DDL AMMAZZABALNEARI, PRESIDIO DONNEDAMARE, CALENDA E CNA BALNEATORI

Postato il: 5 marzo, 2017 | 2 Commenti

DSCN2975Donnedamare, considerato il delicato momento politico e le rivelatrici dichiarazioni di Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico, ha deciso di manifestare con un presidio che si terrà a Roma, in P.zza Montecitorio, sede della Camera dei deputati, dalle ore 11.00 alle ore 14.00 del prossimo 15 marzo. Iniziativa condivisa e sostenuta da Comitato Salvataggio Imprese e turismo Italiano.
Conclusa l’assemblea del 3 marzo a Sanremo, abbiamo chiesto a Cristiano Tomei – coordinatore nazionale CNA Balneatori, sindacato al quale compete da tempo la posizione maggioritaria e trainante del comparto balneare italiano – di sintetizzare i concetti espressi in corso di riunione nei confronti dell’atteso presidio romano e delle esternazioni del ministro Calenda.
Tomei precisa: CNA Balneatori condivide le ragioni del presidio che si terrà a Roma il prossimo 15 marzo. Queste rivendicazioni, che corrispondono a quelle della stragrande maggioranza dei balneari italiani, sono sostenute da tempo con chiarezza e coerenza dal nostro sindacato, che si avvale al riguardo del supporto di un formidabile pool di avvocati. Parliamo di legittimo affidamento, di doppio binario, di un periodo transitorio di almeno 30 anni, fattori tutti necessari per ridare slancio alle imprese balneari e per accertare, in ambito nazionale e comunitario, l’estraneità del nostro comparto dalla Direttiva servizi. Le nostre posizioni sono condivise dai colleghi che hanno partecipato all’assemblea CNA Balneatori di Carrara, da ITB Italia, da Assobalneari – Confindustria, da Comitato salvataggio imprese, da Donnedamare e da qualsiasi balneare italiano che abbia a cuore il lavoro proprio e della propria famiglia.
Quanto al ministro Calenda, chiederemo un incontro, per consegnargli lo studio realizzato da CNA, sulla base dei dati raccolti ed elaborati dall’Agenzia delle Entrate ai fini degli studi di settore. Dati ufficiali e incontestabili. Le nostre imprese sono, per la quasi totalità, piccole o piccolissime realtà a prevalente base personale, l’81% delle quali risulta congrua e coerente. Non difendiamo inesistenti rendite di posizione. Difendiamo il lavoro che noi stessi, e prima di noi le nostre famiglie e quelle di coloro che ci hanno preceduto, abbiamo inventato e costruito dalla fine dell’800, nella legalità e con il sostegno dello Stato italiano .”

A Roma, il 15 marzo, bisognerà esserci. Pacifici, determinati, numerosi.



Commenti

NO ALLA DISTRUZIONE DEL TURISMO BALNEARE ITALIANO

Postato il: 19 febbraio, 2017 | Lascia un commento

DSCN0430NO ALLE ASTE!! I balneari, in polemica con Sib-Confcommercio, Fiba-Confesercenti, Oasi-Confartigianato e Federbalneari, che hanno accolto con favore il disegno di legge licenziato lo scorso 27 gennaio dal Consiglio dei ministri, protestano a Balnearia 2017.
Comitato Salvataggio Imprese e turismo italiano ha convocato un presidio per domani, lunedì 20 febbraio, alle ore 14, all’ingresso n. 5 di via Maestri del Marmo, per manifestare contro il provvedimento che, se dovesse avere seguito, costituirebbe un esproprio di imprese familiari gravissimo e senza precedenti.
Emiliano Favilla, presidente del Comitato, precisa: “Con questa manifestazione ribadiamo il nostro NO al ddl approvato dal Governo, che distrugge piccole imprese balneari familiari e apre le porte alle multinazionali, favorendo infiltrazioni mafiose, come è stato confermato dalla commissione antimafia  presieduta dall’on. Bindi.”
Sono stati invitati a partecipare al presidio gli imprenditori balneari di tutta Italia, con invito esteso ai rappresentanti nazionali di tutte le sigle sindacali. A domani e NO ALLE ASTE!!



Commenti

INCONTRO COSTA-BALNEARI: PARLA COMITATO SALVATAGGIO IMPRESE

Postato il: 24 settembre, 2016 | Lascia un commento

21_08_2016_renzi_e_balneari_01-copiaEmiliano Favilla, presidente di Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano, presente nella delegazione di CNA Balneatori, concluso l’incontro con il ministro Costa, ha pubblicato un significativo messaggio in rete, che riprendiamo, suggerendo di valutarlo con estrema attenzione:

«Senza se e senza ma io il 28 vado a Roma… Chi non verrà tra colleghi e politici vorrà le Aste.»
«Dall’incontro di oggi con il Ministro Costa di positivo c’è stato che abbiamo avuto conferma di quanto si sospettava. Piena connivenza da parte di alcuni sindacati con le vecchie linee guida del Ministro che prevedono le Aste: SIB-Confcommercio di Borgo, FIBA-Confesercenti di Lardinelli, OASI di Mussoni e FEDERBALNEARI ITALIA di Papagni. Questa volta quei sindacalisti hanno fatto cadere la maschera e senza mezzi termini si sono schierati con il Ministro. Di certo quindi ci sono le Aste e/o Evidenze pubbliche. Tutto da definire e completa confusione sui cosiddetti “Paletti”. Tutto aleatorio anche il “congruo periodo transitorio”.»
«A questo punto dobbiamo verificare se il Sottosegretario Luca Lotti – fedelissimo di (Matteo) Renzi – mantiene quello che ha detto, su mandato dello stesso Renzi, negli incontri avuti recentemente: (e cioè che) la trattativa sarebbe ripartita da zero. Se così non fosse saremmo veramente di fronte al gioco delle tre carte.»
«Onore al merito a CRISTIANO TOMEI della CNA BALNEATORI, per aver mantenuto nettamente e con coerenza la posizione dell’esclusione dalle ASTE della BOLKESTEIN. Nei prossimi giorni verificheremo la posizione del Sottosegretario Luca Lotti ed anche di Renzi.»
«Nel frattempo ora più che mai avanti con la lotta e il 28 settembre tutti alla manifestazione di Roma, insieme agli ambulanti. 

«Emiliano Favilla»



Commenti

INCONTRO TRA RENZI E CNA BALNEATORI

Postato il: 22 agosto, 2016 | Lascia un commento

FORTE_DEI_MARMI_21_08_2016_02FORTE_DEI_MARMI_21_08_2016_04FORTE_DEI_MARMI_21_08_2016_0321_08_2016_RENZI_E_BALNEARI_01FORTE_DEI_MARMI_21_08_2016_05Ieri – 21 agosto 2016 – CNA Balneatori, la più significativa e impegnata tra le associazioni nazionali di categoria, con il coordinatore nazionale Cristiano Tomei, il presidente regionale Toscana Lorenzo Marchetti e i vertici di CNA Lucca, Andrea Giannecchini – presidente – e Stephano Tesi – direttore – insieme con una qualificata delegazione di Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano, guidata da Emiliano Favilla e Fabrizio Maggiorelli, ha incontrato il premier Matteo Renzi nel giardino dell’Hotel Villa Roma Imperiale di Forte dei Marmi.
Pubblichiamo il comunicato stampa ufficiale di CNA nazionale:

22 Agosto 2016

BALNEATORI. IL PREMIER RENZI INCONTRA LA DELEGAZIONE CNA

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha incontrato ieri pomeriggio, a Forte dei Marmi, una delegazione di CNA Balneatori, che ha illustrato i temi relativi alla tutela e alla promozione delle imprese del turismo costiero.
Presenti all’incontro, che si è svolto presso l’Hotel Villa Roma Imperiale, il Coordinatore Nazionale di CNA Balneatori, Cristiano Tomei, i vertici della CNA di Lucca e Viareggio, e una delegazione del Comitato salvataggio imprese di balneazione, che aderisce completamente alle posizioni di CNA Balneatori.
“E’ stato un incontro positivo e molto importante” si legge in una nota di CNA Balneatori.
“La tutela del lavoro e degli investimenti di trentamila imprese balneari italiane – prosegue la nota – ha bisogno dell’appoggio pieno del Governo e delle Istituzioni. L’obiettivo è arrivare, in tempi brevi, alla costruzione e alla messa a punto di un disegno di legge che garantisca il diritto di continuare a lavorare per le attuali imprese e per gli imprenditori balneari.”



Commenti

UNITA’ NELLA LOTTA ANTI BOLKESTEIN: APPELLO DI EMILIANO FAVILLA – COMITATO SALVATAGGIO IMPRESE

Postato il: 29 luglio, 2016 | 1 commento

NANDO_CARDARELLI_CON_EMILIANO_FAVILLAPubblichiamo, per la massima possibile diffusione, l’appello diramato oggi, 29 luglio, da Emiliano Favilla – presidente Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano:
“Il verbale dell’incontro del 22.7.2016 tra il sottosegretario Sandro Gozi e il direttore generale della commissione europea Lowri Evans non meraviglia chi non ha mai creduto alle favole. E’ la concreta dimostrazione della qualità della gente con cui abbiamo a che fare.” (LEGGI TUTTO)



Commenti

LEGGE 31/2016 REGIONE TOSCANA: DURERA’?

Postato il: 6 giugno, 2016 | Lascia un commento

100_1378Circa una settimana fa, abbiamo ricevuto da Nando Cardarelli, di Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano, la nota 1.6.2016, che pubblichiamo. Con essa il Comitato ha evidenziato il diffuso dissenso suscitato, nel mondo balneare, dalla legge della Regione Toscana n. 31 del 3 maggio 2016, soprattutto per le possibili ripercussioni sulla vertenza nazionale in atto. Il documento informa che, da più parti, sono state inoltrate richieste di incontro urgente alla Regione Toscana e se, a distanza di giorni, Cardarelli ci ha rispedito la stessa comunicazione, dobbiamo pensare che la Regione non abbia risposto e non sia disponibile per incontrare la categoria in questo momento.
Ne prendiamo atto e ipotizziamo che tale atteggiamento attendista possa essere posto in relazione con l’impugnativa della legge regionale campana n. 6 del 5 aprile 2016, recentemente deliberata dal Consiglio dei Ministri su proposta del ministro Costa – Affari regionali ed autonomie. Tale legge, a giudizio del Governo, conterrebbe, in materia di concessioni demaniali marittime, norme lesive dei principi posti a tutela della concorrenza dall’art. 117, secondo comma, lettera e), della Costituzione. Sicuramente anche altre disposizioni della legge in questione, particolarmente quelle che prevedono condoni edilizi diffusi, hanno influito sulla censura governativa, ma se le disposizioni contestate rispetto alla questione balneare sono quelle contenute nell’art. 17 (Norme per lo sviluppo del turismo balneare), riscontriamo molte analogie con la citata legge regionale 31/2016. La regione Toscana sta forse aspettando che il Governo prenda posizione sulla legge in questione prima di incontrare i balneari? Oppure il Governo sta aspettando di conoscere il contenuto delle linee guida alla legge prima di intervenire? Forse entrambe le cose, tutto può essere.



Commenti

CONFERENZA DELLE REGIONI – ROMA 17 FEBBRAIO 2016

Postato il: 16 febbraio, 2016 | Lascia un commento

LOGO COMITATO SALVATAGGIO_NUOVO_100216 febbraio 2016, ore 22:30 – Emiliano Favilla, troppo noto per avere bisogno di presentazione, ci informa che Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano è stato ufficialmente autorizzato ad effettuare un presidio in P.zza delle cinque lune a Roma – ossia nelle immediate vicinanze della sede romana della Regione Liguria – domani, mercoledì 17 febbraio, a partire dalle ore 12.
Pubblichiamo e ringraziamo.



Commenti

COMITATO SALVATAGGIO NON HA PERSO SLANCIO

Postato il: 11 febbraio, 2016 | Lascia un commento

VIAREGGIO_10_02_2016Comitato salvataggio imprese e turismo italiano, storico punto di riferimento dell’imprenditoria balneare nazionale più attenta, evoluta, concreta, intellettualmente autonoma, non ha perso lo smalto degli esordi. L’incontro di ieri – 10 febbraio 2016 – ha registrato la partecipazione di un pubblico numeroso e qualificato, che ha votato all’unanimità il documento che pubblichiamo. Significativi i punti di contatto con la linea sindacale di CNA Balneatori, altro irrinunciabile baluardo del comparto balneare italiano.
Condividiamo e rilanciamo l’appello finale del documento di Comitato: nessuno più può permettersi il lusso o l’ingenuità di delegare. La partecipazione diretta alla difesa dei propri diritti è di rigore.



Commenti

VIAREGGIO: COMITATO SALVATAGGIO E BALNEARI A CONFRONTO CON CRISTIANO TOMEI

Postato il: 26 settembre, 2015 | 2 Commenti

VIAREGGIO_2_25.09.2015VIAREGGIO_25.09.2015Da Emiliano Favilla e Fabrizio Maggiorelli

Ieri – venerdì 25 settembre – Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano, con altri balneari toscani, presso il Bagno Arizona di Viareggio, ha incontrato Cristiano Tomei – presidente nazionale CNA Balneatori. Erano presenti, tra gli altri: Lorenzo Marchetti – presidente di CNA Balneatori Toscana,  Alessandro Riccomini – presidente CNA Balneatori Liguria, Stephano Tesi – direttore CNA Lucca e Marco Magnani vice presidente provinciale CNA Lucca.
Comitato e tutti i presenti hanno giudicato positivo il confronto, nel corso del quale Tomei ha illustrato l’intensa attività  svolta da CNA Balneatori nei mesi scorsi:

1.- due ricorsi alla Corte di Giustizia europea contro le questioni pregiudiziali promosse dal TAR Lombardia e dal TAR Toscana rispetto alla compatibilità con la normativa europea delle proroghe delle concessioni balneari al 31.12.2015 e al 31.12.2020;
2.- approvazione del documento a sostegno dei balneari nella Conferenza delle Regioni;
3.- assemblea nazionale CNA Balneatori a Ravenna;
4.- due missioni a Bruxelles per incontrare europarlamentari ed esponenti della Commissione Mercato Interno e Servizi;
5.- studio sul valore economico delle imprese balneari in attività.

Tomei ha precisato che CNA Balneatori, in ogni sua iniziativa, si batte per escludere che il rinnovo delle concessioni balneari sia attuato attraverso il ricorso ad aste ed evidenze pubbliche. Il Governo e le istituzioni tutte – ha sostenuto Tomei – nel momento in cui riconoscono la assoluta importanza degli operatori balneari e il loro ruolo trainante nell’economia turistica e nell’economia nazionale in genere, devono capire che il settore ha urgente bisogno di certezze. Il Governo, quindi, deve sostenere in Europa il comparto balneare con la necessaria determinazione e deve ottenere che esso sia escluso da qualsiasi impostazione che conduca alle aste.
Sollecitato dagli interventi dei balneari,Tomei ha motivato la democratica impostazione sindacale di CNA  Balneatori, che prevede sempre la preventiva discussione e approvazione da parte della base. Su questa linea programmatica, al prossimo SUN di Rimini, considerando la particolarità del momento, CNA Balneatori ammetterà alla propria Assemblea Nazionale tutti i balneari presenti, con diritto di intervento e di voto finale rispetto al documento che impegnerà CNA Balneatori a qualsiasi livello.
A seguito di nostra specifica richiesta, il presidente Tomei ha invitato ufficialmente il nostro Comitato all’Assemblea Generale CNA Balneatori di Rimini.

per “Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano”
Emiliano Favilla – Fabrizio Maggiorelli

Fotografie di Rodolfo Martinelli



Commenti

AMBULANTI E BALNEARI: ESPERIENZE A CONFRONTO

Postato il: 14 maggio, 2015 | Lascia un commento

AMBULANTIOggi, 14 maggio 2015, ambulanti e balneari saranno insieme a Milano, accomunati da un problema vitale che parla di Italia, di Europa, di micro imprese familiari e di grandi gruppi – internazionali e non – in agguato nell’ombra e capaci di tutto e di più.
Non conosciamo adeguatamente le problematiche di questo settore che tanto somiglia a quello balneare, ma se le notizie che abbiamo sono corrette, anche per loro c’è poco da essere tranquilli, soprattutto perché il messaggio che attualmente viene trasmesso agli ambulanti è di moderata tranquillità, in una situazione che tranquilla non è. A noi risulta che, dopo un breve periodo di neutralizzazione, le concessioni dei singoli banchi saranno riassegnate con ricorso a gare, concetto che, nella stragrande maggioranza dei casi, significherà essere irrimediabilmente fuori. Quindi, amici ambulanti, massima allerta.
All’incontro, che si terrà presso il circolo della Stampa in Milano, c.so Venezia 48, alle ore 17:00, parteciperà una delegazione di balneari, composta, tra gli altri, da Bettina Bolla – presidente dell’Associazione culturale Donnedamare e vice presidente provinciale CNA Balneatori Savona- e da Emiliano Favilla – presidente di Comitato Salvataggio Imprese e Turismo Italiano.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE

  • Pagina 1 di 41234