EUROPARLAMENTO: SI VALUTI L’IMPATTO BOLKESTEIN

Postato il: 3 luglio, 2013 | Lascia un commento

ANSA_02.07.2013_VALUTAZIONE_IMPATTO_BOLKESTEINsegnalazione di Alessandro Riccomini

Il Parlamento Europeo prende posizione a favore del comparto balneare dopo la risoluzione 27 settembre 2011. Dopo quasi due anni ribadisce la centralità del turismo balneare per la crescita e lo sviluppo delle regioni costiere UE e invita l’Esecutivo europeo – cioè la Commissione – a valutare con urgenza gli effetti negativi della Direttiva servizi. Niente di nuovo, quindi, e maggiori dettagli nell’ANSA che pubblichiamo a lato, in formato interattivo.
Vedremo se, in quale misura e in quali tempi la Commissione recepirà questo rinnovato segnale di pericolo, completamente ignorato nel 2011.
Vedremo anche se il Governo italiano deciderà di cogliere l’opportunità offerta dalla risoluzione del Parlamento UE – come auspica Carlo Fidanza – e interverrà in Europa per risolvere una questione che presenta valenze sociali, economiche, politiche, culturali, ambientali,  che vanno ben oltre l’aspetto settoriale.
Vedremo. Ma è difficile credere che l’Esecutivo Letta assuma, rispetto alla soluzione della questione balneare, un’iniziativa diversa dall’elusione o dal rinvio.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE