DEMANIO MARITTIMO: LE REGIONI CHIEDONO DI PARTECIPARE AL RIORDINO NORMATIVO DELLA MATERIA

Postato il: 21 gennaio, 2015 | Lascia un commento

MARIO_SPACCAMartedì 20 gennaio – in sede di Commissione Turismo della Conferenza delle Regioni, alla presenza del ministro Dario Franceschini (Beni e Attività Culturali e Turismo) e della sottosegretario Francesca BarracciuMario Ruggini – responsabile della Regione Marche per il Demanio, in assenza del presidente regionale Gian Mario Spacca, trattenuto ad Ancona per questioni d’ufficio – ha esposto la linea programmatica del presidente Spacca in tema di disciplina del Demanio marittimo, con particolare riferimento alla normativa comunitaria in materia di concessioni.
Spacca chiede che il Governo si confronti con le Regioni prima che venga formalizzato e presentato qualsiasi disegno di legge. Ritiene infatti prioritario che le Regioni possano portare il proprio contributo nella fase di elaborazione della proposta. A tal fine la Regione Marche, a nome di tutte le altre Regioni, chiede il pieno coinvolgimento dei territori nel tavolo interministeriale che sta lavorando alla predisposizione del testo legislativo. In particolare la Regione Marche manifesta piena condivisione con il percorso elaborato dal sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, ipotesi che, com’è noto, propone un doppio regime, distinguendo il rinnovo delle concessioni in essere, per le quali è prevista una proroga, se possibile di lunga durata, dal rilascio di nuove concessioni balneari in aree demaniali costiere ancora disponibili, assegnazione da attuare attraverso il meccanismo dell’evidenza pubblica.
Per rafforzare tale proposta e supportare la trattativa del sottosegretario Gozi in Europa, le Regioni, su proposta delle Marche, si sono impegnate a collaborare alla rilevazione delle aree demaniali marittime ancora disponibili, per fornire al Governo dati che ancora non si conoscono con esattezza e consentirgli di presentare alla Commissione europea una documentazione chiara e convincente, in grado di agevolare la definitiva soluzione della questione demaniale italiana, come avvenuto per Spagna e Portogallo.

Fonti:
http://www.ilquotidiano.it/articoli/2015/01/20/122694/direttiva-bolkestein-regioni-e-governo-uniti-per-una-linea-comune-in-europa
http://www.informazione.tv/it/Attualit%C3%A0/art/54689-direttiva-bolkestein-le-marche-relazionano-in-commissione-turismo-della-conferenza-delle-regioni-coordinamento-per-supportare-la-linea-del-governo-in-europa-del-doppio-regime/
http://www.viveresanbenedetto.it/index.php?page=articolo&articolo_id=515159



Commenti

FORTI PERSONALITA’ ADRIATICHE INTERVISTATE DA RIVIERA OGGI.IT

Postato il: 19 aprile, 2012 | Lascia un commento

Il Filmato di RIVIERA Oggi.it, pubblicato su Youtube, tra scorci del convegno di Roma 18 aprile 2012, riporta le dichiarazioni rilasciate da Greg Capriotti, balneare marchigiano doc; da Giuseppe Ricci, presidente ITB Italia; da Marcello Di Finizio, triestino, guerriero di fiere battaglie; da Gian Mario Spacca, presidente della Regione Marche; da Giovanni Gaspari, sindaco di San Benedetto del Tronto.
ITB Italia non ha partecipato all’organizzazione del convegno e non fa parte del poker di sindacati che egemonizza il settore, ma questo non pregiudica minimamente il suo ruolo, né la stima che noi di Comitato Balneari Liguria abbiamo di questo sindacato indipendente e del suo presidente, per l’onestà, la lucidità, la disponibilità, la chiarezza con cui ha interpretato da sempre la questione balneare italiana.




Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE