SIB A CERNOBBIO: PROROGA DI 30 ANNI, POI EVIDENZE PUBLICHE

Postato il: 21 marzo, 2016 | Lascia un commento

100_7818Riccardo Borgo – presidente nazionale SIB Confcommercio – nella foto durante la manifestazione del 20 novembre 2012 a Bologna – ha partecipato al tradizionale Forum annuale di Confcommercio a Cernobbio – Villa d’Este.
Con lui Enrico Schiappapietra – presidente SIB Liguria – e una delegazione di balneari liguri non meglio identificati.
Fonte: IVG.it
Indirizzo:
http://www.ivg.it/2016/03/la-protesta-dei-balneari-arriva-tra-i-big-del-forum-annuale-di-confcommercio/
“Siamo in una situazione di estrema difficoltà, il mondo delle nostre imprese è pieno di preoccupazione, timori e, in qualche caso, direi anche pieno di paura. Credo che sia il modo peggiore per poter affrontare il lavoro e la nuova stagione alle porte”.
“Non abbiamo certezze da molti anni, si stenta a trovare una soluzione e a noi sembra che manchi la volontà per farlo. Abbiamo dato delle indicazioni che, da una parte, coincidono con il rispetto della norma europea e dall’altra con la necessità di salvaguardare un mondo di imprese come le nostre che, solo per dare alcuni dati, sono 30 mila con 100 mila addetti diretti”.
“Abbiamo dato indicazioni chiare: fare una riforma subito dicendo che le concessioni demaniali vanno ad evidenza pubblica, ma precisando che l’evidenza pubblica per quanto riguarda le concessioni esistenti debba avere un periodo transitorio di applicazione che noi individuiamo in 30 anni, che non è una cifra buttata lì a caso. Questo periodo infatti è una risposta adeguata a tutto quello che in 70 anni il turismo balneare ha messo in campo: ci sono persone che hanno impegnato capitali e fatto scelte di vita per fare questo lavoro basandosi su un diritto riconosciuto dalla legge nazionale. C’è una garanzia che lo Stato italiano deve mantenere e altri paesi europei lo hanno fatto”.
“Credo che non ci si debba far intimorire perché abbiamo ragione da vendere da far valere in Europa, ma dobbiamo prima trovare una soluzione nel nostro paese. Dobbiamo trovarla mettendo d’accordo gli interessi, i bisogni e le necessità di tutti: il parlamento, il Governo, le Regioni e i Comuni devono trovare una sintesi con noi. A quel punto, lo ripeto, avremo ragione da vendere per convincere l’Europa che la nostra proposta è seria e possibile, ma soprattutto che rispetta mercato e imprese”.
Borgo parla come se rappresentasse tutti i balneari italiani, il che ovviamente non è. Ma gli aderenti a SIB – Confcommercio, cioè i suoi associati, la pensano davvero come lui?



Commenti

BERLANGIERI – REGIONE LIGURIA – SOSTIENE GLI IMPRENDITORI BALNEARI

Postato il: 31 ottobre, 2014 | Lascia un commento

ANGELO_ BERLANGIERISANREMONEWS.IT e IVG.IT informano che Angelo Berlangieri – assessore al Turismo della Regione Liguria – già impegnato nei confronti del ministro Dario Franceschini (Beni – Attività Culturali e Turismo) per ottenere l’avvio di nuove trattative finalizzate a risolvere la questione balneare, ha avuto dal ministro assicurazioni circa la ripresa a breve degli incontri Governo – sindacati di categoria.
Una ulteriore conferma degli esiti favorevoli dell’incontro 28 corrente tra i sindacati degli imprenditori balneari e i sottosegretari Barraciu e Gozi.





Commenti

LIGURIA: INCOSTITUZIONALITA’ DELLA PROROGA DELLE CONCESSIONI DEMANIALI DANNEGGIATE DA EVENTI ATMOSFERICI. INTERPELLANZA MELGRATI

Postato il: 6 marzo, 2014 | Lascia un commento

IVG_MELGRATI_CASCINO_05.03.2014Il post IVG.it  che pubblichiamo riporta la cronaca della seduta 4 marzo 2014 del Consiglio regionale ligure, per la parte inerente l’interpellanza di Marco Melgrati (FI) e la risposta di Gabriele Cascino, assessore all’urbanistica. Melgrati, riferendosi alla pronuncia di incostituzionalità emessa dalla suprema Corte il primo luglio 2013, in relazione alla legge regionale che prevedeva la proroga delle concessioni danneggiate da eventi atmosferici, chiede alla Giunta se intenda ripiegare o se pensi di riproporre la legge, modificata secondo la normativa nazionale e tenendo conto dei rilievi della Consulta. Fumosa e indecifrabile la risposta di Cascino, che non soddisfa né Melgrati, né noi. Sappiamo che non è facile lavorare con la conferenza delle Regioni sul tema del demanio marittimo, perché esistono posizioni regionali molto influenti che sono fortemente critiche rispetto all’imprenditoria balneare in attività. Ma, con l’attuale composizione della Giunta regionale, la Liguria, come capofila nazionale del tavolo istituzionale in questione, proprio non funziona.



Commenti

REGIONE LIGURIA: STABILIMENTI BALNEARI, PROSPETTIVE DI SETTORE E TASSA DI SCOPO

Postato il: 1 agosto, 2013 | Lascia un commento

CASCINOIVG_CASCINO_31.07.2013Segnalazione di Cristina Baudoino

Gabriele Cascino – assessore Pianificazione territoriale e urbanistica della Regione Liguria – il 31 luglio, data proibitiva per l’imprenditore balneare medio, parlando a un pubblico sanremese composto prevalentemente da funzionari, ha proposto di aumentare da cinque a dieci volte i canoni demaniali marittimi degli stabilimenti balneari e delle spiagge libere attrezzate, destinando il ricavato ad opere di difesa del litorale regionale, opere ritenute utili per il rilancio del turismo balneare locale. La conferenza stampa è stata ripresa da IVG.it con l’articolo che riportiamo a lato, espandibile con un click. Apprezziamo l’interessamento che Cascino ha dimostrato per il nostro settore fin dall’inizio del suo attuale mandato, ma se l’assessore intende realmente tutelare l’imprenditoria balneare in attività, il patto che ora propone ci lascia francamente perplessi. Il comparto balneare è una realtà economica concreta, soggetta alle stesse ferree leggi di mercato che regolano qualsiasi altro settore: il capitale impiegato deve essere remunerato attraverso i ricavi di esercizio, al netto dei costi sostenuti, ivi compresi gli oneri contributivi e fiscali. Di più: trattandosi di micro imprese, o meglio di micro imprenditori, gli investimenti non sono e non possono essere valutati secondo l’ottica del grande capitale, che ha mezzi, relazioni, contributi, potere, che dispone di investimenti propri differenziati e può permettersi di investire e disinvestire con intento speculativo, seguendo le prospettive del mercato. Nelle imprese balneari a base familiare si ragiona e si programma secondo parametri radicalmente diversi. Il legame tra famiglia e impresa è fortissimo, perché si tratta di una vera e propria scelta di vita. Nell’impresa si investe praticamente tutto e, come in ogni famiglia normale, si continua ad investire fin dove si può, poi si ripiega e si va avanti con quello che si ha, perché lo stabilimento deve essere tutelato sopra ogni cosa. Spirito di sacrificio e autonoma iniziativa delle famiglie balneari hanno portato il settore ai livelli di eccellenza che conosciamo. Come si può pensare che un settore ormai privo di prospettive, qual è il nostro in questo momento, conservi una propensione all’investimento pari a quella che ci viene richiesta da Cascino? Su quali basi l’assessore ritiene che il settore potrebbe sopportare l’enorme pressione contributiva che si intenderebbe addossargli? Come si può pensare che i balneari accettino di pagare una tassa di scopo per un progetto che ancora non si conosce e che riproporrebbe le dinamiche, i costi, i brogli, tipici dell’opera pubblica all’italiana? un progetto in sé rischioso ed estremamente complesso, perché riguarderebbe l’interazione di molteplici opere a mare, disseminate lungo l’intero sviluppo costiero regionale? un progetto che, in ultima analisi, andrebbe ben oltre gli obiettivi del comparto balneare?



Commenti

LA REGIONE LIGURIA RIBADISCE IL SUO SOSTEGNO AL TURISMO BALNEARE

Postato il: 21 febbraio, 2013 | 1 commento

da Cristina Baudoino

Inizia bene, Gabriele Cascino, assessore all’urbanistica della Regione Liguria e coordinatore nazionale degli assessori al Demanio. Al convegno sulla direttiva Bolkestein, nell’ambito della Fiera di Roma, ha chiesto al Governo che verrà di intraprendere un nuovo corso in tema di normativa del comparto turistico balneare. Maggiori dettagli nell’articolo IVG.it espandibile a lato.











Commenti

PENSARE POSITIVO AIUTA: MA BASTERA’ PER MANDARE GOVERNO E REGIONI IN MISSIONE CONGIUNTA A BRUXELLES?

Postato il: 1 dicembre, 2012 | Lascia un commento

da Antonio Smeragliuolo

Il post IVG.it che pubblichiamo – sapientemente mirato sulle attese di balneari con i nervi a fior di pelle, per il thriller dell’articolo 34 – esordisce e conclude parlando di fatti, mentre si sviluppa delineando una attendibile iniziativa regionale che si conclude con una improbabile missione governativa, finalizzata a risolvere presso l’UE la questione balneare italiana. Tutto può essere, ma Enzo Moavero Milanesi, ministro agli Affari europei, a Bruxelles ci sta di casa e sicuramente ci tornerà tra breve. Non fa notizia. Mentre farebbe notizia il fatto che una delegazione ministerial-regionale andasse in Europa per risolvere la questione balneare italiana. Certo se la 10° Commissione Senato approvasse l’emendamento Vicari – Bubbico, proposta che per il momento è stata solo ammessa, le prospettive potrebbero cambiare.
Allo stato dei fatti, la redazione IVG.it si è spinta un po’ troppo oltre nell’accostare fatti e congetture. Ma, come abbiamo detto, tutto può essere, o può divenire. Non smettiamo di sperare.

Per richiamare l’articolo, cliccate sull’icona  o, se preferite, su quest’altro link:

http://www.ivg.it/2012/11/concessioni-stretta-finale-per-i-balneari-la-regione-a-bruxelles-con-il-ministro-rappresentare-i-territori/



Commenti

GELATA PRIMAVERILE DI GNUDI

Postato il: 20 aprile, 2012 | Lascia un commento

Quando Gnudi ha rilasciato a IVG.it l’intervista che pubblichiamo a lato aveva sicuramente letto l’istanza sindacale 19 aprile 2012, che ovviamente lo ha lasciato come lo aveva trovato: indifferente. Non ne siamo stupiti. Da come ci siamo mossi finora, nessuno, nella compagine di Governo, ha avuto modo di capire quanta rabbia repressa ci sia in questo popolo di bagnini dedito ai convegni. Solo Marcello Di Finizio ha dato l’idea di cosa potrebbe succedere. Attenzione signori, perché noi non lottiamo contro la concorrenza, come hanno fatto altri prima di noi. Provateci pure, come avete sempre fatto finora, ma fate attenzione, perché per noi si tratta davvero di sopravvivere.

Cliccare sull’immagine, per completare e ingrandire.



Commenti

La speranza viaggia ancora sul camper

Postato il: 21 dicembre, 2011 | 1 commento

Ieri, 20 dicembre, 300 balneari provenienti da tutta Italia, coordinati da Comitato salvataggio imprese e turismo italiano,  sono arrivati a Roma in camper e con altri mezzi, con i quali hanno sfilato lungo un percorso cittadino forzatamente diverso da quello programmato, per una deviazione imposta dalla polizia. Nel frattempo, a Palazzo Chigi, una loro delegazione ha incontrato il Presidente della Camera, Gianfranco Fini, e il ministro agli Affari regionali, turismo e sport, Piero Gnudi. Primo contatto diretto tra balneari e Governo Monti,  già avvicinato dalla senatrice Granaiola in persona di Enzo Moavero Milanesi, ministro agli Affari europei.
Molti gli interrogativi. Due diversi interlocutori nello spazio di un mese significa che la questione non è ancora stata messa a fuoco in ambito governativo? Chi seguirà l’argomento in futuro? Moavero, Gnudi o magari Antonio Catricalà, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio? Perché Fini? E i sindacati, con la loro scelta di basso profilo, come si coordineranno con queste iniziative spontanee? Noi non abbiamo potuto essere presenti e ne siamo dispiaciutissimi, ma abbiamo scelto di sostenere Marcello, con i mezzi e il tempo che avevamo a disposizione. In mancanza di una testimonianza diretta e in attesa di capirci qualcosa, vi proponiamo l’articolo IVG.it pubblicato a lato. Cliccate sull’immagine per ingrandire.



Commenti

Prime Marcello-news on line

Postato il: 3 dicembre, 2011 | Lascia un commento

IVG.it e SAVONA NEWS.it, che ringraziamo, riportano l’impresa di Marcello. Cliccare sull’immagine per ingrandire il testo:






Commenti

Rassegna stampa on line di Rapallo 15.10.2011

Postato il: 14 ottobre, 2011 | Lascia un commento

Molto interesse da parte della stampa on line per l’incontro di sabato 15 ottobre a Rapallo, organizzato da Vicky Ratto e Comitato Balneari Liguria. Partecipano, tra gli altri, un folto gruppo di concessionari toscani e Marcello Di Finizio de “La Voce della Luna” oggi al suo 36° giorno di sciopero della fame. Ecco una rassegna degli articoli, cliccate sull’immagine per richiamare il testo completo:

Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE