MARCELLO: OGGI HO PARLATO CON TUFARELLI E CARPINO

Postato il: 15 giugno, 2012 | Lascia un commento

Post pubblicato su Facebook da La Voce della Luna il giorno venerdì 15 giugno 2012 alle ore 1.11

Oggi ho parlato al telefono con il capo di gabinetto del ministro Milanesi, il prof. Tufarelli, il quale, devo ammetterlo, é sempre molto gentile, anche se a noi, più che la gentilezza dei modi serve la concretezza dei fatti. Tufarelli mi ha ribadito ancora una volta che, da parte sua e del ministro Milanesi, c’è tutta la disponibilità a risolvere il nostro problema ma, purtroppo, la delega a risolvere la questione balneare per il momento è in mano al ministro Gnudi. “Ok… ho capito!…” e l’ho ringraziato.
Poi ho chiamato la segreteria del ministro Gnudi, chiedendo del Prefetto e capo di Gabinetto Carpino. Era occupato, ma mi ha richiamato dopo pochi minuti. Anche lui é stato gentile e disponibile.

CONTINUA A LEGGERE

Commenti

Milanesi ha ricevuto Marcello: aperture verso i balneari. Assenti (ingiustificati) Borgo e Tomei

Postato il: 30 aprile, 2012 | Lascia un commento

Giovanni Botta

Questa mattina, 30 aprile 2012, Marcello Di Finizio e la delegazione che lo accompagnava hanno incontrato il ministro Milanesi e prima di lui il suo capo di Gabinetto: Tufarelli. Incontro di notevole interesse, iniziato alle 10:30 circa e concluso intorno alle 14:00. Anzitutto, per chiarezza, non abbiamo accennato ai problemi personali di Marcello, se non per precisare che la sua situazione di estrema difficoltà anticipa quella che colpirebbe la generalità dei balneari, se il settore dovesse andare ad evidenza pubblica. Il ministro e il suo capo di Gabinetto si sono dimostrati consapevoli della patata bollente che la questione balneare rappresenta e seriamente intenzionati a fare quanto è in loro potere per risolverla in tempi brevi. Sono stati chiari e amichevoli, animati da una tangibile volontà di collaborare, in una materia difficile e complessa, che hanno ammesso di conoscere solo per gli aspetti giuridici. Ci hanno chiesto di elaborare in tempi brevissimi un documento che sintetizzi le soluzioni ritenute accettabili dalla categoria e che illustri quelle, tra le peculiarità del settore, che potrebbero essere utili ai fini della nostro inquadramento normativo. Questo documento, nelle intenzioni di Milanesi, dovrebbe essere discusso tra la nostra delegazione, il ministro stesso e il ministro Gnudi, al quale è stata trasferita la delega Fitto, circostanza che fa di Gnudi il nostro interlocutore istituzionale. Gnudi, da parte sua, nella qualità di ministro agli Affari regionali, dovrà chiedere alle Regioni litoranee la redazione urgente di un censimento delle coste non occupate, potenzialmente destinabili ad attività balneare, dato mancante ed indispensabile per dimostrare che i litorali italiani non sono una risorsa naturale scarsa, come afferma la Commissione europea, e per poter sostenere in Europa che il settore non può e non deve essere inquadrato nell’articolo 12 della Direttiva servizi.

Una ulteriore nota di cronaca, sulla quale è opportuno che ciascuno di noi rifletta: Borgo, presidente nazionale SIB e Tomei, coordinatore nazionale CNA Balneatori, nonostante siano stati avvisati tempestivamente, hanno declinato l’invito. Non entriamo nel merito delle loro motivazioni, che non possiamo condividere. Borgo, tuttavia, ha delegato Graziano Giannessi, vice presidente nazionale SIB, che è intervenuto in sua vece e che gli riferirà. Auguriamoci che, nelle prossime decisioni di questi due importanti rappresentanti sindacali, gli interessi di categoria prevalgano su qualsiasi altra considerazione.



Commenti

MARCELLO: L’APPUNTAMENTO CON IL MINISTRO MILANESI FINALMENTE C’E’

Postato il: 26 aprile, 2012 | 3 Commenti

Oggi, nella tarda mattinata, il capo di Gabinetto del Ministro Milanesi, Francesco Tufarelli, ha telefonato a Marcello e gli ha fissato un appuntamento per  lunedì 30 aprile, alle ore 10,30. Marcello andrà all’incontro con una delegazione di persone di sua fiducia e quando uscirà sapremo finalmente, una volta per tutte, se inizieremo a trattare e in quale direzione,  oppure se sarà guerra. Invitiamo tutte le figure storiche di questa lotta e chiunque voglia partecipare a presidiare l’incontro, davanti al portone di piazza Nicosia 20. Ci vediamo là.

 

 

Commenti

ALTRA VERGOGNA DI STATO

Postato il: 15 aprile, 2012 | Lascia un commento

Dott. Tufarelli, Francesco Tufarelli, Capo Gabinetto del Ministro Milanesi, lei sapeva che Marcello Di Finizio, una volta sceso a terra dal pontone ancorato nel porto di Trieste, sarebbe stato archiviato come è poi avvenuto? Perché le promesse che tutti i presenti al colloquio telefonico hanno sentito? Erano vere o pensava che qualche giorno di attesa sarebbe bastato per tranquillizzarlo? Lei non lo conosce. Ha aspettato silenziosamente tutto questo tempo per rispetto alle istituzioni che lei rappresenta, ma la sua determinazione è intatta. Non tarderà a capirlo. Se le è possibile mantenere quanto gli ha assicurato lo faccia senza ritardi. Se invece, come temo, il discorso deve essere considerato chiuso, sappia che se a Marcello Di Finizio capiterà qualcosa, lei e il ministro che se ne è lavato le mani, non ve la caverete giustificandovi con un malinteso.

Giovanni Botta – Coordinatore Comitato Balneari Liguria
g43i.botta@libero.it



Commenti

Quanto conta la parola data a un uomo disperato?

Postato il: 14 aprile, 2012 | Lascia un commento

Sono passati più di 15 giorni da che Marcello Di Finizio è sceso dal pontone attraccato al molo 4 del porto di Trieste. Due settimane, durante le quali il Ministro Milanesi – che si è interessato personalmente della questione e che, tramite il suo capo di Gabinetto, Francesco Tufarelli, ha promesso un incontro con Marcello per giovedì 5 aprile, o altra data da definire, per discutere i di lui problemi personali e quelli della categoria – non si è più fatto vivo. Cosa dobbiamo pensare Ministro? che l’impegno sarà onorato entro un termine ragionevole, oppure che, come sembra abbia detto il suo capo di Gabinetto, Marcello Di Finizio e con lui il Prefetto di Trieste e le altre persone presenti alla telefonata del 27 marzo hanno capito male?



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE