A Cernobbio Gnudi boccia il turismo italiano

Postato il: 25 marzo, 2012 | 1 commento

Abbiamo seguito con attenzione il forum Confcommercio di Cernobbio, spiando possibili accenni alla questione balneare. Non ce ne sono stati, a meno che non si vogliano considerare tali le preoccupanti dichiarazioni del ministro Gnudi (affari regionali, turismo e sport) che, pur riconoscendo il successo e la valenza economica del turismo italiano, lo considera inadeguato, provinciale, poco professionale. Non ci credete? verificate direttamente, cliccando sul riquadro a lato. E non dimenticate che nel turismo italiano ci sono anche gli stabilimenti balneari. Altro che peculiarità irrinunciabile.

Commenti

C’è chi vuole le spiagge libere

Postato il: 26 giugno, 2011 | Lascia un commento

Statistiche recenti ci dicono che gli italiani prediligono le spiagge libere: il 64% di chi va al mare. Spiagge distese a perdita d’occhio. Belle, pulite, sicure, disponibili. Miraggi. In realtà le spiagge libere sono per lo più abbandonate a se stesse, poco gradevoli e poco sicure. Nessuno le cura, nessuno le pulisce, le mantiene, le coltiva. A volte addirittura chi le frequenta muore per imprudenza, mancanza di sorveglianza e di soccorso. Queste non sono novità per chi conosce le spiagge e sa quanto lavoro, tempo, impegno, richieda invece una spiaggia frequentabile. Gli articoli che vi proponiamo raccontano queste cose riferite a una cittadina come Celle Ligure, dove l’amministrazione è il gioiello che tutti i paesi costieri vorrebbero avere. Forse gli stabilimenti balneari non sono il peggiore dei mali.

Cliccare sulle icone per richiamare gli articoli.

Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE