KRAMER – COMMISSIONE EUROPEA – PROPONE AI BALNEARI UNA DEROGA DI 10/15 ANNI

Postato il: 15 luglio, 2012 | Lascia un commento

da Cristina Baudoino

E’ ormai accertato che la Commissione europea non abbia idee chiare sulla realtà del nostro settore e neppure sul concetto di DEROGA. E non è la sola. Tuttavia, se vogliamo ottenere risultati concreti, dobbiamo prendere atto di questa posizione cocciuta e disinformata, anche perché il governo Monti non sembra disponibile a presentarsi in Europa con una ferma e realistica posizione alternativa. In questo quadro, la proroga suggerita da Kramer – magari motivata dalla difficoltà di regolamentare il settore e non dall’esigenza di completare gli ammortamenti – potrebbe essere considerata un’ipotesi accettabile.

Nessun commento circa le conclusioni di Morganti a proposito del commercio ambulante.



Commenti

MANIFESTAZIONE A ROMA: PRIMI ESITI

Postato il: 23 febbraio, 2012 | Lascia un commento

Il primo attesissimo incontro tra i rappresentati dei balneari e i ministri Milanesi e Gnudi è stato positivo. SIB, FIBA, CNA e Assobalneari hanno confermato la proposta unitaria che già si conosceva e che è qualificata dalla richiesta di deroga. ITB Italia e Comitato Salvataggio Imprese e Turismo hanno invece presentato una proposta più articolata, che era conosciuta solo nelle grandi linee e che sarà resa pubblica nei prossimi giorni. Inspiegabilmente assente Vasco Errani, presidente della Conferenza delle Regioni, Angelo Berlangieri e Marylin Fusco, in rappresentanza della Regione Liguria, si sono espressi a favore degli stabilimenti balneari che – hanno sottolineato – costituiscono gli elementi trainanti dell’economia turistica italiana.
Enzo Milanesi – questo è il suo vero nome, così ha precisato nel corso dell’incontro – sembra essere  il nostro principale interlocutore. Il ministro si è dimostrato disponibile e interessato ad esaminare le proposte del Comitato e ha chiesto che siano portati sul tavolo delle trattative i dati significativi inerenti il nostro settore (tra cui la valutazione delle spiagge attualmente disponibili per nuovi insediamenti balneari). Per il momento non è stato programmato il secondo incontro, anche se sono stati impostati gli opportuni contatti tra i tecnici di Comitato Salvataggio Imprese e il capo di Gabinetto del ministro Milanesi.

Questo post è stato modificato il 24 febbraio per precisare che Vasco Errani, considerato presente all’incontro nella versione originaria, in effetti era assente. Torneremo sull’argomento non appena ne conosceremo il motivo.



Commenti

ROMA 23 FEBBRAIO: PRESIDIO IN VIA DELLA STAMPERIA

Postato il: 21 febbraio, 2012 | Lascia un commento

Giovedì 23 febbraio primo atteso incontro fra i rappresentanti dei balneari e i ministri Gnudi e Moavero Milanesi, in via della Stamperia 8. Presidio a partire dalle 9:30. Per chi arriva in treno, ecco il percorso dalla stazione Termini al luogo dell’incontro:















Commenti

Concessioni balneari: da Riccione un appello a Monti

Postato il: 18 febbraio, 2012 | 1 commento

Un importante appello a Monti da parte dei balneari di Riccione in vista dell’incontro del 23 febbraio. Semplice, chiaro e diretto.

Commenti

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI SAVONA, ANGELO VACCAREZZA, A ROMA A FIANCO DEI BALNEARI IL 23 FEBBRAIO

Postato il: 18 febbraio, 2012 | Lascia un commento

Se fosse una fabbrica avremmo già bloccato la via Aurelia, avremmo già bloccato l’autostrada, avremmo chiesto l’attivazione degli ammortizzatori sociali, parleremmo di cassa d’integrazione. Però, essendo un’azienda diffusa, con tanti che rischiano, non abbiamo fatto niente…” queste le parole di Angelo Vaccarezza, presidente della Provincia di Savona, il 10 novembre 2011, quando ci prometteva di essere dalla nostra parte. Ieri in tarda serata ci ha dato conferma tangibile del suo impegno: un messaggio sulla bacheca di Comitato Balneari Liguria dove ci informava che sarà con noi il 23 Febbraio a manifestare a Roma. I balneari liguri e italiani si ricorderanno del tuo aiuto, grazie Angelo.

 

Commenti

IMPRESE BALNEARI 2012 – CONVEGNO SPOTORNO – GLI INTERVENTI DI BERLANGIERI E COMI

Postato il: 28 gennaio, 2012 | Lascia un commento

Quanto segue modifica il post che – grazie all’impegno di Bettina Bolla – avevamo messo in rete, pressochè in tempo reale, a proposito degli interventi di Angelo Berlangieri, Assessore al Turismo della Regione Liguria e di Lara Comi, europarlamentare. Segnaliamo che la registrazione completa è disponibile su questo blog, agli indirizzi sotto indicati.

Berlangieri, che ci ha informato dell’impegno assunto nei nostri confronti dalla Regione Liguria, ritiene che il nostro problema non sia giuridico, ma politico. Ci ha detto: “… che nessuno ci venga a raccontare che è un problema di interpretazione della norma… nessuno venga a raccontare che le posizioni normative non possono essere modificate, perché se così fosse noi avremmo ancora in vigore il diritto romano … le direttive servizi ogni 5 anni sono soggette a revisione … è sempre un problema di ordine politico. Nessuno venga a dire che non ci sono situazioni derogatorie.” Alla puntuale elencazione delle attività commerciali e professionali svolte in deroga che tutti conosciamo ha aggiunto: “…o il principio di libertà di stabilimento, di libertà economica, di par condicio, di equità, di trasparenza di imparzialità vale per tutti, oppure se vale soltanto per qualcheduno si e per qualcheduno no, significa che se la volontà politica vuole può fare, se non vuole non fa. Se è un problema di ordine politico bisogna stanare la volontà politica. La volontà politica della Regione Liguria è quella di andare e di chiedere la deroga … Noi dobbiamo fare il piano A) e vogliamo che le piccole e medie imprese che lavorano sul demanio marittimo ad uso turistico siano considerate un’eccezione, come sono considerati gli altri. … E le regioni tutte quante insieme hanno chiesto al Governo: tu che cosa vuoi fare … vuoi andare a chiedere la deroga o ci dici no, come sembra che dica il ministro Gnudi? … perché, se ci dici no, le Regioni ci vanno da sole a Bruxelles a chiedere e, se ci dicono no, noi prima ci moriamo lì sopra, prima di passare al piano B) …” Conosciamo e apprezziamo l’impegno di Berlangieri, che ci auguriamo regga all’impatto con i poteri forti che ci avversano in patria, prima che in Europa.

Video disponibile all’interno del nostro post CONVEGNO INTERSINDACALE 27 GENNAIO 2012 – SPOTORNO, nell’intervallo 25:15 – 33:20.

L’intervento di Lara Comi sembra prefigurare una possibile collaborazione, dopo un lungo periodo di chiusura. La nuova direttiva della quale l’europarlamentare ha parlato, a quanto abbiamo capito, è un documento in elaborazione e, se nella sua forma attuale, sembra poco attinente, può darsi invece che, con qualche ritocco, possa rivelarsi utile alla nostra causa.

Video disponibile all’interno del nostro post CONVEGNO INTERSINDACALE 27 GENNAIO 2012 – SPOTORNO, nell’intervallo 37:27 – 49:58.



Commenti

I Bagni Nettuno di Varazze distrutti dalla mareggiata del 16 dicembre

Postato il: 17 dicembre, 2011 | Lascia un commento

Varazze, 17 dicembre 2011
Buona parte dei Bagni Nettuno distrutta dalla mareggiata di ieri.
Il proprietario:
“servono interventi urgenti per difendere l’arenile, ma chi pagherà?”

L’impresa di Giovanni Vallarino, titolare dei Bagni Nettuno di Varazze, è stata pesantemente danneggiata ed oggi è stato il giorno della prima stima dei danni, di ciò che ora servirà per rialzarsi, dopo la pesante mareggiata di ieri.
Servono molti soldi per rimettersi in piedi e soldi per difendere l’arenile ogni anno pesantemente colpito.
Ma i gestori come Giovanni Vallarino non sanno se poter investire, vista la questione della scadenza 31.12.2015, o 2013, a seconda delle regioni, e nessun concessionario metterà mano alla ricostruzione sulla base di un semplice atto di fede..
Chi pagherà, chi interverrà per difendere il lavoro e soprattutto chi aiuterà il nostro collega?
Chiediamo che concessionari come Giovanni Vallarino siano lasciati lavorare. Chiediamo che le loro aziende, prima di tutte le altre aziende del settore, siano escluse con effetto immediato dall’applicazione della Direttiva Bolkestein. Chiediamo che, in attesa della nuova regolamentazione del settore, le concessioni delle aziende balneari devastate dall’azione del mare siano rinnovate a tempo indeterminato. Chiediamo che le aziende balneari colpite da danno ambientale siano ammesse senza formalità a mutui bancari di entità e durata adeguate alle esigenze della ricostruzione.
Bisogna essere pronti prima della prossima estate e il tempo è poco.

Commenti

Burlando: deroga per gli stabilimenti balneari italiani

Postato il: 7 dicembre, 2011 | Lascia un commento

Burlando sollecita le regioni costiere a tutelare gli stabilimenti balneari. Non è il primo politico ligure a esprimersi in questo senso: Fusco e Berlangieri lo hanno preceduto da tempo. Adesso aspettiamo i fatti. Cliccare sull’immagine per ingrandire il testo.

Commenti

Tutti a Rimini!!

Postato il: 19 ottobre, 2011 | Lascia un commento

I BALNEARI D’ITALIA IN VIAGGIO VERSO RIMINI
dove si terrà la prima assemblea nazionale degli operatori balneari
per dire no all’asta delle concessioni.

Incontrarci tutti ed impegnare i sindacati di categoria
nella battaglia per ottenere la deroga dalla direttiva Bolkestein.
Questo l’obiettivo della prima assemblea nazionale degli operatori balneari
organizzata per sabato 22 ottobre a Rimini, in occasione della fiera internazionale ”Sun”.

Sulla deroga i balneari chiedono il sostegno incondizionato dei sindacati.
La deroga, prevista dalla stessa normativa Bolkestein,
è implicitamente richiamata dalla risoluzione 27 settembre 2011 del Parlamento Europeo,
che considera il turismo balneare peculiare ed essenziale per alcune regioni costiere,
parla di ripercussioni della normativa comunitaria sulle piccole e medie imprese
ed invita ad introdurre ”misure compensative per attenuare i danni
causati agli operatori dalla nuova legislazione”.

E’ indispensabile essere presenti per venerdì 21 e sabato 22.
Prenotate l’albergo!!

Attenzione: il 31 dicembre 2015 è relativamente lontano,
ma i giochi, in Italia,  si chiudono con il prossimo decreto sviluppo.
Questione di giorni. Muoversi dopo sarà tragicamente troppo tardi.

TUTTI A RIMINI!!

 

Commenti

Alle associazioni di categoria mandato limitato alla deroga

Postato il: 16 ottobre, 2011 | Lascia un commento

Ieri, al convegno di Rapallo, Fabrizio Maggiorelli ed Emiliano FavillaComitato salvataggio imprese e turismo italiano – hanno presentato un interessante documento che, sottoscritto dai rappresentanti delle aziende balneari, sarà consegnato ai sindacati di categoria il prossimo 22 ottobre a Rimini, in corso di assemblea. Tale nota, visualizzabile cliccando sul link sopra riportato:

1.- preso atto della circostanza che il SIB – riferendosi agli accordi intercorsi con FIBA, ASSOBALNEARI, CNA BALNEATORI e all’iniziativa di chiedere al Governo italiano e all’Unione europea un intervento che ci liberi dal pericolo dell’evidenza pubblica –   parla di “deroga o altro strumento/provvedimento”;

2.- considerato che il termine “altro strumento/provvedimento” è quanto mai indeterminato e potrebbe riferirsi a una soluzione non gradita alla base e addirittura pericolosa (i nostri sindacati non sono nuovi ad errori madornali);

3.-mandato ai sindacati suddetti di trattare unicamente la deroga, mentre qualsiasi eventuale altro strumento o provvedimento in discussione, a tutela delle imprese esistenti, dovrà  essere preventivamente approvato da una Assemblea Nazionale di tutti i balneari, appositamente convocata.

Noi siamo perfettamente d’accordo ed effettueremo la raccolta firme. Vi invitiamo a partecipare, firmando e raccogliendo autonomamente firme sul modulo che potete scaricare dal link di questo post. Fronte: mandato. Retro: modulo raccolta firme. Il tutto da consegnare a Maggiorelli o Favilla a Rimini.

Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE

  • Pagina 1 di 212