LO STATO SI TRASFORMI DA GESTORE A CONTROLLORE DEL PROPRIO PATRIMONIO?

Postato il: 10 luglio, 2013 | Lascia un commento

AGENPARL_08.07.2013segnalazione di Cristina Baudoino

Pubblichiamo la nota AgenParl che riporta la criptica dichiarazione del senatore Pierantonio Zanettin (PDL), veneto, avvocato e revisore contabile, attualmente segretario della 1° Commissione permanente (Affari costituzionali) e membro della 9° Commissione permanente (Agricoltura e produzione agroalimentare) in sostituzione del ministro Gaetano Quagliariello. Con queste qualifiche si suppone che il senatore conosca l’argomento di cui parla e sia in grado di valutare le implicazioni della sua proposta. Noi invece non abbiamo capito cosa significhi, nel contesto di una dichiarazione che affida allo Stato il ruolo residuale di “controllore” di un “patrimonio” ormai dismesso, la proposta di “vendere” le concessioni demaniali. Gli chiediamo la cortesia di spiegarsi meglio.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE