DECRETO LEGGE SVILUPPO, VERSO LA FIDUCIA ALLA CAMERA

Postato il: 11 dicembre, 2012 | Lascia un commento

da Antonio Smeragliuolo

Il Ministro Piero Giarda ha preannunciato oggi alla conferenza dei capigruppo di Montecitorio che domani il governo è intenzionato a porre la questione di fiducia alla Camera sul decreto legge sviluppo. Pubblichiamo  l’agenzia stampa della Reuters.

Cliccare sull’immagine per ingrandire e leggere l’articolo.





Commenti

SENATO 10° COMMISSIONE: ESCE A SORPRESA IL SUBEMENDAMENTO 34.0.200/1

Postato il: 2 dicembre, 2012 | 2 Commenti

Un nutrito gruppo di senatori PD (Armato, Tomaselli, Mercatali, Fioroni, De Sena, Garraffa, La Torre, Legnini) ha presentato una proposta subordinata all’emendamento 34.0.200, già depositata dai relatori della 10° Commissione: Vicari e Bubbico. Il subemendamento in questione (34.0.200/1) prevede:

1.- una proroga di 30 anni (scadenza 31 dicembre 2045);
2.- l’impegno alla presentazione di un piano di investimenti che privilegi salvaguardia, valorizzazione dell’ambiente e risparmio energetico;
3.- l’emanazione di una specifica regolamentazione regionale;
4.- l’obbligo di correttezza fiscale, contrattuale, previdenziale “o” (e non “e”, ma forse si tratta di un refuso) ambientale del concessionario, a pena di revoca della proroga, in caso di “gravi” irregolarità.

Una proposta apparentemente neutrale e per certi aspetti utile a stoppare la montante protesta ambientalista, ma troppo articolata per introdurre un provvedimento funzionalmente semplice, qual è la proroga. Una proposta troppo generica rispetto agli argomenti addizionali trattati. Iniqua rispetto alla generalità degli operatori economici nazionali non balneari. Gli aspetti non condivisibili sono sostanzialmente tre:

a.- non è possibile prescindere dagli investimenti effettuati che non siano stati ancora ammortizzati. Oltre a ciò, l’obbligo di effettuare investimenti, dovrebbe decorrere dal momento del completo ammortamento degli investimenti effettuati. Nessuna azienda potrebbe sostenere condizioni diverse;
b.- gli adempimenti che accompagnano la proroga sono troppo vaghi, sia rispetto al rapporto normativo con le Regioni, sia rispetto alla valutazione della “gravità” delle irregolarità commesse. E’ comprensibile che sia attuata una diversificazione regionale, ma solo rispetto alle peculiarità locali, non riguardo agli aspetti normativi ed economici di portata generale. In assenza di un  criterio di base uniforme, rischieremmo di avere regolamentazioni regionali troppo differenziate. Quanto a valutare la “gravità” delle irregolarità contestate, manca qualsiasi parametro di riferimento;
c.- non si comprende come il rilascio della proroga possa essere condizionato dal rispetto di obblighi di legge che riguardano chiunque operi in Italia, ma che assumerebbero rilievo sanzionatorio unicamente rispetto alla piccola e micro imprenditoria balneare.  L’imprenditore balneare che dovesse evadere o risultare inadempiente dal punto di vista contributivo, di fatto,  perderebbe l’azienda, laddove qualsiasi altro contribuente italiano  sanerebbe l’illecito in via amministrativa. Esisterebbe una chiara disparità di trattamento, contraria al dettato dell’articolo 3 della Costituzione.

In sintesi, ci rendiamo conto che la concessione di una proroga possa essere accompagnata da condizioni, ma non comprendiamo perché dovremmo essere assoggettati a un trattamento penalizzante mirato sulla categoria. Inoltre se di condizioni si parla, riteniamo che sarebbe opportuna una maggiore ponderazione. Con tutto rispetto per i senatori PD, il subemendamento 34.0.200/1 non ci piace per nulla e suggeriamo di ritirarlo. Meglio, molto meglio l’essenzialità bipartisan dell’emendamento Vicari-Bubbico.

Per chi desideri approfondire, è possibile prendere visione dei documenti inerenti gli atti di cui abbiamo parlato all’interno della “BOZZA EMENDAMENTI DEI RELATORI 33.100, 34.1000, 34.0.100 E 34.0.200 E RELATIVI SUBEMENDAMENTI”, documento che si evidenzia cliccando sull’icona in alto a sinistra o sull’URL-link che riportiamo sotto. L’emendamento Vicari-Bubbico (34.0.200)  è riportato nell’ultima pagina della BOZZA EMENDAMENTI, il subemendamento Armato e altri (34.0.200/1) nella penultima:

http://www.senato.it/application/xmanager/projects/senato/attachments /dossier/file_internets/000/007/233/2012_11_30-Emendamenti_relatori_33.100_34.1000_34.0.100_34.0.200_e_sub.pdf



Commenti

10° COMMISSIONE SENATO: PRESENTATA PROROGA “SECCA” DI 30 ANNI

Postato il: 30 novembre, 2012 | Lascia un commento

Pubblichiamo integralmente la nota di Cristiano Tomei, coordinatore nazionale CNA Balneatori, predisposta anche per la diffusione sul territorio:

Cari colleghi,
evidenziamo di seguito il testo dell’emendamento n° 34.0.200 presentato ieri sera, giovedì 29 novembre 2012, alle ore 20,00, alla ripresa della seduta pomeridiana n°. 352, presso la 10° Commissione permanente del Senato (Industria, commercio, turismo) nell’ambito dell’A.S. 3533 – Decreto-legge n.179, “recante ulteriori misure per la crescita del Paese”.
Tale emendamento, che prevede la proroga “secca” di trent’anni per le attuali concessioni demaniali marittime demaniali, è stato presentato dai relatori in Commissione, senatori Filippo BUBBICO (Pd) e Simona VICARI (PdL). Eventuali sub emendamenti possono essere presentati entro le ore 11,oo odierne.
Ecco il testo dell’emendamento, la cui discussione, con ogni probabilità, è prevista per lunedì 3 dicembre 2012:

EMENDAMENTO 34.0.200
I RELATORI (Bubbico e Vicari)

Dopo l’articolo, aggiungere il seguente:
«Art. 34 – bis.
All’articolo 1, comma 18, del decreto-legge 30 dicembre 2009, n. 194,
convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2010, n. 25, dopo il periodo: “entro il 31 dicembre 2015 è prorogato” le parole “fino a tale data” sono sostituite dalle seguenti: “fino al 31 dicembre 2045″».

Evidenziamo di seguito il link della pagina del Senato dove, scorrendo con il mouse fino in fondo al foglio n°. 27, potrete leggere il testo dell’emendamento in originale (Attenzione: in alcune ore del giorno il link può risultare inutilizzabile, per operazioni di manutenzione in corso presso il sito del Senato – ndr):

http://www.senato.it/application/xmanager/projects/senato/ attachments/dossier/file_internets/000/007/230/2012_11_29_-_Emendamenti_relatori_33.100_34.1000_34.0.100_34.0.200.pdf

Le attività sindacali condotte unitariamente in questi giorni dalle principali sigle di settore (SIB-CONFCOMMERCIO, CNA BALNEATORI, FIBA-CONFESERCENTI, ASSOBALNEARI CONFINDUSTRIA) continueranno senza sosta, per continuare a contattare i senatori componenti della 10° Commissione, così come quelli delle altre commissioni, al fine di sostenere l’approvazione di questo emendamento, importante per il futuro dell’intera categoria di titolari di concessioni demaniali.

A tal proposito vi anticipiamo la convocazione per MARTEDI’ 4 DICEMBRE ALLE ORE 11,00 DEL DIRETTIVO C.N.A. BALNEATORI, esteso alla partecipazione dei responsabili regionali e territoriali. Si terrà a Roma in via Guattani, 13 per: “analizzare l’esito dell’emendamento in discussione presso la Commissione 1O° in Senato e le immediate strategie sindacali da porre in atto congiuntamente alle altre sigle sindacali del settore”.
Il coordinamento e la segreteria nazionale sono a disposizione per
ogni ulteriore chiarimento.
Cordiali saluti.

Il Coordinatore nazionale Cna Balneatori
Cristiano Tomei

Commenti

DAGOSPIA IN TEMA DI CONCESSIONI BALNEARI PUBBLICA UN ARTICOLO DI BARBARA PALOMBELLI RUTELLI

Postato il: 30 novembre, 2012 | 3 Commenti

Barbara Palombelli Rutelli, giornalista libera e attenta, interviene nell’articolo a lato, per difendere i balneari, denunciando, tra l’altro, le conseguenze che avrebbe la Direttiva servizi applicata al nostro settore. Cogliamo l’occasione per ringraziarla, non solo per quest’articolo, ma per il suo quotidiano impegno nel sociale.

Cliccare sull’immagine  per completare e ingrandire.



Commenti

LETTERA APERTA DI UNA MAMMA BALNEARE

Postato il: 30 novembre, 2012 | 4 Commenti

Adalberto Sabbatini dello Stabilimento Balneare Ultima Spiaggia ieri, 29 novembre 2012, ha postato sulla nostra pagina Facebook la lettera aperta che pubblichiamo. La scrive Marina Bagno Beppe. Abbracciamo forte questa giovane e bella mamma, dicendole che non è e non sarà mai sola in questa lotta:

“Questa data, questo giorno, è stato per me fonte inevitabile di riflessione… Febbraio ha 29 giorni una volta ogni quattro anni… E tra quattro anni sarà il 29 febbraio 2016…
Nessuno può avere la presunzione di conoscere il futuro, figuriamoci un lasso di tempo di anni… Penso però che tutti noi abbiamo nel nostro immaginario l’idea che saranno i nostri figli a sopravvivere a noi, come dovrebbe essere in natura. Da genitore non posso che sperare che i miei figli crescano sani e forti ed abbiano una vita lunga e felice. Sono un punto fermo del futuro, fino alla fine dei miei giorni.
Ebbene, io mi sento come se avessi una scadenza per cui uno dei miei figli non vedrà il famigerato 29 febbraio 2016… Una delle mie creature, la mia piccola azienda.
Partorita e cresciuta a fatica da decenni e da piú di una generazione. Un’attività sana, fatta non di numeri, ma di persone, di centinaia di storie che si sono accavallate e intersecate qui. Questo piccolo fazzoletto di mondo che per me e per moltissimi altri
significa tutto: casa, lavoro, futuro. Come può una persona vivere pensando che tutto questo possa avere una scadenza da un momento all’altro, una data di fine, the end, come nei film? ma questa è vita vera. Sto parlando di veri sacrifici, vere rinunce, vero lavoro, per costruire ciò che oggi è la mia piccola azienda.
Certo niente è per sempre, ed è logico che i fattori di rischio per cui un’attività potrebbe chiudere sono moltissimi, soprattutto in questo momento storico in cui tutte le economie sono al tracollo. Ma non posso accettare che il mio futuro sia spazzato via da una legge male interpretata da burocrati che non hanno intenzione né voglia di salvare migliaia e migliaia di famiglie, forse per mettere davanti i propri interessi. È veramente dura mantenere i nervi saldi e cercare di andare avanti… Altre quattro stagioni, come la pizza, dico io per sdrammatizzare. E intanto mi trovo a forzatamente a frenare ciò che ho sempre fatto, abbellire il mio bagno, la mia attività, certo per renderla più appetibile, ma soprattutto perché quando ami una cosa vuoi renderla sempre migliore e darle il massimo, proprio come succede con le persone.
È bene chiarire che gli eventi se da una parte smorzano il mio entusiasmo, dall’altra e mi rendono sempre più consapevole e combattiva… Farò tutto ciò che è in mio potere per salvare questa mia creatura e strapparla al furto del secolo.
Dal profondo del cuore auguro ai miei colleghi di tutte le regioni italiane, coi quali sto condividendo questo dramma, che le loro creature possano continuare a crescere sane e forti e che il 29 febbraio 2016 magari sorridano, ripensando a queste mie paure!”



Commenti

Vaccarezza: “Dopo Bologna, andiamo a Roma”

Postato il: 28 novembre, 2012 | Lascia un commento

Ringraziamo Angelo Vaccarezza, delegato nazionale UPI al Demanio Marittimo, che ieri da Roma, dove si è recato per difendere la nostra categoria, ci ha immediatamente informato di ciò che stava accadendo. Riportiamo il suo appello ai balneari, pubblicato sulla nostra pagina facebook e successivamente ripreso da RSVN.it nell’articolo a lato.

Cliccare sull’immagine per ingrandire e leggere il testo dell’articolo.







Commenti

RAPINARE LE AZIENDE BALNEARI E’ VIOLENZA

Postato il: 25 novembre, 2012 | Lascia un commento






Commenti

25 novembre: giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Postato il: 25 novembre, 2012 | 1 commento

107 sagome bianche con i loro nomi sulle targhette. E’ il murale realizzato da un gruppo di donne nel quartiere San Lorenzo a Roma. “Dall’inizio del 2012 a oggi sono state 107 le vittime di femminicidio in Italia, 107 donne assassinate da uomini che confondono l’amore con il possesso.”

Noi di Comitato Balneari Liguria dedichiamo a tutte le donne questa frase di William Shakespeare:

”Per tutte le violenze consumate su di lei… per tutte le umiliazioni che ha subito… per il suo corpo che avete sfruttato… per la sua intelligenza che avete calpestato….per l’ignoranza in cui l’avete lasciata… per la libertà che le avete negato… per la bocca che le avete tappato… per le sue ali che avete tarpato… per tutto questo: in piedi… signori… davanti ad una donna“.



Commenti

SIB GENOVA INFORMA: BERSANI IN CAMPAGNA PRIMARIE PD A GENOVA

Postato il: 24 novembre, 2012 | Lascia un commento








_____________________________________________________________________

VI INFORMIAMO CHE, IN OCCASIONE DEL COMIZIO FINALE
DELLA CAMPAGNA ELETTORALE DI PIERLUIGI BERSANI
PER LE PRIMARIE DEL PD
SABATO 24 NOVEMBRE A GENOVA, PRESSO LA SALA CHIAMATA DEL PORTO
PIAZZALE SAN BENIGNO 1
IN CODA AL COMIZIO ELETTORALE
IL PRESIDENTE SIB RICCARDO BORGO
ED UNA DELEGAZIONE DI CONCESSIONARI BALNEARI
RAPPRESENTATIVA DELLE 4 ORGANIZZAZIONI SINDACALI REGIONALI
INCONTRERÀ IL SEGRETARIO DEL PARTITO DEMOCRATICO BERSANI. 

LA SEGRETERIA



Commenti

CNA INFORMA: BERSANI IN CAMPAGNA PRIMARIE PD A GENOVA

Postato il: 24 novembre, 2012 | Lascia un commento





_____________________________________________________________________

OGGI SABATO 24 NOVEMBRE A GENOVA, ALLE ORE 16,30
IN OCCASIONE DELL’ULTIMA TAPPA DELLE PRIMARIE DEL CENTRO SINISTRA
NELLA SALA CHIAMATA DEL PORTO
IN GENOVA – PIAZZALE SAN BENIGNO 1
IL SEGRETARIO NAZIONALE PD PIERLUIGI BERSANI
INCONTRERA’ UNA DELEGAZIONE DI RAPPRESENTANTI
DELLE QUATTRO MAGGIORI SIGLE SINDACALI DELLE IMPRESE BALNEARI
SIB-CONFCOMMERCIO
CNA BALNEATORI
FIBA-CONFESERCENTI
ASSOBALNEARI-CONFINDUSTRIA
SULLA PROBLEMATICA
DELLE ATTUALI CONCESSIONI DEMANIALI MARITTIME

IL COORDINATORE NAZIONALE CNA BALNEATORI
CRISTIANO TOMEI



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE

  • Pagina 5 di 20« Prima...34567...1020...Ultima »