Comitato Salvataggio invita alla mobilitazione

Postato il: 2 febbraio, 2012 | 4 Commenti

Anche Comitato Salvataggio Imprese ha focalizzato la sua attenzione sull’incontro del 23 febbraio con Moavero Milanesi e Gnudi. Noi di Comitato Balneari Liguria, rilanciamo il messaggio, augurandoci – augurandovi – che sia raccolto da tutti i soggetti ai quali è stato indirizzato. Tra questi voi. Tutti voi.
Ci hanno portato via, senza colpo ferire, diritti acquisiti sui quali abbiamo costruito le nostre aziende e la nostra stessa vita e, la categoria, nell’insieme, quasi non ha quasi battuto ciglio. In questo momento la sola certezza che abbiamo è che al 31 dicembre 2015 (in effetti ben prima di allora) le nostre aziende andranno a gara, se non sapremo difenderci adeguatamente e ciò non ostante solo pochi di noi hanno manifestato all’esterno il malessere mortale che ci angoscia.
In questi ultimi due anni abbiamo capito, senz’ombra di dubbio, che il pericolo per noi non sono l’Europa e le sue leggi – che pure sono formulate con una sensibilità culturale e sociale da paura – il pericolo sono: a.- i poteri forti, che vogliono sostituirsi a noi; b.- la tecnocrazia che ci governa, longa manus di quella stessa politica che ci voleva fuori; c.- la convinzione, ancora troppo diffusa, che in Italia tutto si aggiusti e che quindi non valga la pena di affannarsi tanto. Questo però funziona per i potenti, non per i poveri cristi. Siamo in un momento delicatissimo, in cui non possiamo permetterci di sbagliare. Il 23 febbraio il Governo non prenderà decisioni, ma ci prenderà le misure e da quel momento procederà in relazione. Per questo bisognerà essere in molti a Roma, il 23 febbraio, all’inizio di queste trattative cruciali, a sostegno della delegazione che si recherà dai ministri. Dovremo esserci tutti, anche voi.



Commenti

Ai Gruppi consiliari delle località balneari italiane: Appello di Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano

Postato il: 14 gennaio, 2012 | Lascia un commento

Rilanciamo a tutti i Gruppi consiliari delle località balneari d’Italia l’appello di Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano, convinti dell’importanza essenziale delle istituzioni locali in questa delicatissima fase dei rapporti con il Governo italiano.
Cliccare sull’immagine per ingrandire il testo.



Commenti

I BALNEARI ITALIANI IN MARCIA VERSO BRUXELLES

Postato il: 8 novembre, 2011 | Lascia un commento

Lunedì 21 novembre, una lunga fila di camper di concessionari balneari partirà per Bruxelles per manifestare contro la direttiva Bolkestein. Iniziativa di Comitato Salvataggio Imprese Balneari, che propone a sindacati e concessionari una manifestazione pacifica contro le aste e la distruzione del turismo balneare italiano.
Purtroppo l’Ue conosce solo superficialmente le caratteristiche e le dinamiche del nostro settore, esposto alla violenza della natura. In questi giorni il mare ha distrutto molti stabilimenti balneari e questi concessionari, per ricominciare, avranno bisogno di tempi lunghi, almeno 50 anni e da subito.
Bella l’iniziativa dei toscani, che ci auguriamo sia condivisa dal nostro sindacato. Si parla di un viaggio di tre giorni. Una vera e propria epopea, per difendere le aziende e il lavoro di intere generazioni. I balneari di tutte le regioni d’Italia sono invitati a partecipare.

Contatti:
comitatonoalleaste@live.it
movimentobalneare@gmail.com
comitatobalneariliguria@hotmail.it

Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE