ADDIO STEFANO RODOTA’

Postato il: 23 giugno, 2017 | Lascia un commento

RODOTA'Stefano Rodotà è morto. Insigne giurista, intellettuale di sinistra che ha vissuto il suo lungo impegno politico con reale spirito di servizio, onestà, coerenza e dignità, mantenendo sempre piena autonomia intellettuale,
strenuo difensore della Costituzione, Rodotà è stato per anni insostituibile punto di riferimento per chi ha creduto e crede nel diritto di avere diritti, individuali e sociali. Disse amaramente: “Viviamo in uno Stato di diritto, ma nessuno ci crede”.
Addio professore. Senza di lei ci sentiamo più soli.



Commenti

COMITATO PER IL NO NEL REFERENDUM COSTITUZIONALE SULLA LEGGE RENZI-BOSCHI

Postato il: 6 dicembre, 2015 | Lascia un commento

STELLA-ITALIALunedì 11 gennaio 2016, alle ore 15.30, nella sala della Regina presso la Camera dei Deputati, piazza Montecitorio in Roma, il Comitato per il No nel referendum sulla legge costituzionale Renzi-Boschi, preso atto della volontà del Governo Renzi di proseguire nella demolizione della Carta costituzionale del 1948, illustrerà le gravi violazioni apportate da tale riforma ai principi costituzionali supremi che, insieme alle non meno gravi incostituzionalità che caratterizzano la nuova legge elettorale ipermaggioritaria, potrebbero provocare una torsione autoritaria nella democrazia italiana.
Presiederanno Alfiero Grandi e Domenico Gallo del Coordinamento Democrazia Costituzionale.
Introdurrà i lavori Alessandro Pace.  Interverranno: Gaetano Azzariti, Felice Besostri, Lorenza Carlassare, Gianni Ferrara, Stefano Rodotà e Massimo Villone. Intervento conclusivo di Gustavo Zagrebelsky.
Il Comitato per il No, con lettera 20 novembre 2015, ha chiesto ai parlamentari di impegnarsi fin d’ora a chiedere immediatamente il referendum previsto dall’articolo 138 della Costituzione, qualora il temuto d.d.l. costituzionale venisse definitivamente approvato.



Commenti

COORDINAMENTO DEMOCRAZIA COSTITUZIONALE: COMUNICATO 19.11.2015

Postato il: 20 novembre, 2015 | Lascia un commento

VIVA_LA_COSTITUZIONEIl Coordinamento per la Democrazia costituzionale, in data 19 novembre 2015, ha diramato il Comunicato CDC_19.11.2015, che pubblichiamo.
Nel documento, il Comitato per il NO nel referendum previsto dall’articolo 138 della Costituzione italiana:

1.- precisa i termini della piattaforma politica sulla base della quale è stato costituito;

2.- avvisa che, allo scopo ivi precisato, è stata costituita un’associazione senza scopo di lucro denominata:

“Comitato per il No nel referendum sulle modifiche alla Costituzione”

3.- informa che il consiglio direttivo dell’associazione è composto da:

Gustavo Zagrebelsky (presidente onorario), Alessandro Pace (presidente), Pietro Adami, Alberto Asor Rosa, Gaetano Azzariti, Francesco Baicchi, Vittorio Bardi, Mauro Beschi, Felice Besostri, Francesco Bilancia, Sandra Bonsanti, Lorenza Carlassare, Sergio Caserta, Claudio De Fiores, Riccardo De Vito, Carlo Di Marco, Giulio Ercolessi, Anna Falcone (vice presidente), Antonello Falomi (tesoriere), Gianni Ferrara, Tommaso Fulfaro (cassiere), Domenico Gallo (comitato esecutivo), Alfonso Gianni, Alfiero Grandi (vice presidente vicario), Raniero La Valle, Paolo Maddalena, Giovanni Palombarini, Vincenzo Palumbo, Francesco Pardi, Livio Pepino, Antonio Pileggi, Marta Pirozzi, Ugo Giuseppe Rescigno, Stefano Rodotà, Franco Russo, Giovanni Russo Spena, Cesare Salvi, Mauro Sentimenti, Enrico Solito, Armando Spataro, Massimo Villone, Vincenzo Vita, Mauro Volpi.

Precisiamo che, per migliorare la leggibilità,  il comunicato è stato reimpaginato.



Commenti

  • CHI SIAMO

    Siamo concessionari demaniali marittimi di stabilimenti balneari. Di fronte al rischio di perdere le nostre concessioni-azienda a causa di una normativa europea mal interpretata o usata strumentalmente, spacciata per calamità ineluttabile da sindacati e Governo, abbiamo deciso di difenderci in prima persona e di promuovere ogni possibile attività lecita, a partire dall'informazione.
  • DISCLAIMER

    www.comitatobalneariliguria.it non è una testata giornalistica, perché non si pubblica con periodicità regolare, non produce ricavi, non richiede né ottiene sostegno finanziario dallo Stato (né da chiunque), non ha in organico giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti. Non è neppure un nuovo sindacato di categoria e non presta attività di consulenza. Chi collabora con il blog lo fa a titolo gratuito, si occupa dei problemi della propria categoria come qualsiasi imprenditore avveduto e ne parla nell’ambito di un amichevole scambio di opinioni, senz'altra contropartita che non sia quella dell'interesse comune. Leggeteci e valutateci con obiettività, con la stessa cautela che usate normalmente per navigare in rete.
  • AMMINISTRAZIONE