PDL ELEZIONI POLITICHE 2013 E QUESTIONE BALNEARE ITALIANA

Postato il: 4 febbraio, 2013 | 3 Commenti

A pochi giorni dalla scadenza elettorale e dopo aver valutato gli esiti del convegno PD del 31 gennaio a Roma, il PDL sembra voler dedicare alla questione balneare l’attenzione che merita. Tra poche ore incontro a porte chiuse tra Giuseppe Ricci – presidente ITB Italia – e il segretario del partito Angelino Alfano. Compito difficile quello di Ricci, che si batterà com’è suo costume nel tentativo di ottenere un impegno chiaro e attendibile da quello stesso partito che in passato ci ha consapevolmente portato sull’orlo di perdere le concessioni.
Pochi giorni dopo – sabato 9 febbraio – al Centro congressi di Rimini, incontro di parte della nomenclatura PDL con gli imprenditori balneari sul tema: “Spiagge: Bolkestein e Direttiva concessioni”. Oggetto relativamente poco interessante, che sicuramente si amplierà nel corso del convegno, perché a differenza di organizzatori e relatori, gli operatori balneari che presenzieranno sanno perfino troppo bene che è arrivato il momento di essere concreti.
Noi non ci saremo. Invitiamo Annamaria Bernini, Michela Vittoria Brambilla, Lara Comi, Sergio Pizzolante a prendere posizione con chiarezza. Nei rapporti con i balneari il PDL più di qualsiasi altro partito deve recuperare credibilità.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE