CNA BALNEATORI ED ANCI IN TEMA DI CANONI PERTINENZIALI

Postato il: 5 aprile, 2013 | 1 commento

Proseguono le iniziative CNA Balneatori a proposito dei canoni demaniali marittimi “pertinenziali”.
Immediatamente dopo la riunione romana 27 marzo 2013 della Consulta delle città di mare, Cristiano Tomei – coordinatore nazionale CNA Balneatori – ha indirizzato a Luciano Monticelli – Delegato nazionale ANCI al Demanio Marittimo ed a Carmelina Cicchiello – responsabile nazionale ANCI per l’Ufficio Patrimonio e Federalismo Demaniale – una nota in cui – nell’ambito delle iniziative unitarie dei principali sindacati di categoria – richiedeva l’immediata apertura di un tavolo tecnico, finalizzato a discutere:

1.- la revisione dei coefficienti OMI – anche in concomitanza di eventi eccezionali – provvedimento indispensabile per ridurre i canoni pertinenziali e consentire a molte aziende balneari di continuare a svolgere la loro attività;
2.- la procedura di ampliamento delle concessioni demaniali interessate dal fenomeno dell’erosione, secondo quanto previsto dal piano demaniale marittimo della regione Abruzzo, articolo 5, comma 8, normativa che risale al 2004 e che altre regioni, adottando provvedimenti analoghi in epoca più recente, hanno denominato “linee guida”.

Oggi, 5 aprile, Tomei indirizza agli stessi destinatari un’integrazione inerente il concetto di pertinenza demaniale che scaturisca da provvedimenti di acquisizione al Demanio di beni di non facile rimozione. Riportiamo testualmente il passo centrale della nuova nota: … nel caso di concessione demaniale marittima rinnovata automaticamente con legge 88/2001 e prorogata al 2020 con il decreto sviluppo del 2012, (area) su cui il concessionario ha edificato con regolare permesso a costruire, secondo l’art.49 del Codice della Navigazione, non risulterebbe necessaria alcuna procedura di acquisizione (attivata con il testimoniale di Stato) delle opere di difficile rimozione, prima che la concessione cessi definitivamente. Sia il rinnovo, sia, a maggior ragione, la proroga, rappresentano la continuazione della durata delle attuali concessioni, pertanto non vi era prima e tanto meno vi è adesso alcun motivo di acquisire dette opere, provvedimento che invece si renderebbe necessario qualora, allo spirare definitivo del titolo concessorio, l’Autorità concedente non intendesse ordinarne la demolizione, ai fini dell’originario ripristino … “

Siamo in attesa delle conseguenti iniziative ANCI.



Commenti

4 FEBBRAIO 2013 – SILVI MARINA – INCONTRO TRA BALNEARI POLITICI ED ISTITUZIONI

Postato il: 6 febbraio, 2013 | Lascia un commento

A Silvi Marina, nell’ambito della Fiera Adriatica, in occasione della 22° edizione del SARAL, si è tenuto il convegno “Le imprese balneari e il loro futuro – appuntamento tra imprese balneari ed istituzioni”. L’incontro, che avevamo annunciato il 29 gennaio, condotto da Cristiano Tomei – coordinatore nazionale CNA Balneatori – è stato organizzato dai quattro maggiori sindacati di categoria: Sib-Confcommercio, Cna Balneatori, Fiba-Confesercenti e Assobalneari-Confindustria, i quali in un documento programmatico unitario, non datato e pubblicato da noi il 16 gennaio, hanno chiesto alle forze politiche un impegno forte e coerente, da portare al prossimo Parlamento.
Presenti in sala, tra i politici: Paolo Tancredi (PDL) – relatore della Legge di Stabilità – e Giovanni Legnini (PD) –  membro della V Commissione permanente (Bilancio), della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, del Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa e del Consiglio di garanzia – entrambi senatori ed entrambi in lista alla Camera dei deputati nella circoscrizione Abruzzo. Rappresentanti delle istituzioni: Luciano Monticelli, sindaco di Pineto e delegato ANCI al demanio marittimo; Mauro Di Dalmazio, assessore Turismo, Ambiente, Energia e Politiche Legislative Regione Abruzzo, coordinatore nazionale degli assessori regionali al turismo; Enrico Di Giuseppantonio, presidente della Provincia di Chieti e vicepresidente nazionale UPI. Riportiamo alcune brevi dichiarazioni, tratte dal quotidiano “il Centro” e dal filmato YouTube che pubblichiamo.
Luciano Monticelli: “Dei 650 sindaci interessati, più del 90% è contrario alla direttiva Bolkestein. L’Europa non conosce l’Italia: il demanio è inalienabile. A Bruxelles ci sono troppi burocrati e funzionari che non sanno niente dei nostri problemi”.
Robert Verrocchio, segretario Pd della provincia di Teramo: “I balneatori non sono come gli ambulanti che si possono spostare. Il turismo è uno dei pochi settori che tira e va difeso”.
Enrico Di Giuseppantonio: “Ai nostri candidati dobbiamo chiedere un impegno forte. Questo è un Paese che non funziona. La direttiva? è solo una stupidità”.
Per concludere, una sintesi dell’intervista a Cristiano Tomei: “Non si possono mandare all’asta queste aziende che possono esistere solo là dove sono state create. Sul demanio, appunto.” … e ancora, alla domanda dell’intervistatore su cosa i balneari si aspettino in questo momento dalla politica: “Che vada in Europa e dica alla Commissione mercato interno di riaprire le trattative sulla Direttiva servizi, perché all’epoca, nel 2007, nessuno dei nostri rappresentanti ha detto nulla e questo è il momento di far pesare in Europa qualcosa che è importante in Italia, che solo l’Italia ha e che nessun altro paese continentale può avere, ossia il turismo costiero.”

Il filmato YouTube dell’incontro può essere visionato cliccando sull’immagine del convegno. Si tratta del primo di sei brevi filmati di argomento non omogeneo, inspiegabilmente trasmessi in successione. La parte inerente l’appuntamento di Silvi Marina si conclude con il termine dell’intervista a Tomei.



Commenti

CONFERENZA NAZIONALE TURISMO PD – ROMA 31 GENNAIO 2013 – PARLA LUCIANO MONTICELLI

Postato il: 1 febbraio, 2013 | Lascia un commento

Luciano Monticelli – sindaco di Pineto e delegato ANCI al Demanio marittimo – è il sindaco che tutti noi vorremmo avere. Il suo intervento all’interno della Conferenza nazionale per il Turismo PD ci ha riportato con i piedi in terra. Con Tomei è il secondo a farlo in giornata. Parla di problemi concreti, di conseguenze, di possibili soluzioni, di solidarietà istituzionale. Niente di teorico. Di politico, nel suo intervento, c’è solo un appello, quello al PD, perché intervenga e faccia correttamente il suo lavoro. Monticelli parla di ricerca e sfruttamento di giacimenti petroliferi in prossimità di coste ad elevata vocazione turistico-balneare, pericolo concreto e attuale, che rischia di distruggere un’economia trainante per colpa della utilizzazione energetica di un prodotto che ha fatto il suo tempo. Parla delle devastanti conseguenze che derivano dalla disinformazione con cui in Europa si legifera, della spregiudicatezza con cui si interpretano le direttive e anche dalla sudditanza psicologica con cui l’Italia si relaziona all’UE. Tutte cose per le quali un sindaco che amministri il suo Comune come un buon padre di famiglia e guardi alla sostanza giustamente s’incazza. Quanto alla questione balneare – che in altre parole significa indebita abrogazione di leggi, risoluzione unilaterale senza corrispettivo di contratti, minaccia di mettere sulla strada migliaia di famiglie che lavorano e producono ricchezza diffusa e anche ferme reazioni di chi si sente truffato e in grave pericolo – i sindaci del mare sanno che si tratta di un dramma reale e sono disponibili a scendere in campo al fianco dei loro cittadini, con tanto di fascia tricolore, per difenderne ragioni e prospettive. Monticelli sa e dice chiaro e tondo che una proroga di 5 anni – così come una di 30 – non risolve il problema dei balneari e neppure i problemi che inevitabilmente si avrebbero a carico di chi vive e lavora nei comuni costieri che si reggono su una consolidata economia balneare. Monticelli sa e dice che non ci sarebbero vantaggi a sostituire una classe di imprenditori con altri che neppure si conoscono. A questo punto chiedere al Partito Democratico di esprimersi con chiarezza sul problema e di impegnarsi per risolvere questa gravissima emergenza lavoro è un atto dovuto. Così fa, nei confronti del suo PD, Luciano Monticelli.



Commenti

4 FEBBRAIO 2013 – SILVI MARINA – INCONTRO A TEMA TRA BALNEARI ED ISTITUZIONI

Postato il: 29 gennaio, 2013 | Lascia un commento

Lunedì 4 febbraio 2013, con inizio alle ore 15:3o, a Silvi Marina, in Abruzzo, in occasione del “SARAL – Salone Espositivo per le attrezzature balneari e alberghiere”, si svolgerà l’iniziativa sindacale unitaria Sib Confcommercio, Cna Balneatori, Fiba Confesercenti e Assobalneari Confindustria, sul tema “Le imprese balneari e il loro futuro”.

Partecipano:

Gaetano Vallescura – sindaco di Silvi Marina;
Cristiano Tomei – coordinatore nazionale CNA Balneatori;
Luciano Monticelli – sindaco di Pineto e delegato ANCI al Demanio Marittimo;
Arcangelo Antonio La Torre – presidente FIBA Confesercenti Abruzzo;
Enrico Di Giuseppantonio – presidente della Provincia di Chieti e vicepresidente nazionale UPI;
Ottavio Di Stanislao – presidente Assobalneari Confindustria Abruzzo;
Mauro Di Dalmazio – assessore Turismo Regione Abruzzo e coordinatore interregionale turismo;
Riccardo Padovano – presidente SIB Abruzzo;

e inoltre:

Candidati al Parlamento della circoscrizione Abruzzo.

L’invito alla fiera si evidenzia con un clic e può essere stampato come un qualsiasi file pdf.



Commenti

ATTENZIONE!!

Postato il: 27 gennaio, 2013 | Lascia un commento

Sul blog di Comitato Balneari Liguria abbiamo pubblicato una serie di 8 post inerenti il direttivo nazionale CNA Balneatori di Pescara del 25 gennaio, al quale hanno partecipato, oltre a Cristiano Tomei (coordinatore nazionale CNA Balneatori): Luciano Monticelli (delegato ANCI al demanio marittimo),  Enrico Di Giuseppantonio (vicepresidente nazionale UPI), Andrea Cozzolino (vice-capodelegazione PD al Parlamento Europeo) e Armando Cirillo (responsabile Turismo PD).  Convegno di notevole interesse, sul quale è opportuno essere informati, considerando il ruolo che CNA Balneatori – con Cristiano Tomei – riveste nelle iniziative finalizzate alla definitiva soluzione della questione balneare italiana. Pubblicare sulla pagina Facebook dei nostri abituali destinatari tutti questi messaggi richiederebbe troppo tempo. Ci limitiamo a questo avviso. Cordialità e buona giornata.





Commenti

CNA BALNEATORI PESCARA 25.01.2013 – ANCI E UPI DIFENDONO IL TRADIZIONALE TURISMO BALNEARE

Postato il: 26 gennaio, 2013 | Lascia un commento

Forte sostegno istituzionale alla piccola imprenditoria balneare da parte di ANCI e UPI. I due enti sono stati rappresentati nell’occasione da Luciano Monticelli, sindaco di Pineto e delegato ANCI al Demanio marittimo e da Enrico Di Giuseppantonio – presidente della Provincia di Chieti e vicepresidente nazionale UPI.
Comuni e Province, che lavorano a stretto contatto con le problematiche balneari, comprendono meglio di chiunque altro i rischi insiti nel mandare a gara gli attuali concessionari e li sostengono apertamente, valutando la proroga al 2020 un palliativo, che rischia di creare un serio blocco agli investimenti.
Assente Mauro di Dalmazio, assessore Turismo Regione Abruzzo e coordinatore interregionale Turismo.



Commenti

CNA BALNEATORI PESCARA 25.01.2013 – COMUNICATO STAMPA

Postato il: 26 gennaio, 2013 | Lascia un commento

Ecco il comunicato stampa diramato al termine dei lavori del Consiglio nazionale CNA Balneatori di Pescara:

Ripartire dalla proroga al 2020, riconosciuta alle imprese del settore balneare, per confermare la peculiarità del sistema turistico italiano e offrire nuove prospettive a un settore decisivo della nostra economia. E’ il tema del confronto, tenuto questa mattina a Pescara, tra il direttivo nazionale di Cna Balneatori (sono arrivati in Abruzzo, per l’occasione, anche rappresentanti della piccola impresa provenienti da Liguria, Toscana, Lazio, Emilia Romagna, Marche, Molise e Puglia) e alcuni rappresentanti del mondo politico e istituzionale nazionale e regionale. Nella sala, gremita di balneatori abruzzesi, sono intervenuti – tra gli altri – l’europarlamentare del Pd Andrea Cozzolino; il presidente dell’Unione delle Province Italiane-Abruzzo, Enrico Di Giuseppantonio; il delegato nazionale Anci per i problemi del demanio marittimo, Luciano Monticelli; il responsabile nazionale per il settore Turismo del Pd, Armando Cirillo. Presenti, inoltre, il segretario regionale della Sib-Confcommercio, Riccardo Padovano, e il presidente del Consorzio Ciba, Riccardo Ciferni e delle Imprese turistiche di Francavilla, Mauro Cioffi.
Sono pervenuti i messaggi di sostegno del Senatore Giovanni Legnini e dell’Assessore al Turismo della regione Liguria, Angelo Berlangieri.
Nel suo intervento introduttivo, il Coordinatore nazionale di Cna Balneatori, Cristiano Tomei, ha ribadito i temi della vertenza aperta ormai da anni, con le maggiori istituzioni nazionali e comunitarie, sulla applicazione della cosiddetta direttiva Bolkestein: «Il 2020 è un risultato minimo – ha detto tra l’altro – ma alla politica chiediamo adesso chiarezza sui nodi principali che ci stanno a cuore».
«Vogliamo che dopo le prossime elezioni – ha aggiunto Tomei – la discussione non riparta da zero, ma dai punti che sono al centro della mobilitazione delle imprese turistiche italiane». Quali siano, è ancora Tomei a dirlo: «Il primo problema è che le concessioni demaniali non si possono considerare come farmacie e taxi, oggetto di politiche liberalizzatrici: perché qui non si parla di allargare la base delle imprese, ma di togliere le attività ad alcuni, per darle ad altri attraverso le gare. Dunque, occorre rivedere con l’Unione europea il capitolo delle attività da sottrarre alla Direttiva servizi: la verità è che la natura di alcune delle prestazioni offerte dagli stabilimenti balneari, come ad esempio quella di salvamento e soccorso in mare, si configurano come un vero e proprio servizio di natura pubblica».
Sostegno alle tesi dei balneatori di Cna è arrivata, oltre che dai vertici nazionali di Anci e Upi (attraverso gli interventi del sindaco di Pineto e del presidente della Provincia di Chieti) soprattutto dall’europarlamentare Andrea Cozzolino, secondo il quale va ora aperto un dossier con l’Unione europea per riaprire subito il confronto sulla Direttiva servizi, in modo da ottenere l’esclusione per il settore della balneazione italiana.
Al termine dei lavori l’assemblea ha votato all’unanimità la proposta Tomei di chiedere alle forze politiche il chiaro supporto agli indirizzi sindacali contenuti nel documento politico programmatico sottoscritto unitariamente da Sib Confcommercio, Fiba Confesercenti, Cna Balneatori e da Assobalneari Confindustria ed in particolare “… la riapertura della trattativa in Ue per una corretta applicazione della c.d. Direttiva servizi e la conseguente esclusione del sistema turistico balneare italiano costituito dalle attuali imprese titolari di concessioni demaniali marittime”.
Prima occasione per ribadire tale proposta sarà la Conferenza nazionale sul Turismo organizzata dal Partito democratico che si terrà a Roma giovedì 31 gennaio e alla quale anche Cna Balneatori parteciperà con una propria nutrita delegazione. A questo riguardo Cristiano Tomei dichiara: «Delle istanze emerse in sede di direttivo nazionale CNA Balneatori mi farò portavoce con fermezza in sede di conferenza nazionale su Turismo del PD il prossimo 31 gennaio a Roma, per chiedere chiarezza e non ambiguità.»

Fin qui il comunicato stampa. Tomei ha parlato anche dell’emendamento Mercatali, ormai legge, disposizione che rischia di impedire le attività complementari a quella balneare specifica.
Se sarà ammesso a parlare al convegno PD del 31 gennaio a Roma, quindi, Cristiano Tomei esporrà, con la consueta incisività, questi concetti e chiederà al Partito Democratico di esprimere con maggior chiarezza il proprio programma di governo nei confronti delle imprese. Balneari e non.



Commenti

INIZIATIVE CNA BALNEATORI GENNAIO 2013

Postato il: 11 gennaio, 2013 | Lascia un commento

Pubblichiamo il calendario CNA Balneatori per il prossimo mese di gennaio. Programma denso di iniziative, con importanti risvolti operativi in ambito nazionale ed europeo, da coordinare con i partner di SIB CONFCOMMERCIO, FIBA CONFESERCENTI e ASSOBALNEARI CONFINDUSTRIA.
Di particolare interesse il Coordinamento nazionale di venerdì 25 gennaio a Pescara, per l’eccellenza delle partecipazioni, destinate ad ampliarsi.
Durante la riunione del Comitato regionale Cna  Balneatori Liguria (Genova – giovedì 17 gennaio), oltre alle tematiche regionali saranno trattati aspetti sindacali di carattere nazionale, tra cui l’organizzazione delle iniziative collegate a “Balnearia”, fiera che si terrà a Carrara dal 3 al 7 del prossimo mese di marzo.



Commenti

LUCIANO MONTICELLI DOPO LA MINIPROROGA

Postato il: 7 dicembre, 2012 | Lascia un commento

La lettera aperta di Luciano Monticelli, sindaco di Pineto e delegato ANCI al Demanio marittimo, fa il punto della situazione e precisa l’impegno istituzionale del delegato nell’ambito della questione balneare italiana.
Ciao Luciano!!













Commenti

MONTICELLI E LA PROTESTA DEI SINDACI

Postato il: 28 novembre, 2012 | Lascia un commento

da Antonio Smeragliuolo

Fermo richiamo di Luciano Monticelli – sindaco del Comune di Pineto e delegato ANCI al Demanio marittimo – alla necessità di un ritorno alla politica e all’impegno della politica.
ANCI come sempre in prima linea.







Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE

  • Pagina 1 di 212