BOLOGNA 20 NOVEMBRE 2012

Postato il: 19 novembre, 2012 | Lascia un commento

Commenti

ALESSANDRO RICCOMINI CHIEDE ATTENZIONE

Postato il: 31 ottobre, 2012 | Lascia un commento





Commenti

MA I BALNEARI, LORO, SI SVEGLIERANNO?!

Postato il: 14 settembre, 2012 | Lascia un commento

Alessandro Riccomini

Pubblico la risposta dell’On. Favia (Idv) a Giarda (Ministro per i rapporti col parlamento) a seguito di un interrogazione del 12/09/12, dopo che l’on. Di Pietro ha chiesto l’esclusione delle Imprese Balneari dalla Direttiva Servizi.

DAVID FAVIA:
“Signor Presidente (Rosy Bindi – ndr), signor Ministro, io la ringrazio, ma lamento innanzitutto l’assenza da quest’Aula del Ministro Gnudi, che è il protagonista di questo settore. Apprendo e le riconosco di aver posto e capito il problema, ma francamente lei non ci ha dato alcun tipo di soluzione, con una risposta piuttosto burocratica. Io le ricordo ancora che ci sono 30 mila imprese, 300 mila posti di lavoro in bilico; che non c’è alcuna lesione della concorrenza, perché vi sono ancora spazi per nuove concessioni e, quindi, le vecchie potrebbero tranquillamente non essere toccate. C’è una specificità del settore, non c’è contrasto con nessun altro Paese europeo. Queste imprese ricoprono e risolvono un interesse pubblico – la pulizia, la sicurezza ed altre cose – che tutti ben conosciamo. Ci sono investimenti enormi che non possono essere ammortizzati nel termine del 31 dicembre 2015. È stato preso un impegno da parte del Governo di fare una legge entro il 15 marzo, ma per allora si voterà e, quindi, vorremmo sapere quando ci proporrete questa legge. L’Italia dei Valori ha presentato una proposta di legge il 2 agosto: vorremmo sapere – come abbiamo scritto nell’interrogazione, ma lei, signor Ministro, non ce l’ha detto – se la condividete. Ci sono mozioni, nel senso dell’uscita dalla direttiva Bolkestein, della Camera, del Senato e del Parlamento europeo. Noi siamo stati a Bruxelles con i sindacati e lì ci hanno detto che non vi hanno visto, come Governo, a difendere gli interessi degli operatori. Gli ambulanti, i notai, i concessionari di acque minerali, i distributori di carburante sono usciti dalla Bolkestein; avete intenzione o no di andare a negoziare in Europa l’uscita dalla Bolkestein? Capra e cavoli non si possono salvare: o salvate le imprese e mettete a gara le nuove concessioni, oppure distruggete questo settore, con i suoi 300 mila dipendenti e un indotto di un milione di posti di lavoro. Svegliatevi, per favore!”

Grazie Ale! Questa accurata trascrizione completa la nostra del 12 settembre, inerente l’interrogazione dell’on. Di Pietro e la risposta del ministro Giarda (post: QUESTION TIME 12 SETTEMBRE 2012 -TRASCRIZIONE PARTI ESSENZIALI DOMANDA/RISPOSTA DI PIETRO/GIARDA).



Commenti

BALNEARI: SI RIPARLA DEL DECRETO GNUDI

Postato il: 16 agosto, 2012 | 2 Commenti

da Alessandro Riccomini

Nuove dichiarazioni del ministro Gnudi. Il “decreto balneari” è ancora in cantiere, subordinato a un’intesa da assumere in ambito rigorosamente governativo. Regioni, province,comuni? neppure una parola. Le associazioni di categoria? con lo “sciopero degli ombrelloni” hanno montato un caso inconsistente. Tutti avvisati.



Commenti

REGIONE LIGURIA: SI TENTA DI PROROGARE LE CONCESSIONI DEGLI STABILIMENTI BALNEARI

Postato il: 25 luglio, 2012 | Lascia un commento

News da Ale Riccomini

Comunicazione ridotta all’essenziale, causa impegni periodo estivo – cliccare sull’immagine per evidenziare l’articolo. Si veda anche l’articolo collegato, cliccando sull’url:
http://www.levantenews.it/ index.php/2012/07/24/ ripascimento-spiagge-bella-idea-ma-attuabile/



Commenti

IL PARERE DI ALE RICCOMINI

Postato il: 29 giugno, 2012 | Lascia un commento

Alessandro Riccomini

Durante l’inverno ci siamo mobilitati sempre in pochi e sempre gli stessi. D’estate qualcuno pensa veramente che quelli che non si muovono d’estate avranno le palle per partecipare ad una qualsiasi manifestazione? Staranno fuori dalla mischia a guardare come hanno fatto da sempre (e questo le associazioni lo sanno e lo sa anche il governo) e io per questi non intendo rischiare. Solo il 23 febbraio a Roma in via della Stamperia eravamo un bel numero; tantissimi poi, quando non serviva e non è servito a niente, all’EUR convocati anche allora dalle associazioni (preferisco chiamarli associazioni che il sindacato è un’altra cosa). Quindi se volete bloccare le autostrade d’estate dovete essere coscienti che sarete in pochi. Fare sciopero, chiudere le spiagge, è una proposta delle associazioni alla quale non credo e sono sicuro che non ci credono neanche i nostri condottieri. Siamo un servizio pubblico, dobbiamo garantire il salvataggio a mare e abbiamo già affittato. Anche l’ipotesi di un eventuale rimborso ai nostri clienti è una via impraticabile. Già siamo così simpatici! Quindi inutile stare a fare congetture sul nulla. Che i nostri rappresentanti facciano il loro dovere ma, per favore che non sparino con il cannone caricato a salve.
Dovevano chiamarci nel 2006. Non lo hanno fatto. Dovevano chiamarci il 23 febbraio. Non lo hanno fatto. Adesso vanno a raccontare di una “possibile chiusura degli stabilimenti balneari in una delle prossime domeniche”. Ma con chi ne hanno parlato? C’è uno di noi che è stato interpellato? Se c’è lo dica. Io comunque non chiudo. Preferisco confidare nell’azione di Fusco, Vaccarezza, Berlingeri, Di Dalmazio, Monticelli, Bellumori, Del Dotto, Di Carlo, Bellandi, Maggiorelli, Favilla e tutti gli altri del Comitato.



Commenti

INTERPELLANZA SCANDROGLIO/CASSINELLI 8 GIUGNO 2012

Postato il: 8 giugno, 2012 | Lascia un commento

da Ale Riccomini

Rimandiamo, per gli antefatti di questo documento, al nostro post: CORRISPONDENZA CIANA/SCANDROGLIO in data 2 giugno 2012. L’on.le Michele Scandroglio ha puntualmente rispettato l’impegno assunto nei confronti di Giorgio Ciana (Libera Associazione dei Concessionari di stabilimenti balneari della Provincia di Genova). Lo scorso 8 giugno, con l’on.le Roberto Cassinelli, Scandroglio ha inoltrato l’interpellanza che pubblichiamo a lato e che può essere evidenziata cliccando sull’icona.

Grazie onorevoli amici! Grazie anche ad Ale,  attento e presente come pochi altri nel quadro dell’informazione demaniale italiana. Attendiamo ora di conoscere la risposta dei ministri.



Commenti

CORRISPONDENZA CIANA/SCANDROGLIO

Postato il: 2 giugno, 2012 | 1 commento

da Alessandro Riccomini

Il giorno 27/mag/2012, alle ore 09:41, Giorgio Ciana ha spedito all’on.le Scandroglio (deputato PDL) questa mail:

“Gentile On. Scandroglio,
giovedì scorso ho partecipato all’incontro presso i Bagni Vittoria di Rapallo ed ho notato con dispiacere che si sono dette delle inesattezze. Mi sembra giusto chiarire che, se si è giunti a questo stallo nel prosieguo della ricerca di una soluzione per la gravissima situazione che coinvolge il comparto dei Balneari, la colpa non è da ricercarsi nell’atteggiamento dei quattro Sindacati che più che mai uniti (vedere tra gli allegati) rappresentando più del 90% degli Associati, hanno portato avanti la battaglia bussando a tutte le porte della Politica. Purtroppo la colpa è da ricercarsi nella Politica stessa, vecchia e nuova e nel Governo, che non vogliono, accogliendo la richiesta pervenuta dal Commissario Barnier il 27 Settembre 2011 (vedere tra gli allegati), fornire all’Europa le motivazioni  che le permetterebbero di giustificare l’uscita delle Concessioni Demaniali Italiane dalla Direttiva Servizi (Bolkestein). Di tanto mi sembrava giusto informarla e ringraziarla per quanto potrà fare per i miei Colleghi Balneari.

Giorgio Ciana
Presidente Libera Associazione Concessionari Stabilimenti Balneari della Provincia di Genova S.I.B/Confcommercio”

L’on.le Scandroglio, dopo poco più di due ore, ha risposto:

“Mi farò carico di chiedere formalmente a Moavero se e perché non intende agire per uscire dalla b! Grazie comunque delle informazioni, m. scandroglio”

Chiedere “formalmente” significa che ci sarà un’interrogazione o un’interpellanza parlamentare? Giriamo la domanda ad Ale Riccomini, perché approfondisca e segua le questione nei confronti di Giorgio Ciana.



Commenti

VACCAREZZA DELEGATO UPI AL DEMANIO MARITTIMO

Postato il: 29 maggio, 2012 | Lascia un commento

da Alessandro Riccomini

Angelo Vaccarezza, presidente della Provincia di Savona, è stato delegato al Demanio marittimo dal presidente UPI Giuseppe Castiglione. Vaccarezza sostiene da sempre le ragioni dei balneari e il nuovo incarico gli consentirà di portare a livello nazionale l’impegno che ha profuso finora in Provincia di Savona. Complimenti e auguri.







Commenti

DI DALMAZIO INCALZA IL GOVERNO

Postato il: 27 maggio, 2012 | Lascia un commento

da Alessandro Riccomini

Anche questa non è una notizia di giornata, ma è sicuramente da annotare.













Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE

  • Pagina 4 di 512345