MAMMA L’EUROPA!

Postato il: 26 giugno, 2013 | Lascia un commento

IBTI_DIRETTIVA_UE_2011_0437IL_FATTO_25.06.2013_DIRETTIVA_CONCESSIONIGiovanni Botta

Google Alert – figlio del mostro silenzioso che, mentre mi blandisce con briciole di notizia, mi spia e mi rivolta come un calzino – mi segnala, con due successive mail vagamente inerenti la mia query, cioè la mia personale ricerca riferita alle concessioni demaniali italiane in rapporto alla Direttiva servizi, mi segnala, dicevo, che l’Europa, a proposito della privatizzazione dell’acqua, fa marcia indietro. Cosa in realtà l’Unione stia facendo a questo riguardo è un mistero o forse è soltanto il gioco delle tre carte.
Ho letto con fastidio e non senza apprensione gli articoli pubblicati a lato, perché l’UE, questo ente sopranazionale al servizio di troppi poteri forti, questo soggetto che pur senza essere legittimato a governare tutto ingloba e tutto decide, che supera e snatura le autonomie nazionali, che ipnotizza i politici delle sue 27 province oltre i limiti della dipendenza, che parcheggia in un improbabile Parlamento i talenti minori, i soggetti scomodi in patria e quelli che ormai sono fuori dai giochi, questo tremendo bunker oligarchico che non informa adeguatamente, che ci tassa in silenzio, che legifera per poi interpretare liberamente con i suoi boiardi, che fa tendenza al punto che chi obietta è considerato fuori, questo impenetrabile labirinto di burocrazia continentale comincia davvero a farmi paura. Le notizie contenute nei due articoli potrebbero configurare qualsiasi scenario e questo, con ogni probabilità, è esattamente quello che ci si propone di fare. E dire che stiamo parlando dell’acqua, bene comune, essenza di vita! Chissà cosa in realtà sta accadendo alla Direttiva 2011/0437, che dovrebbe essere la famosa Direttiva concessioni, della quale si è parlato a lungo, che abbiamo ritenuto approvata ad inizio anno e che invece la stampa ritiene ancora in elaborazione. Chissà quali cervellotiche implicazioni potranno esserle attribuite. Chissà quando il Governo italiano deciderà di chiarire all’Europa che unione non significa alienazione.


Commenti

Referendum

Postato il: 11 giugno, 2011 | Lascia un commento

SI VOTA DOMENICA 12, DALLE 8 ALLE 22 E ANCHE LUNEDI’ 13, DALLE 7 ALLE 15.

COME SI VOTA. Ci si presenta presso la sezione indicata sulla tessera, con un documento d’identità valido e la tessera elettorale. Si vota apponendo una X sull’opzione scelta in ciascuna delle quattro schede: una per ogni quesito. Il referendum riguarda la possibilità di abrogare o mantenere in essere norme che sono attualmente in vigore, si vota SI’ se si vuole eliminarle, NO se si vuole mantenerle. EVITATE DI  SOVRAPPORRE LE SCHEDE MENTRE VOTATE: RIMARREBBERO SEGNATE ALL’ESTERNO E IL VOTO SAREBBE ANNULLATO.

I QUESITI SONO QUATTRO:

PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA (scheda rossa)
Il SI’ è contro la privatizzazione. Il NO è a favore.

PROFITTI SULL’ACQUA (scheda gialla)
Il SI’ è contro la possibilità di conseguire profitti. Il NO è a favore.

NUCLEARE (scheda grigia)
Il SI’ è contro il nucleare in Italia. Il NO è a favore.

LEGITTIMO IMPEDIMENTO (scheda verde chiaro)
Il SI’ è contro il privilegio di non comparire in giudizio per chi ha responsabilità di governo. Il NO è a favore.

L’ESITO DELLA CONSULTAZIONE SARA’ VALIDO SOLO SE AVRA’ VOTATO IL 50% DEGLI AVENTI DIRITTO AL VOTO PIU’ UNO.

Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE