche se a noi, più che la gentilezza dei modi serve la concretezza dei fatti. Tufarelli mi ha ribadito ancora una volta che, da parte sua e del ministro Milanesi, c’è tutta la disponibilità a risolvere il nostro problema ma, purtroppo, la delega a risolvere la questione balneare per il momento è in mano al ministro Gnudi. “Ok… ho capito!…” e l’ho ringraziato.
Poi ho chiamato la segreteria del ministro Gnudi, chiedendo del Prefetto e capo di Gabinetto Carpino. Era occupato, ma mi ha richiamato dopo pochi minuti. Anche lui é stato gentile e disponibile.

CONTINUA A LEGGERE

Commenti

SI SALVI CHI PUO’: PIANO STRATEGICO DI RILANCIO DEL TURISMO IN ITALIA

Postato il: 14 giugno, 2012 | 1 commento

da Gianni Bazzurro

GNUDI, AL VIA PIANO STRATEGICO PER IL RILANCIO PRESENTATO A MONTI. LAVORO SI CONCLUDERA’ CON CONFERENZA TURISMO (ANSA) – ROMA, 12 GIU – E’ stato presentato stamani al presidente del Consiglio Mario Monti il progetto per un “Piano strategico di rilancio del turismo in Italia”, che il ministro per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport, Piero Gnudi, ha avviato di concerto con le Regioni. Il Piano – sulla base di un’analisi dell’attuale posizione competitiva dell’Italia – si prefigge di sviluppare una strategia unitaria per il turismo, per cogliere le opportunità di crescita economica ed occupazionale offerte dal settore, che rappresenta una delle leve per la ripresa del nostro Paese. Alla riunione, che si è svolta a Palazzo Chigi – come informa il ministero degli Affari regionali, del Turismo e dello Sport – hanno partecipato i ministri dei Beni Culturali, Lorenzo Ornaghi e dell’Istruzione, Università e Ricerca, Francesco Profumo e i rappresentanti dei ministeri degli Esteri, Sviluppo Economico, Ambiente, Politiche Agricole e Forestali, Coesione Territoriale. Tutti hanno espresso apprezzamento per l’iniziativa e confermato il coinvolgimento delle rispettive strutture in un Comitato guida del Governo sul Piano Nazionale per il Turismo. Con il supporto di The Boston Consulting Group (BCG) e del coordinatore del progetto, il professor Massimo Bergami, che assistono il ministro Gnudi nella redazione del Piano Strategico, sono stati illustrati la struttura del progetto, il quadro strategico, le maggiori criticità finora riscontrate ed è stato avviato un lavoro con i singoli ministeri che proseguirà ora a livello tecnico. “Si tratta – ha spiegato il ministro Gnudi – di una prima fase di lavoro collegiale che proseguirà per tutta l’estate e si concluderà in autunno con la presentazione del Piano alla Conferenza Nazionale del Turismo, dopo la condivisione con Regioni, Province Autonome e Governo. Nel frattempo – ha proseguito il ministro – a partire dai prossimi giorni, verranno coinvolti, per raccoglierne suggerimenti ed osservazioni, tutti i principali operatori del settore, così come le Commissioni Parlamentari competenti, per trovare il più ampio supporto e condivisione e quindi favorire la massima efficacia del Piano Nazionale per il Turismo”. (ANSA).

 

Commenti

DIRITTI E FUTURO IMPRENDITORI TURISTICI BALNEARI – CONVEGNO ITB ITALIA – TERMOLI 15 GIUGNO 2012

Postato il: 14 giugno, 2012 | Lascia un commento

Venerdì 15 giugno 2012 – a partire dalle ore 15,30 – diretta streaming del convegno organizzato da ITB Italia trasmessa, per chi non avrà potuto essere fisicamente presente, da:

www.comune.termoli.cb.it/

L’evento si annuncia come il più significativo per la questione balneare, in questo problematico inizio d’estate. Moderatore Giuseppe Ricci, presidente nazionale ITB. Marcello Di Finizio ci sarà.



Commenti

PROPOSTA 8 GIUGNO 2012 DI EMENDAMENTO QUATTROSIGLE AL D.LGS. 59/2010

Postato il: 12 giugno, 2012 | Lascia un commento

da Ale Riccomini

La nota che riportiamo a lato è in rete da giorni.
Si riferisce alla proposta 8 giugno 2012 di emendamento al decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 (Attuazione della Direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno) inoltrata da Assobalneari, CNA, FIBA Confesercenti e SIB ai parlamentari che partecipano ai lavori delle commissioni incaricate. Ne abbiamo avuto notizia da Alessandro Riccomini appena è stata resa nota, ma abbiamo deciso di non commentarla. La pubblichiamo volutamente in ritardo per memoria e, se sarà necessario, ne riparleremo.

Commenti

9 GIUGNO 2012 – BALNEARI IN PROTESTA A SANTA MARGHERITA LIGURE

Postato il: 10 giugno, 2012 | 1 commento

da Ale Riccomini

Due mondi si sono sfiorati a Santa. Establishment all’interno del Grand Hotel Miramare, sede del convegno dei giovani industriali, coccolati da rappresentanti del Governo e della politica. In strada gli outsider: balneari con magliette rosse, fischietti, striscioni. Soli. Nei loro confronti nessun moto di solidarietà da parte di nessuno.
Da Comitato Balneari Liguria, grazie a chi c’era. La lotta continua.

Cliccare sull’immagine e sul comando interattivo per avviare il filmato.



Commenti

RIFLESSIONI

Postato il: 10 giugno, 2012 | Lascia un commento

Quella a lato è la nota che Comitato Salvataggio Imprese ci ha inviato oggi, insieme con l’articolo 9 giugno 2012 de il Tirreno: Bagni, il ministro Gnudi offre un compromesso. Ne prendiamo atto. Il nostro punto di vista al riguardo è che la deroga, o comunque si voglia chiamarla, se non si accompagna a una proposta contrattuale destinata a regolamentare il periodo post 2015, non costituisce una soluzione accettabile per un piccolo imprenditore balneare. Qualcuno era convinto del contrario? Per chi non ne fosse ancora informato, si sappia che, venuti meno il diritto di insistenza e il rinnovo automatico dei contratti, dopo il 31 dicembre 2015 saremo tutti fuori e se vorremo concorrere all’assegnazione di nuove concessioni, nostre o altrui, dovremo andare a gara con nuove regole, cioè sapendo che, bene che vada e solo dopo esserci svenati, avremo davanti a noi una serie di scadenze costellate da gare. Una prospettiva insostenibile per un piccolo imprenditore balneare che viva del suo lavoro e non fruisca di finanziamenti e/o di incentivi di Stato, oppure non si sostenga attraverso ricavi illeciti. L’Esecutivo ha già una delega specifica a legiferare sul settore (si veda Comunitaria 2010, articolo 11, comma 2); finora non ha fatto nulla di conclusivo ma, se lo riterrà utile od opportuno, procederà senza curarsi di noi, né dell’opinione pubblica, se noi lasceremo fare. Gli imprenditori balneari, invece, hanno urgenza di una soluzione praticabile. Noi di Comitato Balneari Liguria consideremmo ottimale l’esclusione dalla Direttiva Bolkestein e il ripristino della situazione ante decreto Milleproroghe 2009 – cioè ritorno al diritto di insistenza con rinnovo automatico, vera utopia. Ciò premesso, se la soluzione che il Governo dovesse proporci prevedesse il ricorso a un diritto reale, per esempio il diritto di superficie, applicato in modo da consentire il mantenimento dell’unità aziendale, esamineremmo la proposta, la valuteremmo dal punto di vista dei diritti del concessionario e non ne saremmo scandalizzati.

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

IL TIRRENO, CON ARTICOLO 9 GIUGNO, SUSCITA PERPLESSITA’ E CONTRAPPOSIZIONI

Postato il: 9 giugno, 2012 | Lascia un commento

Giovanni Botta

IL TIRRENO, in data odierna, riporta la notizia, informale e indeterminata, che ritengo possa essere sintetizzata in questo assunto: esiste l’ipotesi governativa di trasferire alle regioni le parti delle concessioni demaniali marittime sulle quali gravano le strutture dello stabilimento balneare. Stabilimento per stabilimento, la restante parte dell’area in concessione potrebbe essere “necessariamente” collegata alla prima attraverso il diritto di superficie. Una sorta di pertinenza, cioè di bene secondario connesso funzionalmente e giuridicamente a un cespite principale. Così almeno l’ho capita io.
La notizia di questo orientamento governativo – non priva di fondamento, perché circola da tempo in ambiti politici ristretti, anche se in termini non esattamente sovrapponibili – ha creato sconcerto e valutazioni divergenti, tra gli imprenditori balneari.
Personalmente la ritengo una possibile apertura, in un quadro politico complesso e bloccato da mesi. Un’ipotesi di lavoro sulla quale confrontarsi, da valutare con attenzione e sicuramente da discutere e da precisare. Nei termini sopra riportati, infatti, non è certo priva di incognite e di rischi. Tuttavia occorre considerare il fatto che andare in deroga alla direttiva Bolkestein, senza definire il rapporto contrattuale successivo e senza prevedere un adeguato regime di garanzia per gli attuali concessionari, significa andare all’evidenza pubblica. Almeno sulle conseguenze di questa iattura siamo tutti d’accordo, salvo qualche posizione isolata che ben conosciamo.
Altra possibile chiave interpretativa – considerando le modalità del tutto anomale attraverso le quali la notizia è trapelata, nonché la sua fonte principale, il ministro Gnudi – è quella che si tratti unicamente di un ballon d’essai governativo: un puro e semplice sondaggio, lanciato per valutare le reazioni degli operatori del settore e quelle della stessa maggioranza di governo.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE

  • Pagina 70 di 100« Prima...102030...6869707172...8090100...Ultima »